Archivi tag: Atto d’amore

Atto d’amore


Act of Love (USA, 1980)
di
Joe R. Lansdale

Nel 2006 ho 28 anni e scrivo fesserie su un blog. Nel 2006 Manu Ginobili ha 28 anni e ha vinto il campionato italiano, la Coppa Italia, l’Eurolega, due titoli NBA e le Olimpiadi. Ai Mondiali gli ha detto sfiga, è arrivato secondo. Nel 1986 Bill Watterson aveva 28 anni e da qualche mese realizzava Calvin & Hobbes. Neanche dieci anni dopo pose fine alla serie, si ritirò a vita privata e da allora vive sostanzialmente di rendita. Nel 1980 Joe R. Lansdale aveva 28 anni e scriveva Atto d’amore, il suo primo romanzo commercializzato. A oggi ha scritto una quantità infame di roba ed è ormai strafamoso e rispettato in tutto il mondo. Qua bisogna darsi una mossa.

Letto a ventisei anni di distanza, specie avendo in mente quello che è il suo stile attuale, Atto d’amore sembra un po’ grezzo, povero, privo delle eleganti soluzioni narrative e della sferzante ironia che caratterizza opere più recenti dello scrittore texano. Allo stesso tempo, però, rimane un ottimo lavoro, violento, inquietante, seducente, appassionante nell’intreccio, ben costruito nella sua componente a tinte giallastre. Certo è meno attuale, non è forse poi così efficace come “spaccato sociale” e, soprattutto, non ha l’impatto che poteva avere a inizio anni Ottanta, quando Hannibal Lecter era ancora lì lì per arrivare. Insomma, Joe R. Lansdale non solo è un romanziere assai poliedrico e semplicemente bravissimo a scrivere, non solo è talmente capace a far tutto da aver pure fondato una scuola di arti marziali, è stato anche un precursore in un determinato genere letterario.
Uno avanti.

Da grande voglio essere Michael Mann, ma pure Lansdale non è che mi farebbe schifo.