Archivi tag: Susan Sarandon

Alfie (2004)


Alfie (USA/UK, 2004)
di Charles Shyer
con Jude Law, Omar Epps, Nia Long, Marisa Tomei, Sienna Miller, Susan Sarandon

Jude Law, ne sono convinto fin dai tempi di Gattaca, è talmente figo che quasi quasi me lo farei pure io. Non stupisce quindi che si decida di basare un’intera pellicola sul suo fascino magnetico e su un personaggio i cui unici interessi paiono essere il sesso spensierato, un vita comoda e lussuosa, un vago e impalpabile progetto di affari, da concretizzare prima o poi nel futuro assieme al fido amico Marlon.

Alfie si racconta tramite la voce narrante del suo protagonista, che analizza le proprie azioni parlando direttamente allo spettatore e cerca sempre di mantenere un’aria distaccata e gioiosa, qualsiasi cosa gli accada. Tant’è che i momenti migliori dell’ottima interpretazione di Law sono proprio quelli in cui Alfie prova a dissimulare il fastidio, la tristezza e l’angoscia per i suoi errori, mantenendo il sorriso stampato in faccia e nascondendo lacrime e malumore dietro una maschera di plastica.

Già, perché un personaggio del genere, è inevitabile, finisce per mandare a puttane tutto quanto di buono ci sia nella sua vita, distruggendo amicizie, rovinando amori e cercando sempre di uscirne con le mani pulite. Alfie non lo fa apposta, non vuole fare del male a nessuno, ma finisce sempre per farlo. E da qui nasce una vena triste, amara, malinconica, che percorre un po’ tutto il film e ne smorza i toni da commedia.

Pellicola tutt’altro che irresistibile, priva di particolare mordente, ma piacevole e divertente. Infastidisce un po’ con quella deriva moralista nel finale, ma va pur detto che il protagonista, a conti fatti, se ne fa travolgere solo fino a un certo punto e quell’uscita di scena, tutto sommato, il dubbio che Alfie non abbia certo intenzione di cambiare vita te lo lascia eccome.

Annunci

Igby Goes Down


Igby Goes Down (USA, 2002)
di Burr Steers
con Kieran Culkin, Claire Danes, Ryan Phillippe, Jeff Goldblum, Amanda Peet, Jared Harris, Susan Sarandon, Bill Pulman

Ennesima pellicola appartenente al filone “nuova alta borghesia un po’ strana e con tanto cuore”, lanciato da Wes Anderson e ripreso da tanti (troppi?) altri, per esempio in Garden State ed Elizabethtown. Gli ingredienti sono i soliti: situazioni assurde, personaggi “affascinanti”, regia compiaciuta e compiacente, Susan Sarandon che interpreta un’insostenibile madre rincoglionita ma tanto intensa… Igby Goes Down, comunque, funziona abbastanza, soprattutto come commedia, grazie a qualche battuta azzeccata e alle buone interpretazioni di Kieran Culkin e Claire Danes, e riesce addirittura ad essere, per un breve momento, un racconto toccante sul rapporto difficile fra due fratelli estremamente diversi. Nulla di memorabile, comunque.