Archivi tag: Chris Pine

Wonder Woman

Wonder Woman è un film… strano, che si contraddice da solo mentre spinge costantemente in una direzione nell’altra, tirando fuori un pasticciotto che però, nell’inevitabile confronto con i precedenti film di ‘sto disastrato universo cinematografico DC, esce fuori a testa alta, facendo la figura del migliore di tutti. Arriva per primo nel campionato dei supereroi al femminile e prova a spingere sul tema del femminismo, della protagonista donna forte che sa cavarsela da sola, spacca tutto e non dà mai retta a ciò che la società patriarcale vorrebbe imporle. Allo stesso tempo, però, racconta di fondo la più stereotipata delle storielle disneyane, quelle che la stessa Disney ha ormai ripudiato, proponendo una principessa ingenua (se non proprio cretina), che fugge dalla gabbia di vetro in cui i genitori volevano proteggerla per inseguire desideri e destino ribelli, scoprendo di non sapere nulla del mondo, facendoselo spiegare dagli uomini che la circondano e innamorandosi letteralmente del primo che passa. E, ancora, trova una comicità azzeccatissima quando la butta sul ridere ma sprofonda nel ridicolo quando tenta di prendersi sul serio. Insegue tematiche universali e azzeccate, parlando di natura umana, libero arbitrio, scelte difficili e rimorsi, ma riduce tutto a una mitologia di partenza imbarazzante, raccontando poi di una Prima Guerra Mondiale in cui alleati a caso combattono i tedeschi cattivi, che comunque sono cattivi perché c’è il dio della guerra che li controlla. Insomma, è un pastrocchio che smitraglia a caso in tutte le direzioni ma, rispetto a chi è venuto prima, ha la fortuna di una scrittura più curata, strutturata e lineare, che non perde tempo con le meta-cazzate e gli permette di colpire più spesso il bersaglio.

Continua a leggere Wonder Woman

Annunci

Poi non dite che non vi ho avvisati: Hell or High Water

E insomma, Hell or High Water è arrivato in Italia senza passare dal via, per direttissima su Netflix. È un po’ un peccato, perché quei bei paesaggi sparati verso l’infinito texano, in sala, fanno la loro porca figura, ma insomma, meglio che niente. Io l’ho visto al cinema, qua a Parigi, un paio di mesi fa e ne ho scritto a questo indirizzo qui.

Hell or High Water

Hell or High Water è il nuovo film di David Mackenzie, regista inglese in attività da oltre due decenni e che un paio d’anni fa ha sostanzialmente lanciato la carriera internazionale di Jack O’Connell con l’ottimo Starred Up. Ma è anche il secondo lavoro da sceneggiatore di Taylor Sheridan, attore pure lui attivo da metà anni Novanta che si è improvvisamente rilanciato come autore firmando Sicario, ha già scritto e diretto il suo esordio da regista (Wind River, arriva l’anno prossimo) e ha in produzione Soldado, pseudo seguito di Sicario che farà esordire il nostro Stefano Sollima a Hollywood. Aggiungiamoci Jeff Bridges versione texas ranger ruvido e polveroso che si mastica le parole mentre battibecca col suo partner Gil Birmingham e un Chris Pine e un Ben Foster in formissima come protagonisti e ci sono tutti gli ingredienti per aspettarsi la bomba che in effetti questa specie di western/poliziesco/noir/heist movie è.

Continua a leggere Hell or High Water