Giusto per…

… essere sicuro che si noti, casomai a qualcuno interessasse, ribadisco:

“Ops, mi hanno appena fatto notare che avevo impostato i commenti al blog come “solo per chi è registrato”. Sono un coglione. Ho risolto.”

A buon rendere.

Annunci

Smanettando col blog

Blogger.com, purtroppo, non prevede la divisione in categorie dei vari post.
Sono comunque riuscito ad ottenerla smanettando un po’ con l’html, appoggiandomi a del.icio.us e sfruttando il metodo spiegato in questa pagina. Mi sembra un po’ macchinoso, ma funziona, e per il momento può andare.

Già che c’ero, oltre ad aggiungere ovviamente i riferimenti alle categorie in fondo a ogni post, ho registrato il blog su Technorati e ho modificato un po’ la colonna di destra, inserendo i link all’archivio diviso per argomenti e riorganizzando un po’ tutto.

Ah, ho anche inserito un flipbook, che ad ogni aggiornamento della pagina mostra una selezione di fotografie. Una bella cazzata. Cazzata, ma bella.

Oltre a tutto questo, ho anche iniziato a recuperare da usenet un po’ di vecchi miei post cui, per un motivo o per l’altro, sono particolarmente affezionato. Si tratta tendenzialmente di recensioni o articoli su film e videogiochi, che metterò sul blog per tenerli tutti assieme. Per sfizio, li inserirò con la datazione originale, quindi, se ci tenete, potrete accedervi dai link relativi all’archivio.

P.S.
Ops, mi hanno appena fatto notare che avevo impostato i commenti al blog come “solo per chi è registrato”. Sono un coglione. Ho risolto.

Bei momenti #002

– tartine di tre tipi (soppressa, burro e salmone, lardo e miele);
– olive verdi;
– grissinoni con prosciutto crudo arrotolato;
– olive ascolane dell’amica marchigiana;
– cannelloni ricotta e spinaci;
– tortellini di carne in brodo di gallina e manzo;
– faraona ripiena;
– patate duchesse;
– verdure panatefritte;
– cipolline in agrodolce;
– paste del pasticcere figo in centro;
– pandoro, panettone e veneziana;
– burp.

Usenet Amarcord #003


Aprile 1999
La Juventus di Ancelotti è stata eliminata dalla Champions League, perdendo 3 a 2, in casa, contro il grande e fortunato Manchester United, che andrà poi a vincere la finale col Bayern Monaco segnando due gol nei minuti di recupero. Il giorno dopo la partita, andrea, che all’epoca non era ancora stato ribattezzato Mensola, manda su it.fan.studio-vit questo leggendario post, da conservare a memoria imperitura.

gobbus gobbis

PREPARTITA
“dai che li roviniamo.”

1-0
30 secondi di esultanza scomposta.
“grandissimo inzaghi,
ora tutti in difesa e vai di contropiede
cazzo che visione di gioco che c’ha zizou”
primo calo di tensione, il gobbus gobbis si pone più rilassato nei confronti dell’incontro.

2-0
1 minuto di abbracci e salti.
“e quello sarebbe un difensore?
stam dimmerda, superpippo non lo vedi nemmeno.
mitica juve 5° finale cosecutiva”
secondo, clamoroso calo di tensione:
il gobbus gobbis si toglie le scarpe, slaccia la cintura e prende da tazzare.
rutto libero.

PRESSIONE DEL MANCHESTER
il gobbus gobbis sottovaluta.
disinteresse, parla d’altro..
“occhio, c’è un angolo…..”

2-1
23 secondi di silenzio
15 secondi di bestemmie
“ma che è successo?
aspetta, guarda il replay.
ma l’ha anticipato?
ma chi ha sbagliato?peruzzi? -cit-
che gol del cazzo”
defcon 2
il gobbus gobbis si rimette le scarpe,
riallaccia la cintura e si ricompone.

2-2
1 minuto di silenzio misto a bestemmie.
“era fuorigioco!
-replay-
ma ferrara che cazzo combina stasera?
minchia…
e adesso?
chi passa così?
loro?
vabbè. ma ora ci ripigliamo”
generalmente in questo momento entrata trionfale di figura femminile(ragazza-moglie-madre-sorella-amica)
con voce acutissima
“come va la juve?”

1° PALO DEL MANCHESTER
pallore
“allora..
chi era?
pessotto?”
defcon 1

INTERVALLO
clima tesissimo.
rilancio di ottimismo inconscio.
“ci hanno fregato i due gol all’inizio,
ci siamo seduti.
c’è da dire che quando li abbiamo attacati li abbiamo messi in difficoltà,
bene o male dipende da noi
chi può entrare, fonseca?esnaider?(nda ^____^)
dai che si comincia”
sparito qualsiasi elemento di distrazione.(bevande et similia)
riti scaramantici.

IL MANCHESTER CONTINUA AD ATTACCARE
-urlando-
“ma allora?
che cazzo fate?
fuori i coglioni!!!”

2° PALO DEL MANCHESTER
euforia
“alè
sono buoni segnali
nel calcio chi sbaglia paga
dai che ora lo facciamo”

AZIONE 2-3
concitazione
“no! montero!
segalo! segalo!
mano! mano!
esci peruzzi!
ammazzalo!
non è rigore!
-gol-
era rigore!
non esisite il vantaggio sul rigore!
-velocissima elaborazione mentale: ora annulla, espelle peruzzi, da un rigore, in porta entra pessotto, lo para, e poi vediamo chi va in finale-
ma che fa? lo convalida?
-confusione-
ma alla lazio con il perugia…..
-rassegnazione-
ora quanti dovremmo farne?
2?
quanto manca?

INQUADRATURA DI ZIDANE
-braccio teso in evidente segno di disprezzo- “vatteneaffanculoinspagnatuelaputtanadituamoglie!
francese del cazzo
dopo il mondiale tutto l’anno a farsi seghe
tu e quell’altro bastardo di deschamps
mica come di livio”

ULTIMI 2 MINUTI
rancore populista-demagogico
“con tutti i soldi che prendono,
almeno calatevi un po’ di più,
a lavorare, vi manderei.”

FISCHIO FINALE
……….
off

Il thread originale su google gruppi

A testa alta


Walking Tall (USA, 2004)
di Kevin Bray
con The Rock, Johnny Knoxville, Neal McDonough

Il film anni Ottanta con Schwarzenegger, Commando, Danko, Codice Magnum, le mazzate e le risate, scanzonato e divertito, autocosciente e senza vergogna. A testa alta è esattamente quello, quella cosa.

Lui che torna nel paese natale, ma non è più come una volta, c’è la corruzione, c’è il male, è tutto malato.

E allora lui spacca i culi.

Con la trave.

Prende la trave.
E la fa vorticare.
Poi la lima un po’.
E ci fa una mazza.
E la fa vorticare.

Arnold Schwarzenegger è tornato.
E gli fa il culo, a Vin Diesel.

Madagascar


Madagascar (USA, 2005)
di Eric Darnell e Tom McGrath
voci di Ben Stiller, Chris Rock, David Schwimmer, Jada Pinkett Smith

Ogni tanto mi capita di osservare su Gambero Rosso Channel la preparazione di piatti che mi sento di poter definire “di design”. Splendidi da osservare, minuti ed eleganti, magari anche gustosi all’assaggio, ma un po’ troppo “ristretti”. L’impressione è che manchino un po’ di sostanza. Ecco, Madagascar è un film di design, con la differenza che non c’è manco troppo gusto a mangiarlo.

Lo stile grafico è spettacolare, gli “attori” sono deliziosi e in particolare il leone isterico (che pure come personaggio mi stava sulle palle dopo venti secondi) è una meraviglia da guardare. Oso dire che le migliori trovate del film siano strettamente estetiche (penso per esempio al momento in cui i protagonisti sono rinchiusi nelle casse sulla nave). Oltre a questo, ci sono i pinguini, semplicemente esilaranti, perlomeno fino all’arrivo in Antartide (poi, in effetti, snoiano un po’ anche loro). Il resto? Il resto non c’è.

Mancano le idee, le trovate, i tempi comici, non c’è sostanzialmente nulla, in un film che scorre moscio, prevedibile e privo di guizzi per ottanta minuti che, pur non essendo per nulla lenti, traballano pericolosamente sul baratro della noia fin dall’inizio (soprattutto all’inizio). Anche interessante il tema di fondo, ma sviluppato senza la minima verve.

Leggo che il ruolo dei pinguini inizialmente era marginale, e che è invece stato dato loro più spazio quando ci si è resi conto che funzionavano alla grande. Giuro che guardando il film ho invece avuto l’impressione che all’inizio ci fossero solo i pinguini, che si fosse partiti da un cortometraggio dedicato alla loro fuga verso la libertà e le origini. Sarebbe stato fantastico, tanto quanto è invece inutile il povero e vuoto film costruito loro attorno a colpi di mancanza d’idee sostituite da una lunga serie di (neanche troppo e neanche tutte) simpatiche citazioni.

Pollice verso, e anche abbastanza netto.

Droghe culinarie


La Cloti, mamma della mia dolce metà, ultimamente ha compiuto due atti di estrema bontà, regalandoci prima un tostapane e poi un’affettatrice.

Il tostapane e’ quell’affare bianco che si vede apppena nella parte alta della foto, quello con disegnata sopra la faccia di Hello Kitty.

Già.

Esattamente, tosta le fette di pane disegnandoci sopra la faccia di Hello Kitty. Una follia, insomma, che però fa bene il suo lavoro, va detto.
Ecco, da quando quel coso è entrato in casa, il pane tostato è diventato una droga: a colazione, con burro e marmellata, a merenda, con prosciutto e formaggio, in qualsiasi momento, con qualsiasi cosa.

Ieri sera abbiamo inaugurato una nuova droga, vale a dire l’affettatrice che vedete in primo piano, caricata con dell’ottima soppressa e impreziosita da un pezzettone di prosciutto crudo e un altro pezzettone di speck, che nell’immagine non appare. Ieri sera ho avuto un attimo di frenesia affettando come un ossesso tutto quello che mi capitava a tiro.

In questo momento mi sto mangiando due toast, entrambi con soppressa, sottiletta e prosciutto crudo.
Tremo al pensiero delle domeniche pomeriggio passate affettando.

Post Scriptum delle 18:08
Dalla regia mi intimano di comunicare che prosciutto, soppressa e speck sono un regalo del babbo.

Usenet Amarcord #002


Settembre 2003.
Per l’ennesima volta sto seguendo la rassegna milanese legata al Festival del cinema di Venezia. Il 14 settembre, in particolare, fra i film proposti, c’è Un film parlato, di Manoel de Oliveira. Una merda colossale, che ha però il gran merito di generare questo splendido post, scritto da AP su it.arti.cinema.

I vecchi registi sono rincoglioniti tutti

E de Oliveira guida la pattuglia.

Sono appena uscito da una esperienza allucinante, 100 minuti di delirio come potrebbe essere un film fatto da Elio dopo una conversione mistica.

Siamo su una nave, anzi, stiamo per salirci, una bella mammina con una bambina petulante ci salgono.
La bimba continua a fare domande, le tipiche domande che fanno le bambine di otto anni.
Perche’ la chiesa si e’ divisa tra ortodossi e cattolici?
Cosa sono i mussulmani?
Perche’ instanbul ha cambiato nome da Costantinopoli?
Quando e’ finito il medio evo?
Perche’ un popolo evoluto come gli egiziani aveva gli schiavi?
Solite domande che tutti i bambini di otto anni fanno.
E la mamma risponde paziente.
MOLTO paziente, e la bambina ascolta, perche’, come dira’ piu’ avanti “mi piace imparare”.
Chi perde la pazienza e’ il pubblico in sala, che non crede a quello che vede.
La bimba continua a fare domande, e la mamma risponde.
Mamma e figlia partono dal portogallo per andare a Bombay, in nave, e la cosa sembra gia’ abbastanza stupida di suo, ma de Oliveira decide di non risparmiarsi e ci offre raffinati espedienti narrativi di questo tipo:
punta della nave che fende le onde
primo piano sulla bimba che fa la domanda
primo piano sulla mamma che risponde guardando in camera.
piano sulla punta della nave, onde, domanda, mammina.
piano sulla punta della nave, onde, domanda, mammina.
Non le ho contate, ma il giro e’ tornato almeno 20 volte.
Breve sosta a Marsiglia.
Poi si riparte
Piano sulla punta della nave, onde, domanda, mammina.
piano sulla punta della nave, onde, domanda, mammina.
Breve sosta a Atene.
Piano sulla punta della nave, onde, domanda, mammina.
Piano sulla punta della nave, onde, domanda, mammina.
Ero allucinato, sembrava una puntata particolarmente lisergica dei viaggi della Licia Colo’.
Ora, non voglio sembrare uno poco paziente, ma continuavo a guardare l’orologio e posso darvi dei riscontri temporali.
Questo giochetto punta della nave, bimba, domanda, mamma, dura 50 minuti.
Dalle 20.00 alle 20.50.
50 cazzo di interminabili minuti dove tutto quello che fanno e’:
Piano sulla punta della nave, onde, domanda, mamma.
Sulle prime domande un qualche senso di gratitudine viene, in fondo a volte mi vedo rai educational, o i documentari su sky, qualche cosa di interessante prima o poi salta fuori, ma 50 minuti sono troppi.
Le seggiole del Plinius, particolarmente scomode, diventavano roventi.
Mi guardo intorno, piu’ o meno tutti si stanno contorcendo sulle seggiole
come anguille trafitte.
Qualcuno ride nervosamente.
Dopo 50 minuti ci si sposta dentro la nave.
Su questa nave ci sono la Sandrelli, la Irene Papas e Cristine Deneuve.
Tutte belle anzianette e chiattone.
Sono sedute al tavolo col comandante della nave, Malkovich, il quale cerca di bere senza alzare il bicchiere.
Ci prova almeno 3 volte, facendo le labra a cucchiaino o piegando la testa e facendo altre strane mossette, tutto meno che la cosa ovvia di alzare il bicchiere, chiaro sintomo di qualche disturbo causato dal disagio.
Sono allo stesso tavolo e discutono nelle loro rispettive lingue, greco, italiano, francese, inglese.
Come metafora non vedevo nulla di cosi’ grossolano e ridicolo dai tempi del muto.
Come recitazione e sceneggiatura siamo sottoterra, l’unica che sembra piu’ a suo agio e la Papas, alla quale probabilmente non sembra vero di essere in un film e di infilarci una cantatina.
Alla cantatina in greco senza accompagnamento ho visto gente tentare di impiccarsi con le tende davanti alle porte, ma erano troppo spesse per farci un cappio.
Io speravo entrasse un comando ceceno col gas paralizzante.
Qualcuno si chiudeva le dita nella cerniera delle sedie per avere una distrazione piu’ divertente.
I piu’ erano con lo sguardo fisso, catatonico, di quello che precede l’attacco epilettico.
Poi la Papas torna al tavolo e chiacchierano, ed ha luogo la piu’ insulsa conversazione della storia del cinema, roba che in confronto i dialoghi de L’Ultimo Bacio sembrano scritti da Eco.
Anche qui, il cellulare usato a mo’ di cipolla mi riscontra il tempo della sofferenza, la cena e la chiacchierata durano 25 minuti.
Ma non ve la cavate cosi’ a buon mercato, cerco la sceneggiatura e posto qui il dialogo, perche’ siete stronzi, tutti, tutti voi che non avete avvisato e ora sono 100 minuti piu’ vicino alla mia morte e mai la vita mi e’ sembrata piu’ preziosa.
Dopo la chiacchierata arriva un marinaio e parla nelle orecchie al capitano Malkovich, il quale riceve la notizia e la riporta alle commensali.
Con lo stesso tono con il quale direbbe a una signora che ha una calza strappata comunica che nell’ultimo porto qualcuno ha messo una bomba che non si puo’ disinnescare.
Qui una risata liberatoria prorompe da quasi ogni petto a scuotere la sala.
Bisogna evacuare la nave, ma in questo capolavoro del trash senile di un regista rimbambito non ci viene risparmiata la ovvia scena della bambina che, mentre tutti evacuano la nave torna in cabina a prendere una bambola.
La mamma maestrina la insegue.
Ovviamente resteranno le uniche due su una nave vuota, il film si conclude con Malkovich che dalla scialuppa guarda la nave con le due cretinette che esplodono.
La pellicola congela il suo sguardo, una buffa boccuccia aperta con un involontario potere esilarante.

Alla uscita ho sentito qualcuno parlare di organizzare un Straff Expedition a casa di Oliveira, facevano dei conti, guidando a turni avrebbe potuto essere gia’ morto per domani a mezzogiorno. Qualcuno piu’ ottimista suggeriva forse le 11 di mattina, forzando un po’ la velocita’. Chi era impossibilitato a partire chiedeva di tornare portando un organo come ricordo.
Ho sentito degli spari andando, e non scherzo, ho telefonato alla bruna per farglieli sentire, puo’ testimoniare.

Il thread originale su google gruppi

Cose a caso