Archivi tag: Sarah Paulson

Ocean’s 8

Fa una certa impressione scoprire quanto le operazioni di “gender swap” viste nell’ultimo Ghostbusters e in questo Ocean’s 8 siano simili per modalità e risultati. Partendo dall’assunto che, per quanto mi riguarda, non c’è nulla di male nell’operazione in sé e, anzi, è sempre interessante vedere come si riesca a rielaborare qualcosa di già esistente, il problema, ancora una volta, è che la rielaborazione lascia a desiderare, vuoi perché troppo timida e ossequiosa nei confronti dell’originale, vuoi proprio per i risultati complessivamente modesti, non all’altezza di un cast invece davvero ottimo, in forma, che esprime voglia da tutti i pori. Insomma, ancora una volta, è un po’ un peccato.

Continua a leggere Ocean’s 8

American Horror Story: Hotel

Il problema principale di American Horror Story, per come la vedo io, è in una fra le sue caratteristiche migliori, vale a dire la natura da serie antologica. Il fatto di raccontare ogni anno storie diverse, mentre allo stesso tempo si gioca con i ritorni e la ciclicità, determina gran parte del suo fascino e del suo divertimento, ma va anche a sottolineare in maniera brutale quanto, mano a mano, la formula abbia iniziato a diventare stanca e, forse, eccessivamente riciclata nella sua struttura. Mi pare di capire che con l’ultima Roanoke si sia provato a cambiare un po’ le carte in tavola, ma io seguo la faccenda con estrema calma e quindi sto ancora a chiacchierare della stagione precedente. Una stagione che mi ha abbastanza divertito, che ha come al solito due o tre episodi fenomenali (su tutti, ancora una volta, spicca quello di Halloween) e in cui molti degli attori hanno dato spettacolo. Ma anche una stagione in cui, appunto, la formula ha ormai il sapore dello stantio, il tema di turno (il vampirismo) è trattato in maniera non poi così interessante e abbiamo perso Jessicona Lange in favore di una Lady Gaga che, boh, non è un disastro, ma il Golden Globe se non bestemmio guarda.

Continua a leggere American Horror Story: Hotel

American Horror Story: Freak Show

Cose che mi sono piaciute di American Horror Story: Freak Show: il cast, come sempre ottimo, fra  vecchi e nuovi, dai protagonisti alle comparse, passando per le guest star; la sigla di testa riarrangiata in stile circense; i cattivi: Twisty è fantastico, inquietante e tristissimo, Dandy è una spremuta umana di tutto ciò che AHS è sempre stato, sparata a mille in ogni direzione, Stanley è, beh, Denis O’Hare; il senso di assurdo e freakaggine alzato a manetta fino allo sbracare; Jessica Lange che canta David Bowie con accento tedesco; più in generale, i numeri musicali anacronistici, una roba che a me diverte sempre; i momenti in cui il tono riesce a vacillare nella maniera giusta fra l’orrore, la comicità e il melodrammone spinto, che alla fin fine sono sempre le parti più riuscite di ‘sta serie.

Continua a leggere American Horror Story: Freak Show