Archivi tag: Jamie Bamber

Battlestar Galactica – Stagione 3

Battlestar Galactica – Season 3 (USA, 2006/2007)
creato da Ronald D. Moore
con Edward James Olmos, Mary McDonnell, Katee Sackhoff, Jamie Bamber, James Callis, Tricia Helfer, Grace Park, Michael Hogan, Aaron Douglas, Tahmoh Penikett, Lucy Lawless

L’approccio alla terza stagione di Battlestar Galactica è stato per me accompagnato da qualche timore di troppo. Il ricordo di quella oscena manciata di episodi che precedeva il gran finale della precedente annata era ancora ben vivo nella mia testolina e mal si conciliava con certe critiche lette in giro sulle troppe puntate riempitive e sull’eccessiva insistenza sugli aspetti da soap. Col senno di poi, i timori si sono rivelati esagerati, ma forse mi hanno fatto bene, perché al solito le aspettative non elevatissime mi hanno fatto godere assai di quel che poi ho visto.

A conti fatti questa terza stagione abbraccia sicuramente l’idea di approfondire meglio i personaggi e le relazioni che li legano, mettendo a tratti anche da parte lo sviluppo della storyline principale. Ma d’altra parte la cosa è decisamente realizzata meglio rispetto al timido e maldestro tentativo della seconda annata. Lì, molto semplicemente, a un certo punto ci si è ritrovati a mettere in pausa la fuga dai Cylon per dare spazio a (orrendi) episodi autoconclusivi, che oltretutto in un paio di casi si permettevano anche di risolvere completamente a cazzo storie e personaggi di lungo corso. Qui, invece, si è lavorato molto meglio sulla struttura narrativa e, sebbene in certi frangenti si abbia comunque l’impressione di qualche stiracchiamento per allungare il brodo, l’insieme è molto più compatto, omogeneo.

Le storie dell’equipaggio, gli approfondimenti sui singoli personaggi, gli intrecci amorosi, le sottotrame politiche non sono più siparietti aperti e chiusi fra un colpo di scena e l’altro, ma vanno a costituire parte integrante del racconto, che li porta avanti in parallelo all’epica lotta per la sopravvivenza (di quel che resta) dell’umanità. E ne viene fuori una serie che magari non riesce a scrollarsi di dosso qualche ingenuità e qualche caratterizzazione un po’ schizofrenica, ma si riprende alla grande da certi scricchiolii di troppo.

E i Cylon? I loro dubbi, i loro piani, le loro motivazioni, la loro controversa guerra all’umanità? Difficile parlarne senza svelare troppo, cosa che non ho esattamente voglia di fare. Di sicuro, comunque, se si chiude un occhio su qualche passaggio poco convincente e ci si lascia coinvolgere dagli eventi, il crescendo narrativo è spettacolare. Splendido l’avvio di stagione, che risolve in maniera soddisfacente il cliffhanger su cui ci si era fermati e rilancia la serie nel suo rinnovato viaggio. Appassionante il caos di misteri ed emozioni, costruito in maniera molto abile ma tutto sommato non portato all’eccesso, con la saggia scelta di svelare altri misteri in una chiusura d’anno che ancora una volta spiazza gettando chili di carne al fuoco.

C’era il rischio di forzare la mano, prolungando a dismisura i dubbi e le relative soluzioni, come tanto spesso si è visto e si vede ancora fare in altri serial. E a tratti l’impressione di essere un po’ presi per il culo, diciamolo, c’è anche. Ma nel complesso, forse anche grazie alla chiusura forzata imposta dai produttori sul termine della quarta stagione, non ci si può proprio lamentare.

Battlestar Galactica – Stagione 2

Battlestar Galactica – Season 2 (USA, 2005/2006)
creato da Ronald D. Moore
con Edward James Olmos, Mary McDonnell, Katee Sackhoff, Jamie Bamber, James Callis, Tricia Helfer, Grace Park, Michael Hogan, Aaron Douglas, Tahmoh Penikett, Kandyse McClure, Lucy Lawless

La seconda annata di Battlestar Galactica riprende ovviamente il discorso dal punto in cui si era interrotto nella stagione precedente, con il comandante Adama in pericolo di vita, una parte dell’equipaggio bloccata su un pianeta ostile e Starbuck impegnata in una complicata missione solitaria. Una serie di situazioni dalla forte tensione narrativa, che vengono raccontate in un continuo crescendo di eventi fino alla fragorosa esplosione di metà anno, con l’entrata in scena della nave da battaglia Pegasus e dell’insopportabile ammiraglio Cain, intepretato dalla sempre efficacissima Michelle Forbes.

Dodici episodi che vanno via in un soffio, procedendo sui fantastici binari a cui la miniserie e la prima stagione avevano abituato. A dominare sono la fantapolitica e le tensioni religiose, i conflitti umani basati su un ricco approfondimento psicologico dei personaggi e dei loro sentimenti. In Battlestar Galactica si parla di onore, rispetto, amore, odio razziale, terrore dell’ignoto e lo si fa con un’intensità e una delicatezza davvero rare, senza fra l’altro rinunciare a una sana autoironia e a un gran gusto per lo spettacolo, alimentato del resto da una messa in scena molto efficace.

Il problema, però, è che dopo aver scollinato con la dodicesima puntata la serie si perde un po’ e paga forse l’aver voluto “ampliare” fino a venti episodi rispetto ai tredici del precedente anno. Prima che abbia inizio la spettacolare storyline di chiusura, infatti, si manifesta un gruppetto di puntate autoconclusive abbastanza deludenti. Episodi che si dedicano ad approfondire questo o quel personaggio e che, pur non rinunciando ad avvenimenti significativi per la serie (come la morte di un personaggio abbastanza importante o la chiusura di alcune sottotrame), risultano “scollegati” dal flusso narrativo.

Ma il vero problema non sta certo nella voglia di staccarsi un pochino dalla struttura a racconto unico, quanto piuttosto nella qualità deludente dei singoli episodi. Che sia per l’utilizzo di poco convincenti deus ex machina nella risoluzione di snodi narrativi (Epiphanies), o per il semplice fatto che si tratta di episodi brutti e francamente noiosetti (Scar, Black Market), a conti fatti viene un po’ a mancare il travolgente e incalzante mordente che rende grande questa serie nei suoi momenti migliori.

Per fortuna, come detto, nel finale la stagione si riprende alla grande, con un crescendo che sembra voler tirare i nodi al pettine, una serie di rivelazioni scottanti e due o tre svolte narrative di peso. Ci si lascia con un epilogo gustosissimo, che crea un punto di partenza davvero intrigante e azzeccato per la stagione successiva (nella quale, però, mi dicono essere ulteriormente aumentati gli inutili episodi riempitivi).

Battlestar Galactica – Stagione 1

Battlestar Galactica – Season 1 (USA, 2004/2005)
creato da Ronald D. Moore
con Edward James Olmos, Mary McDonnell, Katee Sackhoff, Jamie Bamber, James Callis, Tricia Helfer, Grace Park, Michael Hogan, Aaron Douglas, Tahmoh Penikett

Dopo un primo approccio sotto forma di miniserie, Battlestar Galactica torna in pista con una prima stagione da soli quattordici episodi, a testimoniare ancora una volta la “prudenza” che si respira attorno alle produzioni televisive di fantascienza. Sempre meglio del fastidioso destino riservato a Firefly, ci mancherebbe, ma insomma, fa comunque un po’ tristezza, specie quando si parla di prodotti dalla qualità stratosferica come questi.

Battlestar Galactica, oltretutto, è il perfetto esempio di fantascienza pensata apposta per chi non regge la fantascienza, perlomeno quella che normalmente domina sul grande e piccolo schermo. Certo, ci sono le astronavi e le battaglie, c’è l’apparentemente inevitabile ambientazione a sfondo militare, ma siamo davvero lontani dalle piroette mistiche di Star Wars e dalle utopie buoniste di Star Trek (oh, non ci si incazzi se semplifico, che a me Star Wars e Star Trek piacciono anche).

Al centro di Battlestar Galactica ci sono i personaggi e le relazioni fra di loro. I misteri che gravitano attorno alla natura stessa dei Cylon e della loro folle psicologia. In parte per evidente scelta, in parte forse anche per limiti di budget, gli elementi fantascientifici servono soprattutto da sfondo, da pretesto, da mezzo narrativo per raccontare un enorme melodrammone e le meravigliose vie in cui si sviluppa. E il tutto all’insegna del gretto realismo, con una regia sporca e movimentata, uno stile selvaggio e terra terra.

In questa prima stagione si parte esattamente da dove terminava la miniserie, con gli umani sopravvissuti in fuga dai Cylon. Si parla di una disperata lotta per la sopravvivenza e per la speranza, dei confliti sociali e morali che esplodono in una comunità governata a quattro mani da politici e militari, dei dubbi di protagonisti costretti a scoprire più di quanto vorrebbero sulla propria natura e dell’obbligo di scendere a patti con tremende verità.

Gli sceneggiatori buttano sul piatto elementi nuovi a ogni puntata, tengono alta la tensione con svariate sottotrame portate avanti nell’arco di tutta la stagione, introducono nuovi personaggi e propongono sviluppi interessanti per quelli già presenti. E, pur essendo evidentemente progettata come rampa di lancio per ciò che verrà poi, con una quantità incredibile di spunti buttati lì e pronti ad essere sviluppati, questa prima annata rappresenta anche un bell’arco narrativo, con un inizio e una fine.

Oddio, proprio di fine è difficile parlare, visto che come al solito si chiude su un coacervo di cliffhanger da far girare abbastanza le palle, ma insomma, ci siamo capiti. E in ogni caso si tratta di quattordici episodi spettacolari, anche se ovviamente non possono mantenere la tensione constantemente alle stelle come fa quella specie di incredibile filmone che è la miniserie. Gli episodi peggiori sono semplicemente molto belli, i migliori sono fuori parametro. Mica male!

Battlestar Galactica – La miniserie

Battlestar Galactica – The Miniseries (USA, 2003)
creato da Ronald D. Moore
con Edward James Olmos, Mary McDonnell, Katee Sackhoff, Jamie Bamber, James Callis, Tricia Helfer

Pur senza essere mai riuscito a seguirlo per davvero, da bambino adoravo Battlestar Galactica. Mi sembrava – e in effetti probabilmente sotto molti punti di vista lo era – la versione televisiva di Guerre Stellari. C’era il film, che “Chissà quand’è che l’han dato al cinema?”, e c’era la serie TV, di chissà quante puntate, e della quale, a star larghi, ne avrò viste tre o quattro in vita mia. Però c’era Sberla dell’A-Team, e poi, caspita, me la ricordo ancora, c’era quella puntata spettacolare in cui il pilota figaccione (sarà stato proprio Sberla? E chi se lo ricorda?) rimaneva da solo, sul suo caccia interstellare, senza carburante, senza motore per l’iperspazio, senza un cazzo, insomma. Era lì in attesa, abbandonato a se stesso, e rischiava pure di finire l’ossigeno. Però a fine puntata lo trovavano e lo salvavano. O qualcosa del genere, insomma.

Ecco, il nuovo Battlestar Galactica, con tutto questo, non c’entra praticamente nulla, al punto che pare il creatore della serie originale l’abbia più o meno disconosciuto. Certo, l’idea di fondo (un’umanità ridotta ai minimi termini, costretta alla fuga a bordo della Galactica e alla ricerca di una nuova, mitologica, patria chiamata Terra) rimane la stessa, i nomi di alcuni personaggi pure, e ci sono perfino delle belle citazioni sparse qua e la. Però i cattivi di turno non sono più i tremendi alieni Cylon, ma i tremendi robot Cylon, creati dall’umanità e ad essa ribellatisi. E l’atmosfera non è più quella di una space opera solare, quanto piuttosto di un cupo serial militaroide. Che del resto è pure normale, se consideriamo che il grosso dell’azione è ambientato a bordo di una nave da guerra, coinvolta in un conflitto su scala interplanetaria, nell’avvio del quale l’umanità è stata ridotta ai minimi termini.

Partorito dalla fervida mente di Ronald D.Moore (autore di alcuni fra gli episodi più memorabili dello Star Trek anni Novanta), Battlestar Galactica si fonda innanzitutto su una caratterizzazione eccellente di protagonisti forse un po’ stereotipati, ma sicuramente efficaci. Come in ogni buon telefilm moderno, il motore primo della vicenda è dato dai personaggi e dalle relazioni fra di loro. Poi vengono le intuizioni geniali (la natura stessa dei Cylon “nuovo modello” offre non pochi spunti narrativi) e una realizzazione tecnica di grande impatto. Le scala delle battaglie e la maestria con cui sono realizzate lasciano di stucco, vista la natura televisiva del racconto.

La miniserie, che fa da prologo alla serie vera e propria, è davvero un gioiello che, se visto tutto d’un fiato, travolge e lascia a bocca aperta per tutte e tre le sue ore di durata. Un crescendo di eventi tragico, emozionante, appassionante, capace di buttare al fuoco una quantità pazzesca di carne, ma anche di essere allo stesso tempo un ottimo racconto autoconclusivo. Televisione di gran livello, ben più cinematografica di tanta immondizia che passa sul grande schermo. E adesso vediamo come va avanti…