Archivi tag: Mat Lucas

Star Wars: Clone Wars – Volume 2

Star Wars: Clone Wars – Volume 2 (USA, 2005)
creato da Genndy Tartakowski
con le voci di Mat Lucas, James Arnold Taylor, Richard McGonagle, Tom Kane, Nick Jameson, André Sogliuzzo, Corey Burton, Anthony Daniels

In questo terzo e conclusivo blocco di puntate del suo serial animato di Guerre Stellari, Tartakowski decide di cambiare impostazione e passa dai microscopici episodi-lampo delle prime due stagioni a dei più corposi appuntamenti da dieci minuti l’uno. Ne esce così rafforzata la componente narrativa, che ricalca fedelmente il modello “lucasiano”, tanto insistentemente basato sul montaggio alternato di racconti paralleli che s’intersecano fra di loro. Volutamente o meno, però, finisce per essere un po’ penalizzata l’anima iconoclasta e irriverente che così bene aveva caratterizzato gli episodi precedenti.

Si rimane comunque su livelli altissimi di qualità, ispirazione e divertimento, ma di sicuro questo secondo DVD dedicato alla serie sembra molto più spiritualmente vicino al Guerre Stellari che piace a Lucas. Il racconto, comunque, riprende esattamente da dove si era interrotto e prosegue fino alle battute iniziali di Episodio III, infilando qua e là gustose citazioni ed elementi narrativi che saranno poi ripresi nell’ultimo episodio cinematografico della saga.

Proprio questo suo dover fare da prologo, però, toglie alla serie un po’ di compiutezza. Mentre le prime due stagioni, pur con un cliffhanger conclusivo, davano un senso di chiusura e ponevano termine al proprio arco narrativo, qui sembra mancare un vero e proprio finale e c’è una fastidiosa sensazione di coito interrotto. Fastidiosa soprattutto perché, se si volesse andare avanti, toccherebbe rivedersi Episodio III.

Annunci

Star Wars: Clone Wars – Volume 1

Star Wars: Clone Wars – Volume 1 (USA, 2003/2004)
creato da Genndy Tartakowsky
con le voci di Mat Lucas, James Arnold Taylor, Corey Burton, Tom Kane, Nick Jameson, André Sogliuzzo, Anthony Daniels, Richard McGonagle

Mentre era impegnato a cacar fuori la ridicola sceneggiatura di Episodio III, quel vecchio rincoglionito di George Lucas decise di staccare un altro paio di assegni e mettere in produzione una serie a cartoni animati che raccontasse quanto avvenuto fra il secondo e il terzo episodio del suo gerontodelirio. Grazia volle che il caro George, pur avendo perso vergogna, capacità di autocritica e contatto con la realtà, mantenesse ancora saldo il suo buon gusto. Buon gusto che lo portò a mettere il progetto nelle geniali mani di Genndy Tartakowsky, mente responsabile di gioielli come Il laboratorio di Dexter e Samurai Jack.

E ne è uscito fuori quel che era lecito attendersi, vale a dire un vero e proprio delirio grafico e narrativo, che rispetta a pieno lo spiazzante e assurdo senso dell’umorismo di Tartakowsky e adatta meravigliosamente bene il suo stile all’universo di Guerre Stellari. Non solo, perché come suo solito l’autore di origini russe si concede anche lusso di sperimentare, questa volta con la scelta di realizzare brevissimi episodi di tre minuti l’uno, capaci di acchiappare e divertire con un senso del ritmo e una verve quasi sconvolgenti.

L’edizione in DVD monta i primi due blocchi di episodi in un unico mediometraggio da poco più di sessanta minuti. Il risultato ovviamente finisce per non essere del tutto omogeneo, con la sezione dedicata alle avventure dello Jedi “subacqueo” a staccare un po’ troppo dal resto, ma nel complesso convince, grazie all’avvincente affresco narrativo e alla spettacolare realizzazione dei singoli episodi.

Devastante per il continuo turbinio di invenzioni visive e trovate allucinogene, spiazzante per come irride con un umorismo demenziale e frizzantissimo, eccellente nella pura realizzazione tecnica, questo Clone Wars – Volume 1 può perfino permettersi di vantare, nelle sue battute conclusive, uno dei duelli in assoluto più spettacolari dell’intera saga di Star Wars.

Meglio di così era davvero difficile chiedere e infatti, se non consideriamo una manciata di videogiochi, Clone Wars è la migliore cosa legata a Guerre Stellari che si vede dal 1980. E questo nonostante il cretino col doppio mento abbia pure contribuito alle sceneggiature (ma sicuramente sarà colpevole degli episodi meno riusciti).