Archivi tag: Christopher McQuarrie

Mission: Impossible – Fallout

Nella chiacchiera online immediatamente successiva all’uscita internazionale di Mission: Impossible – Fallout, mi è capitata una discussione su quanto avesse rotto le palle la spinta di marketing relativa a Tom Cruise che esegue i propri stunt e si spacca le ossa saltando dai tetti. Veramente non si può parlare di questo film senza parlare di questa cosa? Ed è comprensibile: il marketing, alla lunga, spacca sempre le palle. Ma il problema è che, nonostante il nuovo, clamoroso, film di Christopher McQuarrie e Tom Cruise (necessario considerarli autori assieme, considerando quanto anche il secondo mette sul piatto dal punto di vista creativo) abbia parecchi altri meriti, l’approccio fisico e sconsiderato all’azione è inevitabilmente un suo punto fermo. E lo è anche perché non fine a se stesso, anzi, sfruttato col preciso fine di offrire qualcosa che si può trovare solo qui e valorizzato da un regista dal tocco e dallo sguardo strepitosi, capace di costruire immagini splendide e scene incredibili anche – ma non solo – attorno allo spunto innegabilmente spettacolare offerto dal poter utilizzare una stella di quel calibro nelle situazioni più spericolate.

Continua a leggere Mission: Impossible – Fallout

Rogue Podcast

Ultimamente sto recuperando un po’ di arretrati di podcast che avevo accumulato sul telefono nelle scorse settimane e l’altro giorno mi sono ascoltato lo speciale di Empire su Mission: Impossible – Rogue Nation, in cui Christopher McQuarrie (regista e sceneggiatore) va avanti per due ore e mezza a parlare di come si scrive, si dirige e si produce un film da centinaia di migliaia di dollari, possibilmente evitando di farlo costare miliardi di dollari. È pieno di spunti, informazioni e curiosità molto interessanti, chiaramente imperdibile per chi ha amato il film, ma penso parecchio gustoso per chiunque ami il cinema. E quindi lo segnalo. Si può ascoltare e/o scaricare dal player qua sotto e lo si può anche recuperare tramite iTunes e altri aggregatori di podcast.

Chiaramente, è richiesta una comprensione dignitosa dell’inglese parlato.