Archivi tag: James Callis

Castlevania – Stagione 1

Più passano gli anni e più, in questo triste mondo dell’entertainment tarato su misura dei fan scassamaroni, si fa largo l’idea che nell’adattare un’opera conti solo ed esclusivamente un presunto “rispetto dell’originale”. È quel modo di pensare secondo cui avere un Uomo-Ragno fedele al personaggio dei fumetti sia più importante di avere un Uomo-Ragno protagonista di un bel film (non è una frecciata a Spider-Man: Homecoming, che non ho ancora visto ma pare essere delizioso). È, se lo chiedete a me, un modo di pensare cancerogeno, che fa solo danni, ed è, sempre se lo chiedete a me, l’unico modo in cui è possibile ritenere che il Castlevania di Netflix sia per il momento molto più che mediocre, nonostante un paio di elementi azzeccati e l’impressione che possa solo migliorare. E se non lo chiedete a me, beh, che ci fate qua?

Continua a leggere Castlevania – Stagione 1

Annunci

Battlestar Galactica – La miniserie

Battlestar Galactica – The Miniseries (USA, 2003)
creato da Ronald D. Moore
con Edward James Olmos, Mary McDonnell, Katee Sackhoff, Jamie Bamber, James Callis, Tricia Helfer

Pur senza essere mai riuscito a seguirlo per davvero, da bambino adoravo Battlestar Galactica. Mi sembrava – e in effetti probabilmente sotto molti punti di vista lo era – la versione televisiva di Guerre Stellari. C’era il film, che “Chissà quand’è che l’han dato al cinema?”, e c’era la serie TV, di chissà quante puntate, e della quale, a star larghi, ne avrò viste tre o quattro in vita mia. Però c’era Sberla dell’A-Team, e poi, caspita, me la ricordo ancora, c’era quella puntata spettacolare in cui il pilota figaccione (sarà stato proprio Sberla? E chi se lo ricorda?) rimaneva da solo, sul suo caccia interstellare, senza carburante, senza motore per l’iperspazio, senza un cazzo, insomma. Era lì in attesa, abbandonato a se stesso, e rischiava pure di finire l’ossigeno. Però a fine puntata lo trovavano e lo salvavano. O qualcosa del genere, insomma.

Ecco, il nuovo Battlestar Galactica, con tutto questo, non c’entra praticamente nulla, al punto che pare il creatore della serie originale l’abbia più o meno disconosciuto. Certo, l’idea di fondo (un’umanità ridotta ai minimi termini, costretta alla fuga a bordo della Galactica e alla ricerca di una nuova, mitologica, patria chiamata Terra) rimane la stessa, i nomi di alcuni personaggi pure, e ci sono perfino delle belle citazioni sparse qua e la. Però i cattivi di turno non sono più i tremendi alieni Cylon, ma i tremendi robot Cylon, creati dall’umanità e ad essa ribellatisi. E l’atmosfera non è più quella di una space opera solare, quanto piuttosto di un cupo serial militaroide. Che del resto è pure normale, se consideriamo che il grosso dell’azione è ambientato a bordo di una nave da guerra, coinvolta in un conflitto su scala interplanetaria, nell’avvio del quale l’umanità è stata ridotta ai minimi termini.

Partorito dalla fervida mente di Ronald D.Moore (autore di alcuni fra gli episodi più memorabili dello Star Trek anni Novanta), Battlestar Galactica si fonda innanzitutto su una caratterizzazione eccellente di protagonisti forse un po’ stereotipati, ma sicuramente efficaci. Come in ogni buon telefilm moderno, il motore primo della vicenda è dato dai personaggi e dalle relazioni fra di loro. Poi vengono le intuizioni geniali (la natura stessa dei Cylon “nuovo modello” offre non pochi spunti narrativi) e una realizzazione tecnica di grande impatto. Le scala delle battaglie e la maestria con cui sono realizzate lasciano di stucco, vista la natura televisiva del racconto.

La miniserie, che fa da prologo alla serie vera e propria, è davvero un gioiello che, se visto tutto d’un fiato, travolge e lascia a bocca aperta per tutte e tre le sue ore di durata. Un crescendo di eventi tragico, emozionante, appassionante, capace di buttare al fuoco una quantità pazzesca di carne, ma anche di essere allo stesso tempo un ottimo racconto autoconclusivo. Televisione di gran livello, ben più cinematografica di tanta immondizia che passa sul grande schermo. E adesso vediamo come va avanti…