Archivi tag: John Cusack

Love & Mercy

Love & Mercy racconta la storia di due Brian Wilson. Il giovane leader dei Beach Boys, creativo preda della sua frenesia mentale e di un’ambizione smisurata, e l’uomo di mezz’età che cerca di sfuggire ai problemi mentali e dal deleterio rapporto di dipendenza instaurato con lo psicologo Eugene Landy (interpretato da un Paul Giamatti che, fra Straight Outta Compton e questo film, è ormai uomo di riferimento per il personaggio fangoso dei biopic a sfondo musicale). A interpretare i due volti del protagonista ci pensano Paul Dano e John Cusack, entrambi ottimi, efficaci, coinvolgenti e in parte, per quanto il più giovane dei due sia assecondato da un film più interessante.

Continua a leggere Love & Mercy

Annunci

L’ultimo contratto


Grosse Point Blank (USA, 1997)
di George Armitage
con John Cusack, Minnie Driver, Alan Arkin, Dan Aykroyd, Joan Cusack

Martin Q. Blank (John Cusack) è un killer a pagamento, uno dei più bravi, ma dopo tanti anni di uccisioni ha perso la passione per il suo lavoro e non trova più stimoli e motivazioni. Va in terapia da uno psichiatra (Alan Arkin) terrorizzato dalla sua figura e sogna tutte le notti il suo amore perduto. Un giorno riceve un invito per una riunione scolastica e decide di parteciparvi, per reincontrare qualche amico e ritentarci con la vecchia fiamma. Ma non sa di avere sulle proprie tracce qualche collega, fra cui uno spettacolare Dan Aykroyd…

L’ultimo contratto è un film strano, indeciso. Non sembra essere troppo convinto del registro da tenere e oscilla in maniera schizofrenica fra il grottesco, il romantico e il film d’azione in senso stretto. Vive delle belle interpretazioni dei suoi attori, che recitano tutti costantemente sopra le righe e contribuiscono così a creare un’atmosfera del tutto surreale, alimentata da una fotografia e una regia allucinate.

Diverte e si prende in simpatia, grazie a soprattutto a dialoghi molto ben scritti, specie quando coinvolgono il protagonista e la simpatica Minnie Driver, ma non convince fino in fondo, forse anche per un finale un po’ raffazzonato. Ma son comunque un paio d’ore scarse in compagnia di John Cusack, che si trascorrono sempre con piacere.