Archivi tag: Nathan Fillion

Dr. Horrible’s Sing-Along Blog

Dr. Horrible’s Sing-Along Blog (USA, 2008)
di Joss Whedon
con Neil Patrick Harris, Nathan Fillion, Felicia Day

Dr. Horrible’s Sing-Along Blog è una deliziosa miniserie creata per il web da quel manico di Joss Whedon, che a quanto pare, non sapendo bene che cazzo fare durante lo sciopero degli sceneggiatori, si è divertito a partorire questo piccolo gioiello. Tre episodi da quindici minuti circa l’uno, che raccontano le peripezie del Dr. Horrible, un supercriminale un po’ sfigato interpretato meravigliosamente dall’adorabile Neal Patrick Harris.

Il Dr. Horrible trascorre le sue giornate cercando di diventare un cazzutissimo cattivo da fumetto, finendo regolarmente legnato da quel buzzurro spocchioso di Capitan Hammer (Nathan Fillion, my love), lanciando malinconici sguardi carichi d’amore alla bella Penny, la ragazza che vede tutti i giorni alla lavanderia a gettoni. E parlando via web a coloro che seguono il suo blog.

Questo, fondamentalmente, il canovaccio su cui si basano tre strepitosi episodi, vere e proprie bombe che mostrano quanto di folle, delizioso, completamente fuori dagli schemi possa venire fuori quando una mente con due palle così viene lasciata libera di lavorare senza alcun freno. Autoprodotto con passione e amore, Dr. Horrible’s Sing-Along Blog è un gioiellino, divertentissimo, appassionante, tenero e perfino commovente.

Stupisce per le sue continue trovate, lascia a bocca aperta per il modo intelligente e ricercato in cui sfrutta le tecniche del musical nel raccontare la sua storia, fa letteralmente spanciare dalle risate e regala perfino un colossale pugno nello stomaco a chi s’aspetta di guardare semplicemente una sciocchezzuola stupidina. Insomma, è Joss Whedon puro, poco altro da dire: chi sa, sa.

P.S.
Inizialmente visibili gratuitamente in streaming, i tre episodi sono stati poi messi in vendita su iTunes e sono quindi tornati nuovamente visibili via web. Adesso è possibile accedervi per entrambe le vie… se si vive negli Stati Uniti. Da noi, a quanto pare, ci son problemi di diritti e ci si attacca al cazzo. O si aspetta che il già annunciato DVD arrivi su play.com (axelmusic.com, amazon.uk, sarcazzo.asd), o magari si manifesti in groppa a un mulo (o ci si attacca a un proxy americano, mi suggeriscono).

Slither


Slither (Canada/USA, 2006)
di
James Gunn
con
Nathan Fillion, Elizabeth Banks, Michael Rooker, Gregg Henry, Tania Saulner

Delirante e divertentissimo miscuglio di horror in stile Troma e fantascienza anni Sessanta, Slither racconta del tentativo, da parte di uno schifo alieno, di conquistare il pianeta Terra e sterminare la razza umana. A combatterlo, uno sfigatissimo sceriffo di provincia, la cui principale attività quotidiana consiste nel rosicare perché l’amore della sua vita ha scelto un altro.

James Gunn, che tutto il mondo doveva già ringraziare anche solo per essere stato aiuto regista in quella perla di Tromeo and Juliet, confeziona un film adorabile nel suo citare la più classica sci-fi di mezzo secolo fa. Tutto, dalle musiche allo stile della messa in scena, ricorda quelle pellicole mitologiche e aiuta a creare un’atmosfera deliziosa.

Ma il bersaglio viene definitivamente centrato grazie al sapore smodatamente trash dell’alieno, degli effetti speciali e di una sceneggiatura capace di non prendersi mai sul serio e di mostrare anche idee a modo loro originali. Così, per esempio, vediamo protagonisti realmente in balia degli eventi e ben lontani dal classico uomo comune che, nel momento di crisi, diventa improvvisamente più preparato di uno S.W.A.T. e più fortunato di Gastone.

Insomma, una piacevolissima sorpresa, un horror divertente, emozionante e disgustoso al punto giusto. Promosso a pieni voti.