Archivi tag: Paul Rudd

Ant-Man and the Wasp

Come già fu per il primo episodio, Ant-Man and The Wasp si presenta nelle sale occupando lo slot di innocuo e simpatico defatigante dopo l’epica sbrodolante dell’ultimo Avengers. Lo fa, però, con qualche ostacolo in più da superare:

1. i tre film Marvel Studios che lo precedono non hanno accontentato tutti, perché non si può accontentare tutti, ma in linea di massima sono stati accolti più o meno come la Santa Trinità. Nel 2015, Avengers: Age of Ultron, che pure a me piacque molto, si era preso la sua bella dose di verdure in faccia;

2. sempre nel 2015, Ant-Man era atteso con un doppio sopracciglio alzato a base di “Ma che vuole questo?” e dubbi assortiti sulla fuga di Edgar Wright. Fu poi una gran bella sorpresa e l’ennesimo successo dei Marvel Studios. Inevitabilmente, oggi, le aspettative sono ben diverse e si sa che le aspettative tendono a influenzare le reazioni;

3. di nuovo: nel 2015, Ant-Man funzionò anche perché faceva parecchie cose diverse da quelle che all’epoca eravamo abituati ad aspettarci da questi film. Ant-Man and The Wasp non va troppo oltre il riproporre quelle stesse cose, che ovviamente hanno nel frattempo smarrito l’effetto sorpresa e il senso di freschezza.

Insomma, se lo inquadriamo così, è un film abbastanza superfluo, con poco da dire e che certamente non ha la potenza di chi l’ha preceduto nei mesi scorsi. Piacciano o meno quei film, mi sembra abbastanza innegabile che il nuovo di Peyton Reed non abbia dalla sua la follia fuori scala di un Thor: Ragnarok, l’ambizione tematica di un Black Panther o la… dimensione?… di un Avengers: Infinity War. È appunto, il filmetto defatigante. Quello minore, la cosetta simpatica e buffa. Ecco, sì, è il secondo episodio della sit-com ambientata nell’universo cinematografico Marvel.

Continua a leggere Ant-Man and the Wasp

Ant-Man

Ant-Man (USA, 2015)
di Peyton Reed
con Paul Rudd, Michael Douglas, Evangeline Lilly, Corey Stoll, Michael Peña

Ant-Man è arrivato nei cinema con addosso la rogna derivata dall’essere un po’ antipatico, sfigatello, certo non portatore sano di grandi aspettative. Era il progetto figlio dell’amore di Edgar Wright, quello che i Marvel Studios avevano tenuto fermo per quasi un decennio (privandosi per altro della possibilità di utilizzare altrove un personaggio importante delle loro storie a fumetti), perché ci tenevano a permettergli di realizzarlo e che nonostante questo, arrivati al dunque, era andato in vacca, con Wright e il suo amichetto Joe Cornish che mollavano la produzione per differenze creative e Paul Rudd e Adam McKay subentrati a rielaborarne la sceneggiatura. Ed era anche il film in cui gli stessi Studios non sembravano credere fino in fondo, fra il budget relativamente ridotto e l’assenza di un seguito nel piano quinquennale di dominazione del mondo annunciato tempo fa. Certo, è vero anche che annunciare un secondo episodio senza aver visto i risultati del primo sarebbe stato un po’ fuori dalle solite pratiche dei Marvel Studios, figuriamoci per un progetto apparentemente storto e basato su un personaggio che, per quanto importante nell’universo fumettistico, obiettivamente “là fuori” conoscevano in pochi. E poi, via, l’uomo formica, fa ridere, su. E quindi? Disastro? Eh, no.

Continua a leggere Ant-Man

40 anni vergine

The 40 Year Old Virgin (USA, 2005)
di Judd Apatow
con Steve Carell, Catherine Keener, Paul Rudd, Romany Malco, Seth Rogen

Due anni prima di Molto incinta, Judd Apatow si faceva conoscere con questo 40 anni vergine, che all’epoca era decisamente più “il film di Steve Carell” – e del resto si basava su uno sketch già mostrato in tv dal comico statunitense – ma col senno di poi mostra chiaramente tutto quello che renderà Apatow quella specie di Re Mida della commedia americana che è poi diventato.

Così come il successivo film di Apatow, anche 40 anni vergine lavora all’interno di meccanismi consolidati per rileggerli alla sua maniera. Se in Molto incinta si parla di classica commedia romantica, qua siamo più dalle parti della commedia demenziale e “politicamente scorretta” in stile Farrelly. Ma se il genere è indubbiamente quello, lo stile e le modalità sono ben lontane.

La chiave del film sta ovviamente nel protagonista, uno Steve Carell strepitoso che riesce ad essere contemporaneamente un personaggio assurdo e improbabile ma anche una persona realistica e tremendamente ben caratterizzata. E del resto si rispecchia anche in chi gli gravita attorno la natura di personaggi-stereotipo, macchiette monodimensionali ma in qualche modo realistiche e credibili, ben tratteggiate nei dettagli di un dialogo, un sentimento, un tratto caratteristico.

E poi c’è quella insostenibile amarezza di fondo, quel continuo mettere in scena momenti in cui non riesci a capire se devi ridere o provare tristezza per il protagonista, quell’anima graffiante e satirica che ti entra sottopelle e ti convince di non stare guardando la minchiata colossale che t’aspettavi. I Farrelly ti fanno ridere sboccatamente delle sfighe altrui, 40 anni vergine ti fa sentire in colpa perché ne stai ridendo. E la differenza non è poca.

E poi Apatow ha una dote rara, quella sua deliziosa capacità di rendere in maniera naturale e a modo suo elegante argomenti, situazioni e modi di parlare che chiunque altro ridurrebbe a triste volgarità. Con 40 anni vergine non ci si ammazza forse dal ridere – se non in un finale pazzesco, che da solo vale la visione – ma sembra sempre di essere davanti a qualcosa di ben più intelligente rispetto a quanto voglia far credere. E anche se preferisco l’umorismo più terra-terra e credibile di Molto incinta, apprezzo e approvo.

P.S.
Ho visto il film in lingua originale, non mi assumo responsabilità sul doppiaggio italiano, che immagino mestamente virato al volgare e al basso come troppo spesso accade negli adattamenti delle commedie. Del resto già lo strillo di copertina è una garanzia: “Più tempo aspetti e più sarà duro”

Molto incinta

Knocked Up (USA, 2007)
di Judd Apatow
con Seth Rogen, Katherine Heigl, Paul Rudd, Leslie Mann

Spaventato dal timore nei confronti delle sfiatate e ormai insostenibili commediole americane tutte uguali e tutte divertenti come un calcio nei coglioni, bloccato poi – lo ammetto – da un titolo italiano impresentabile, a suo tempo ho trascurato Molto incinta. Certo, m’incuriosiva, perché ne sentivo parlare bene e perché continuavo a leggere e percepire entusiasmo su questo e sugli altri film partoriti da Judd Apatow e amichetti vari, e quindi mi ero messo in testa di vederlo, prima o poi.

Alla fine, stimolato dagli euro in singola cifra che chiedevano su Axelmusic per l’HD-DVD (che si vede da Dio, ovviamente), ho investito sulle avventure del latin lover Seth Rogen. E ho fatto benissimo, perché Molto incinta (Knocked Up, santoddio) è un gran bel film, una commedia romantica hollywoodiana capace di scardinare gli schemi del genere lavorandoseli dall’interno, senza tradirli, anzi abbracciandoli fino all’inevitabile lieto fine, ma spennellandoli di nichilismo e furia corrosiva.

Knocked Up, tanto per cominciare, ammazza di risate. In un mondo in cui la commedia americana media dura novanta minuti e rompe il cazzo dopo quaranta, il film di Apatow spacca dal ridere per due ore abbondanti, senza un attimo di cedimento, senza che ci sia mai l’impressione di brodo allungato. Tutto quel che c’è, ci dev’essere, ci sta bene, diverte, con un senso del ritmo e una solidità davvero notevoli.

Ma non basta, il bello è anche altro. Per esempio il fatto che si parte da una situazione standard (notte alcolica, danno irreparabile) e per certi versi assurda, procedendo poi per tutti i passi tipici della commediola, che è facile prevedere, ma riuscendo lo stesso a stupire e sorprendere. Perché? Per la qualità della scrittura e la voglia di uscire dai soliti stereotipi buonisti e per famiglie.

In Knocked Up ci sono bei personaggi, che escono dalle macchiette mostrate nei primi minuti e svelano insicurezze, dubbi, sentimenti, schemi mentali tremendamente veri, credibili, umani, nei quali è facile riconoscersi e identificarsi. E poi c’è il gusto per il basso e il terra-terra, in una commedia in cui i personaggi imprecano e sbraitano, litigano e s’incazzano, scoreggiano e sboccano, ma lo fanno per davvero, non si girano dall’altra parte facendo versi in un cestino. E tutto questo non con la voglia di eccesso, di esagerazione infantile tipica dei Farrelly. No, col sincero desiderio di raccontare persone vere e credibili. Ed è per questo che funziona sul serio. Bello, bello per davvero.

Anchorman – La leggenda di Ron Burgundy

Anchorman – The Legend of Ron Burgundy (USA, 2004)
di Adam McKay
con Will Ferrell, Christina Applegate, Paul Rudd, Steve Carell, David Koechner

Ron Burgundy è anchorman leader della squadra di reporter di Channel Four, a San Diego. Vincitore di cinque Emmy Award, eroe popolare, amato dalle donne, pomposo, spocchioso e stupido all’inverosimile, cade vittima del fascino di Veronica Corningstone, sua nuova collega particolarmente apprezzata e pronta a tutto pur di soffiargli il posto. Pare il canovaccio per un film di Garry Marshall (o della sorella Penny, o magari di Nora Ephron), e invece è il primo delirio cinematografico a firma Adam McKay/Will Ferrell.

Anchorman, così come il successivo Talladega Nights, si diverte alle spese di un microcosmo tipicamente americano, che può probabilmente trovare riscontro anche da noi, ma i cui folli stereotipi sono tremendamente radicati nella cultura e nel modo di vivere a stelle e strisce. E questo limita un po’ l’impatto del suo approccio satirico perché, per quanto ci si possa divertire di fronte a quell’atmosfera stupidina e leggera, a quei personaggi tremendamente convinti e spocchiosi ma tutto sommato adorabili, rimane sempre la sensazione di non conoscere fino in fondo l’argomento di cui parla il film.

Film che comunque funziona solo fino a un certo punto anche per colpa dei limiti di una struttura che si basa sostanzialmente solo su una lunga serie di sketch messi l’uno in fila all’altro. È difficile e forse anche pretestuoso mettersi a distinguerli, ma l’impressione è che, rispetto a un Talladega Nights decisamente più riuscito, Anchorman sia il classico “film del comico televisivo”, impacciato nel raccontarsi e impegnato più che altro a mettere in scena i suoi numeri famosi, i tormentoni, le apparizioni speciali degli amici. Manca insomma, la capacità di andare un po’ oltre il cabaret e mettere in piedi un film vero e proprio.

O magari il problema è che due pellicole dominate da Will Ferrell viste a stretto giro di tempo sono troppe, nonostante alcune trovate divertentissime (il gobbo, la cena al club) e uno Steve Carell spettacolare.