Archivi tag: Cillian Murphy

Dunkirk

Dunque, la scorsa settimana sono andato a vedere Dunkirk qua al cinema a Parigi, dove il film è uscito più o meno in contemporanea con quelle parti del pianeta che non si chiamano Grecia, Italia, Cina e Giappone. Ne sono uscito abbastanza convinto di aver visto il mio film preferito di Christopher Nolan dopo The Prestige. Poi, certo, parlo da persona che apprezza bene o male tutti i suoi film (sì, anche Insomnia e il terzo Batman) ma per qualche motivo non riesce ad adorarlo fino in fondo. Tant’è, così, a spanne, direi che questo è l’unico suo film ad avermi generato solo amore dall’inizio alla fine. Va anche detto che ho apprezzato molto la colonna sonora di Hans Zimmer ma oggi, mentre mi mettevo a scrivere queste righe, ho provato ad ascoltarla su Spotify è l’ho trovata INSOPPORTABILE. Cosa che mi ha fatto intuire i sentimenti insiti nel cuore della mia dolce metà espressi con un tonante “Hans Zimmer di merda” (forse sto romanzando) durante il ritorno a casa in metropolitana. Però, ehi, durante il film l’avevo trovata perfetta. Ad ogni modo, qua sotto provo a spiegare in maniera un po’ sconclusionata come mai mi sia piaciuto così tanto, a favore di quei tre che potrebbero essere interessati a leggerne già oggi e non, come da social-polemica del momento, verso fine agosto.

Continua a leggere Dunkirk

Annunci

Heart of the Sea – Le origini di Moby Dick

In the Heart of the Sea (USA, 2015)
di Ron Howard
con Chris Hemsworth, Benjamin Walker, Cillian Murphy

Heart of the Sea è un adattamento del libro omonimo che racconta la storia della baleniera Essex, attaccata e affondata da un capodoglio in pieno Oceano Pacifico nel 1820. Sono le vicende che hanno ispirato Herman Melvillle nella scrittura di Moby Dick e infatti la storia viene messa in scena inserita in una cornice, nella quale un sopravvissuto al disastro racconta i fatti al giovane scrittore. Proprio la cornice è forse la zavorra più invadente nel limitare la piena riuscita del film, appiccicata lì solo per esplicitare l’aggancio alla balena più famosa della storia, impacciata nel modo in cui prova ad aumentare le aspettative e dannosa nella scrittura quando finisce per raccontare troppo a parole, senza lasciare che siano le immagini a farlo (un esempio su tutti: l’evoluzione nel rapporto fra i due protagonisti). All’interno della cornice, però, si trova un film d’avventura non particolarmente originale, senza dubbio con dei problemi, ma abbastanza riuscito, godibile e non poi così distante dal celebratissimo Rush.

Continua a leggere Heart of the Sea – Le origini di Moby Dick

28 giorni dopo


28 Days Later (GB/Francia, 2002)
di
Danny Boyle
con
Cillian Murphy, Christopher Eccleston, Brendan Gleeson

Con questo film ho perso l’ultima oncia di fiducia nell’operato di Danny Boyle. Trainspotting a suo tempo mi aveva fulminato, ma ero un adolescente alcolizzato e, francamente, dal ricordo che ne ho e a giudicare dai film successivi di Boyle (che ricordo con maggiore chiarezza), dubito che rivedendolo lo apprezzerei allo stesso modo. A life less ordinary era appena appena divertente, The Beach si rivelò una gran cagata e questo 28 giorni dopo ne è la risultante merda fumante.

Un filmetto mediocre, un horror che di buono ha giusto l’idea di partenza (ovvero l’unica cosa non partorita da Boyle e dal suo degno compare Garland) e i primi minuti, ma che scivola velocemente nell’inutile e fastidioso. Boyle dimostra di fottersene altamente della possibilità di raccontare alcunché e passa tutto il tempo alla ricerca dell’inquadratura più ganza possibile: chiaro che, dai e ridai, fra una spennellata in digitale e l’altra, ogni tanto salta fuori qualche immagine evocativa (Manchester in fiamme, l’apparizione del jet fra le nuvole al termine dell’inseguimento sotto la pioggia), ma nel complesso il risultato è irritante e crea il solo effetto di generare distacco dal racconto, di non far appassionare per nulla alle vicende.

Un taglio pretenzioso e supponente, una colonna sonora quasi sempre fuori posto e una sceneggiatura all’insegna del prevedibile e dello sciatto, con personaggi insopportabili che dicono solo banalità e fesserie, completano il quadro. Non bastasse tutto questo, il film è un continuo e inesorabile declino: parte in maniera intrigante, prosegue a suon di fighetterie inutili e degenera, più o meno in concomitanza con l’arrivo al campo militare, in un tripudio di trash involontario e moralismi squallidi.

E mi ero perfino dispiaciuto di averlo perso al cinema, dove posso solo immaginare quanto rendesse bene quel digitale di merda…