Archivi tag: Jeff Bridges

Poi non dite che non vi ho avvisati: Hell or High Water

E insomma, Hell or High Water è arrivato in Italia senza passare dal via, per direttissima su Netflix. È un po’ un peccato, perché quei bei paesaggi sparati verso l’infinito texano, in sala, fanno la loro porca figura, ma insomma, meglio che niente. Io l’ho visto al cinema, qua a Parigi, un paio di mesi fa e ne ho scritto a questo indirizzo qui.

Hell or High Water

Hell or High Water è il nuovo film di David Mackenzie, regista inglese in attività da oltre due decenni e che un paio d’anni fa ha sostanzialmente lanciato la carriera internazionale di Jack O’Connell con l’ottimo Starred Up. Ma è anche il secondo lavoro da sceneggiatore di Taylor Sheridan, attore pure lui attivo da metà anni Novanta che si è improvvisamente rilanciato come autore firmando Sicario, ha già scritto e diretto il suo esordio da regista (Wind River, arriva l’anno prossimo) e ha in produzione Soldado, pseudo seguito di Sicario che farà esordire il nostro Stefano Sollima a Hollywood. Aggiungiamoci Jeff Bridges versione texas ranger ruvido e polveroso che si mastica le parole mentre battibecca col suo partner Gil Birmingham e un Chris Pine e un Ben Foster in formissima come protagonisti e ci sono tutti gli ingredienti per aspettarsi la bomba che in effetti questa specie di western/poliziesco/noir/heist movie è.

Continua a leggere Hell or High Water

Iron Man

Iron Man (USA, 2008)
di Jon Favreau
con Robert Downey Jr., Jeff Bridges, Gwyneth Paltrow, Terrence Howard

Il “problema” dei film tratti dai fumetti di supereroi è che sono bene o male sempre pensati con in mente un target adolescenziale. Nulla di male, in fondo avviene lo stesso con buona parte dei fumetti a cui si ispirano, ma certo un po’ spiace al pensiero di quanto al contrario talvolta, in determinate saghe o determinati albi, gli stessi personaggi vengano posti in contesti ben più adulti, dalla scrittura spesso eccellente e dall’appeal maturo e ricco.

E spiace anche che un film come Iron Man si poggi su temi dal grosso potenziale limitandosi a sfiorarli e a ricoprirsene per darsi un tono, senza però affondare il coltello neanche un po’. Voglio dire, quanto sarebbe stato più bello, il film di John Favreu, se avesse provato a fare reale satira, graffiante e incisiva, anche solo sul modello di Lord of War? O magari sarebbe stato fuori luogo, vai a sapere.

Oh, poi, per carità, ci si accontenta pure di un semplice filmetto post-puberale, se ben pensato e confezionato. In fondo stiamo parlando di un blockbusterone con protagonista Robert Downey Jr. (che, c’è poco da fare, è Tony Stark), che fa impressione quanto riesca a recitare deliziosamente bene anche quando dice stronzate dall’inizio alla fine. E non bastasse lui, c’è il Drugo imborghesito e maligno, che regala un cattivo magari non memorabile, ma di bell’impatto. Cazzo, perfino quella trota salmonata della Paltrow riesce ad essere adorabile, se non si fa caso alla voce da ritardata che le han dato in italiano.

E c’è pure una sceneggiatura frizzante, ritmata, con tante trovate divertenti, un discreto numero di strizzate d’occhio per i fan e un abbozzo di storia un po’ più corposo del solito. Con un protagonista che sì, ok, si fa prendere dal senso di responsabilità, ma è e rimane un riccastro viziato, egocentrico e onnipotente, almeno un pochino antieroe e molto meno puro, banalotto e saggio di tanti suoi colleghi. E degli effetti speciali che fan paura e ancora una volta mettono su schermo quello che fino a qualche anno fa chi s’aspettava potesse funzionare tanto bene, regalando un paio di momenti action davvero spettacolari e riusciti.

Il problema, semmai, è che c’è anche Jon Favreau. Uno che – per carità – fa il suo diligente dovere, regala perfino qualche abbozzo di idea, non scivola in evidenti sbavature, ma insomma, realizza anche un film piatto, medio(cre), derivativo, privo di qualsiasi guizzo e anche, diciamocelo, un filo lunghetto. Caspita, almeno gli Spider-Man, i Batman, gli X-Men, lo stesso Hulk, per quanto non siano magari fulgidi esempi di narrativa profonda e adulta, hanno dietro alla macchina da presa registi di ben altro livello. E un po’ li si rimpiange, via.

Oh, poi, intendiamoci, c’è Iron Man tutto luccicante e figo che si prende i missili in faccia e si rialza sporco di fango. E vola. E mena i cattivi. Serve altro? Alla fine non è manco detto. In fondo, anche qui, come sempre, ce l’ho avuto quel momento. Quando indossa per la prima volta l’armatura definitiva e va a far casino nel deserto. Ecco, lì. Mi son ritrovato a guardarlo con l’occhio spalancato, la pupilla dilatata e il sorrisino idiota. Quindi va bene così, ci mancherebbe, anche se a ‘sto giro niente pelle d’oca (starò invecchiando).

E in fondo magari il problema è pure un po’ inverso rispetto a quanto ho provato con I Fantastici Quattro. Di quello avevo letto e sentito talmente male che alla fine mi ha sorpreso in positivo. Di questo ho letto e sentito talmente bene che alla fine, ecco, insomma… tutto qui? Sì, tutto qui. Ma poteva andare peggio, via.