Archivi tag: Wes Studi

Penny Dreadful – Stagione 3

La terza stagione di Penny Dreadful, tanto vale dirlo subito, non è complessivamente all’altezza delle prime due. Intendiamoci, ha dei momenti altissimi, Un filo d’erba è fra le migliori puntate della serie in assoluto (come del resto lo sono state anche negli anni scorsi quelle dedicate al passato di Vanessa Ives), nonché il momento in cui la stagione finalmente decolla per non fermarsi più, e la serie si conclude in maniera coerente e azzeccata. Però manca quella pazzesca costanza qualitativa forse irripetibile dei primi due anni. Per dirne una, la puntata iniziale è davvero goffa nello svolgere il suo lavoro di “Dove eravamo rimasti?” e anche le due successive, prima appunto del decollo segnato dalla quarta, sono lente, fumose, affaticate nello stare dietro ai vari personaggi. Inoltre, l’impressione è che quell’equilibrio così delicato, e così perfetto nei primi due anni, fra melodramma, natura macchiettistica della premessa e strizzatine d’occhio, non venga qui sempre raggiunto, con momenti davvero poco riusciti. È proprio il tirare di gomito che, secondo me, diventa troppo forte e sottolineato, si fa un po’ prendere la mano e perde la sorprendente eleganza degli anni passati. Però, ehi, sto anche un po’ cercando il pelo nell’uovo.

Continua a leggere Penny Dreadful – Stagione 3

Annunci

Deep Rising

Deep Rising (USA, 1998)
di Stephen Sommers
con Treat Williams, Famke Janssen, Kevin J. O’Connor, Wes Studi, Anthony Heald

Nel 1998, un anno prima di sfondare con quel gioiello de La mummia, tre anni prima di cominciare a perdere colpi col deludente La mummia: il ritorno, sei anni prima di mettere in scena il suo completo rincoglionimento con quella cagatona di Van Helsing, Stephen Sommers si faceva conoscere con il suo primo, divertentissimo, esperimento nel regno del fantastico cazzaro. Un esperimento che raccontava di una colossale nave da crociera messa sotto assalto da parte di una specie di gigantesco e affamato polipone mutante, e di un gruppo di persone arrivato tardi alla festa e impegnato a evitare di fare da dessert.

Deep Rising è un film adorabile, uno z-movie fatto di personaggi tagliati con l’ascia bipenne, dialoghi al vetriolo, sangue e budella a catinelle, ritmo indiavolato, suspence, divertimento e un cast azzeccatissimo. Treat Williams è un protagonista carismatico e sufficientemente cazzaro, Famke Janssen è una gnoccolona da paura, Kevin J. O’Connor è lo stesso stupidissimo attore che ritroveremo nei film successivi di Sommers e Wes Studi, beh, è Wes Studi.

Lasciano un po’ a desiderare gli effetti speciali, davvero gommosi oltre ogni limite, ma nel complesso il film funziona, grazie soprattutto alla devastante carica di ritmo e risate che si porta dietro. Non offre molto di nuovo in termini d’intreccio e idee, ma convince grazie alla sua simpatia e a un paio di sviluppi della trama tutto sommato neanche banalissimi. Insomma, Deep Rising è una fresca e sanguinaria commedia estiva.