Archivi tag: DC

Justice League

Le cose inaspettate. Justice League è riuscito, per brevi attimi, a titillarmi quello spirito da bimbo nerd che si gasa davanti ai supereroi che fanno cose sul grande schermo. È una sensazione che ho menzionato varie volte nelle mie chiacchierate per iscritto, durante questi anni di gente che si mena in pigiama al cinema, ma che negli ultimi tempi di overdose, assuefazione e placida abitudine, si era persa come lacrime nella pioggia. E invece, chissà come mai, su quell’ingresso in scena di Wonder Woman che sgomina i terroristi, con Gal Gadot che si muove potente, divina, velocissima, parando proiettili coi polsini come neanche Lynda Carter poteva sognarsi di fare, m’ha colto il brividino. Mi sono proprio gasato. Certo, è stato l’unico momento capace di colpirmi in questa maniera, nonostante – vado a spanne – un’oretta delle due che compongono il film sia dedicata alle scazzottate superpotenti, ma insomma, meglio che niente. E, in questo senso, quello del gasamento “basso”, sensoriale, stupido e incontrollabile, tocca dedicare una menzione d’onore a Danny Elfman, che non butta completamente nel cesso il lavoro fatto da Hans Zimmer e Rupert Gregson-Williams nei film precedenti ma firma coi guanti da forno (campane in ogni dove!) e infila il suo vecchio tema di Batman ogni volta che può (e omaggia anche il Superman di John Williams, seppur in maniera molto timida). Che cicci.

Continua a leggere Justice League

Annunci

Sventagliata a caso di fumetti letti nelle ultime settimane, fra panettoni, pandori e tortellini

È lunedì. Ieri sera sono andato a dormire tardi perché mi ero preso bene con l’inizio della terza stagione di The Strain. Per fortuna, quando ho chiesto l’aiuto della regia sulla chat di Facebook, la giuria popolare mi ha detto che non era il caso di guardare un’altra puntata ed era meglio andare a dormire.  Quindi non sono andato a letto troppo tardi, ma insomma. In più, il nuovo coinquilino felino fatica a quagliare con la preesistente coinquilina felina e le loro discussioni notturne mi hanno svegliato a più riprese. “E sticazzi?” No, certo, per carità, ma insomma, avevo voglia di buttare fuori qualcosa nel blog, ho la testa vuota e gli occhi spenti, mi sembrava il momento buono per il periodico post di aggiornamento ossessivo compulsivo sui fumetti letti di recente, per la precisione fra dicembre e questo pezzo di gennaio. Non sono molti, non c’è neanche molto di particolarmente bello, non so quanto potrei avere da dire di interessante anche su ciò che è bello e i miei ricordi sono come al solito ormai fumosi ma, oh, insomma, il punto è proprio di tirar fuori una roba facile tanto per.

Continua a leggere Sventagliata a caso di fumetti letti nelle ultime settimane, fra panettoni, pandori e tortellini

Batman v Superman: Dawn of Justice

Batman v Superman: Dawn of Justice prova a raccontare quattro film in uno e fa una fatica boia a riuscirci, impappinandosi già a partire da un titolo che sembra uscito dai listini di un negozio di videogiochi. Quello principale è il seguito diretto di L’uomo d’acciaio, un secondo film su Superman nel quale si racconta talmente tanta roba che potevano tranquillamente venirne fuori due. Ma poi c’è anche il film sul nuovo Batman (un Ben Affleck dalle fattezze cubiche che, se lo chiedete a me, è il miglior cavaliere oscuro mai visto al cinema, sia quando fa Bruce Wayne, sia quando il suo stuntman si mette il costume, nonostante il suo personaggio sia vuoto e sprecatissimo). E poi, ovviamente, c’è il primo episodio del telefilm cinematografico dedicato ai supereroi DC, quello messo assieme in fretta e furia per affiancarsi all’impero Marvel. E nessuno di questi quattro film ne viene fuori particolarmente bene, anche se, forse, nessuno di loro è davvero disastroso.

Continua a leggere Batman v Superman: Dawn of Justice

The Flash – Stagione 1

La prima stagione di The Flash segue un andazzo adeguato al protagonista che si ritrova: ingrana subito, parte a mille, non si ferma quasi mai a guardarsi indietro e, anzi, acquista sempre più impeto fino alla fine. Per essere il primo anno di una serie pop da network, ha una forza, una solidità e una qualità generale onestamente rare, riesce a superare con agio quasi tutti gli inciampi classici da show esordiente e raggiunge in scioltezza, anzi, in sprint lanciato, un finale davvero bello. In questo senso, in questa sua capacità di partire subito a mille, mi ha ricordato un po’ il sorprendente iZombie, con la differenza che quello ha il vantaggio della stagione in formato ridotto, mentre questo tiene quasi sempre botta per ventitré episodi pieni. Ma d’altra parte The Flash, forse, ha il vantaggio di nascere da un qualcosa di già consolidato come Arrow (che però, incidentalmente, nella contemporanea terza stagione è miseramente crollato).

Continua a leggere The Flash – Stagione 1

Arrow – Stagione 3

Se la prima e soprattutto la seconda stagione di Arrow, pur con tutti i loro limiti e la loro stupidaggine, sono uno spacco, la terza è rotta. Quasi tutto ciò che c’era di buono nelle prime due annate fatica ad ingranare e lascia invece spazio agli aspetti peggiori e più insopportabili della serie, che prendono il controllo della situazione e, senza il resto a controbilanciare, finiscono per scatenare tedio e fastidio. Non è un disastro completo, perché ci sono momenti buoni (il gruppo di episodi attorno alla pausa di metà stagione e quelli conclusivi) e perché ci sono novità gradite come la maggior attenzione alle coreografie action e il brillantissimo Ray Palmer di Brandon Routh, ma nel complesso è proprio una stagione bruttarella. E lo risulta ancora di più nel guardarla in parallelo alla prima di The Flash, che veramente le mangia in testa senza alcuna pietà. Chissà, magari Greg Berlanti e i suoi erano troppo impegnati su quel fronte.

Continua a leggere Arrow – Stagione 3

L’estate a fumetti (americani) di giopep

Un paio di settimane fa, ho scritto qua dentro dei fumetti (italiani, francesi e giapponesi) che mi sono letto durante le vacanze estive, rotolandomi fra un ombrellone e l’altro. Oggi, invece, scribacchio dei fumetti (americani) che mi sono letto quando l’estate stava finendo, un anno se ne andava e io ero tornato a Parigi. Ah, ci metto dentro anche un paio di cose Marvel, con una puntualizzazione: c’ho l’abbonamento a Marvel Unlimited, quindi leggo o scorro velocemente un po’ tutto, come se fossi ancora ai bei tempi in cui seguivo con attenzione l’intero universo. Solo che sono indietro. Ma di anni, eh. Sto leggendo la roba degli ultimi mesi del 2009, pensa te. E non mi metto qui ad elencare tutto quel che leggo, non avrebbe senso. Segnalo piuttosto quelle due o tre cose che mi sembrano particolarmente riuscite.

Continua a leggere L’estate a fumetti (americani) di giopep

Constantine

Constantine (USA, 2015)
creato da Daniel Cerone e David S. Goyer
con Matt Ryan, Angélica Celaya, Charles Halford, Harold Perrineau
 

Constantine, la serie TV, nasce sostanzialmente come tentativo di rendere giustizia a uno fra i personaggi fondamentali per l’esplosione iniziale dell’etichetta Vertigo, portatrice sana di fumetti maturi e di proprietà degli autori all’interno del colosso DC. Il contesto televisivo, senza dubbio, si presta bene per mettere in scena la serialità fumettistica e a questo si è accompagnato un certo sforzo per conservare l’iconografia, lo spirito, l’atmosfera e in molti casi le storie vere e proprie di Hellblazer. Insomma, la serie curata da Daniel Cerone era la grande speranza di tutti quelli che hanno odiato il film omonimo del 2005. E qui mi tocca aprire una parentesi che mi farà odiare da metà dei lettori.

Continua a leggere Constantine

La settimana a fumetti di giopep – 20/10/2007

Novità
Crisi Infinita ***
Crisi Infinita, letta tutta d’un botto, sinceramente non mi è parsa male come la si dipinge. Certo è una storia tutt’altro che eccezionale, niente più che l’ennesima maxisaga piena di gente che fa a botte, poco più che un Guerre Segrete disegnato meglio. Soprattutto, anche nel confronto con Civil War, paga quella che è poi la differenza più “luogocomunista” fra DC e Marvel, con una storia troppo incentrata sul conflitto di scala cosmica, sulle mazzate universali, sulle divinità assolute, e troppo poco attenta ai personaggi. Un gran caos di eventi e azione, che diverte dall’inizio alla fine, ma tocca davvero pochino il cuore e lo stomaco. Al limite, ci si potrebbe un po’ commuovere per le vicende dei personaggi storici, ma si tratta comunque di gente che non calca le scene dagli anni Ottanta (e la cui “vera” vita editoriale risale a ben prima), e francamente mi chiedo perché dovrei essere toccato dai drammi di personaggi per i quali non provo affetto. In compenso, rispetto a Civil War, Crisi Infinita dà più l’idea di una storia fatta e finita. Vero che l’assunto di partenza è basato su altre cinquantamila saghe precedenti e può risultare confuso a chi non le ha lette, vero che vengono appositamente lasciati discorsi in sospeso, ma perlomeno non c’è quell’impressione di coito interrotto lasciata addosso dalla saga Marvel. Che però, tocca ribadirlo, mi è parsa molto più sentita e coinvolgente.

Superman – Crisi Infinita **
Una mezza robetta, una scusa per giocare un po’ con la nostalgia sfruttando il caos di universi generato da Crisi Infinita. Inutile.

Batman – Un anno dopo ****
Un nuovo gran bel punto di partenza per il pipistrellone, non a caso scritto da uno sceneggiatore di razza come James Robinson. Personaggi, prima che mazzate, approfondimenti, studio dei rapporti fra i protagonisti e un bel crescendo che porta al ritorno in scena di un vecchio amico e allo stabilirsi di un nuovo status quo. Certo non un capolavoro, ma di sicuro un bel modo per ricominciare dopo Crisi Infinita.

Antiquariato
Superman Family – Ottobre 2005/Marzo 2006 (L.O.) ***
Un cumuletto di storie fra l’inutile e il riempitivo, il cui unico scopo è palesemente quello di aspettare ardentemente l’arrivo della Crisi.

Wonder Woman #220/226 (L.O.) ***
Qui va già meglio, con perlomeno una riuscita analisi delle conseguenze di Sacrifice e del gesto compiuto da Wonder Woman. Ma insomma, si respira la stessa aria di sbaracco che ho visto in tutte le fasi conclusive pre-crisi.

La settimana a fumetti di giopep – 15/10/2007

Novità
Abara #2 ***
Oh, non c’è niente da fare, io Tsutomu Nihei proprio non lo capisco. Non è che non mi piaccia, non posso dire che non mi piaccia, perché i disegni sono spettacolari e nelle sue tavole c’è sempre un’atmosfera incredibile, però proprio non capisco di che cazzo parli. Non riesco a seguire le sue storie, mi distraggo, mi perdo nelle vignette, non so che succeda e mi limito a sfogliare guardando le figure. Sarà un limite mio, immagino.

Dampyr #88/90 ***
L’ennesima, solida, divertente, prevedibile, storia di Dampyr, che sfrutta abbastanza bene lo “spargimento” su tre numeri e si mantiene sui livelli a cui la serie di Mauro Boselli ci ha abituato. Per l’ennesima volta, però, ho l’impressione di leggere una storia che con la vecchia impostazione bonelliana sarebbe stata lunga due albi e mezzo e ci avrebbe risparmiato qualche lungaggine di troppo.

Lone Wolf & Cub #25 ****
Ormai ho finito gli aggettivi per descrivere la potenza evocativa e la solidità narrativa con cui ogni mese questa saga riesce a stupirmi. Una lettura imprescindibile per qualsiasi appassionato di fumetti, a maggior ragione se interessato al fascinoso Estremo Oriente che fu.

Antiquariato
Superman Family – Novembre 2003/Agosto 2005 (L.O.) ***/****
Ancora alti e bassi, finalmente più i primi che i secondi, in quasi due anni di storie del frolloccone in pigiama blu e mantello rosso. Nel mucchio, tre saghe per certi versi molto importanti. Godfall racconta un nuovo viaggio nella “pseudo Krypton” e lascia il segno quasi solo per la nascita di un villain che diventerà poi fondamentale. For Tomorrow è il tentativo di replicare il successo ottenuto su Batman con Hush (Jeph Loeb/Jim Lee), mettendo al lavoro Brian Azzarello e Jim Lee. I risultati non sono disprezzabili per temi e idee, ma faticano a “tenere” l’esorbitante lunghezza (tanto quanto Hush, comunque). Decisamente meglio That Healing Touch, che si inserisce nel filone “identità segrete, dubbi esistenziali, dilemmi morali” che fa tendenza nella DC degli ultimi anni con un’intreccio intrigante ed efficace. Decisamente buona, come quasi tutte le storie che mettono in crisi l’azzurrone non per mano di semidei incazzati, ma di nemici che lo colpiscono dove fa più male, negli affetti.

Day of Vengeance (L.O.) ****
Rann-Thanagar War (L.O.) ***
Sacrifice (L.O.) ***
The Omac Project (L.O.) ***
The Return of Donna Troy (L.O.) **
Villains United (L.O.) **
Un bel cumulo di “prologhi” per Infinite Crisis. Day of Vengeance mi è parso il più riuscito, con personaggi ben caratterizzati e un intreccio appassionante. Del resto, è scritto da Bill Willingham, mica l’ultimo dei fessi. Se c’è un volume da consigliare fra questi, è sicuramente lui, anche se a conti fatti solo The Return of Donna Troy e Villains United sfiorano davvero l’illeggibilità.

La settimana a fumetti di giopep – 25/09/2007

Novità
L’Uomo Ragno #469 ***
Gli incredibili X-Men #207 ***
Devil & Hulk #131 ***
Thor & I Nuovi Vendicatori #102 ***/****
Iron Man/Capitan America: Vittime di guerra ***/****
Civil War #7 ***
E finalmente siamo arrivati alla fine. Mi manca ancora da leggere qualche tie-in, ma insomma, ci siamo. E, in tutta franchezza, sebbene il giudizio complessivo sull’operazione Civil War sia buono, i dubbi rimangono. Sicuramente sono state molto ben costruite le premesse, si è lavorato bene nel far percepire le ramificazioni della saga un po’ dappertutto e in generale la storia è stata affascinante, potente nelle premesse e ben orchestrata nello sviluppo. Però, dopo un avvio davvero scoppiettante, arrivati al giro di boa ha un po’ cominciato ad affloscarsi tutto e, prevedibilmente, non si è arrivati a una vera conclusione. Marvel e DC, ormai, sono in modalità crossover perenne e se la cosa da un lato è piacevole, perché il senso di continuità e di appartenenza dell’universo narrativo ne guadagnano, dall’altra si finisce per far perdere di incisività alle singole saghe. Civil War, tanto quanto House of M e prima ancora Avengers Disassembled, è l’ennesimo prologo di qualcosa a venire, l’ennesimo coito interrotto che inizia alla grande e poi si affloscia nell’inconcludente nulla. Per quanto ancora potrà durare? Boh? Comunque, nel marasma, ci sono state singole storie molto belle. Nella manciata di albi elencata lì sopra, segnalo in particolare la storia dedicata a Bucky in Iron Man/Capitan America: Vittime di guerra.

Guyver #36 **
Ormai con Guyver si va avanti per sola forza d’inerzia, perché ne escono uno o due all’anno, la spesa è accettabile e mi spiace mollarlo lì. Certo è che siamo veramente al nulla narrativo. Voglio dire, il singolo numero è “pregno” più o meno come un albetto della prima edizione di Dragonball Star Comics. Solo che almeno quello usciva ogni quindici giorni…

La casa delle vacanze *****
Tratta da un romanzo di Clive Barker, La casa delle vacanze è una splendida favola horror, che si rivolge ai più giovani ma riesce ad essere digeribilissima anche da un pubblico adulto, grazie ai toni maturi, allo splendore grafico e alla solidità del racconto. Le si può al massimo imputare una certa prevedibilità nell’intreccio, ma la sua forza sta anche nella semplicità propria dei classici. E a questo punto voglio leggermi il romanzo.

Magico Vento #111: “Lo zoo di Kelly” ***
Un solido, banale, prevedibile, ma convincente e riuscito numero di Magico Vento. Si legge con piacere dall’inizio alla fine, non dice nulla di sconvolgente, ma fa il suo dovere. D’altra parte, purtroppo, ormai da questa serie sto imparando ad aspettarmi nulla più che una valida routine.

Shadowplay ****
Un doppio delirio horror, con due approcci diversi al mondo dei vampiri. Da una parte un tuffo morboso nelle perversioni sessuali dei succhiasangue, dall’altra l’innocente visione di un bambino che scappa di casa e si ritrova preda di un vecchio vampiro (e, a esser maligni, pure qui ci si potrebbero leggere allussioni). Bellissimi i disegni di Ashley Wood e Ben Templesmith, forse un po’ troppo contorto lo stile narrativo.

The Punisher: Barracuda ****
Un’altra bella saga del Punitore di Garth Ennis, fatta di crudo realismo, comicità sopra le righe e iperviolenza. Solida, divertente, in costante e riuscito equilibrio fra serioso e dissacrante e graziata dalle sempre ottime matite di Goran Parlov. Cosa chiedere di più?

Ultimates #30: “Potere supremo #1” ****
Inizia l’incrocio fra l’universo Ultimate e il nuovo Squadrone Supremo reinventato da Straczynski e inizia col botto. Ritmo, colpi di scena, azione e le evocative matite di Greg Land sono gli ingredienti. Il risultato, per il momento, non delude.

Ultimate X-Men #41: “Cable #2” ****
Si conclude la saga dedicata al Cable (e all’Alfiere) dell’universo Ultimate e non posso fare a meno di pensare che, nonostante il clamoroso avvenimento raccontato, continui a mancare reale pathos. Non so, a me sembra proprio che Kirkman non ce la faccia.

Antiquariato
Superman Family – Ottobre 2002/Ottobre 2003 (L.O.) ***/****
Superman: Ending Battle (L.O.) ****
Oh, finalmente stiamo crescendo, una bella annata di storie, certamente con alti e bassi, ma con davvero tanti passaggi convincenti. Su tutti, senza dubbio, Ending Battle, la classica saga tutta basata sul significato stesso dell’esistenza di Superman in quanto eroe. Il confronto fra Kal-El e Manchester Black è ben pensato e raccontato, davvero travolgente nel crescendo e spiazzante nel finale.