Archivi categoria: Videogiochi

Another World

Non ricordo, di preciso, il momento in cui misi mano ad Another World, mentre per altri giochi di quegli anni ho ricordi molto più definiti. Per esempio, la prima volta che lanciai Monkey Island 2: LeChuck’s Revenge, a casa di un amico delle scuole medie, poi perso di vista, e giocammo assieme alla parte iniziale, arrivando fino al momento in cui Guybrush riesuma un osso al cimitero e gli cascano i pantaloni. Scoppiammo a ridere come due pirla, salvammo, chiudemmo lì. Poi ci giocai con calma a casa. Oppure quel Natale, che cito spesso, in cui The Dig saltò fuori da sotto l’albero e passammo praticamente trentasei ore ininterrotte attaccati al PC per completarlo, io e altri due amici dell’adolescenza poi persi di vista. Ma Another World… è più fumoso. È soprattutto una questione di sensazioni. Ricordo chiaramente il fascino pazzesco di quell’introduzione, che davvero mi lasciò a bocca aperta per il taglio cinematografico, la qualità della realizzazione, il modo in cui ti trascinava dal filmato all’azione senza apparenti stacchi. Mamma mia.

Continua a leggere Another World

I miei videogiochi del 2018

Secondo giorno di elenconi brutti: oggi tocca ai videogiochi su cui ho messo mano nel 2018 e ai quali ho giocato fino a completamento, o perlomeno fino al punto di decidere che potevo assegnare le stelline gli asterischi con un minimo di cognizione di causa. Non è quindi inclusa eventuale roba a cui ho fatto una o due partite e, in generale, che ho iniziato l’anno scorso ma a cui giocherò davvero (forse, vai a sapere) quest’anno, così come non conta la roba a cui non gioco regolarmente ma che continua ad essere installata sul telefono perché ogni tanto ricasco nel tunnel della droga, tipo Drop7 twofold inc., così come non conta il party game che esci una volta ogni dieci mesi, tipo Singstar. E chiaramente mancano eventuali cose che mi sono dimenticato di segnarmi. Ce ne faremo una ragione, così come ci faremo una ragione del fatto che questo paragrafo è quasi interamente riciclato da quello degli anni scorsi.

Continua a leggere I miei videogiochi del 2018

I miei videogiochi del 2017

Secondo giorno di elenconi brutti, oggi tocca ai videogiochi su cui ho messo mano nel 2017 e ai quali ho giocato fino a completamento, o perlomeno fino al punto di decidere che potevo assegnare le stelline gli asterischi con un minimo di cognizione di causa. Non è quindi inclusa eventuale roba a cui ho fatto una o due partite e, in generale, che ho iniziato l’anno scorso ma a cui giocherò davvero (forse, vai a sapere) quest’anno, così come non conta la roba che mi perseguita da anni tipo Drop7 o il party game che esci una volta ogni dieci mesi, tipo Singstar. E chiaramente mancano eventuali cose che mi sono dimenticato di segnarmi. Ce ne faremo una ragione, così come ci faremo una ragione del fatto che questo paragrafo è quasi interamente riciclato da quello degli anni scorsi.

Continua a leggere I miei videogiochi del 2017

Castlevania – Stagione 1

Più passano gli anni e più, in questo triste mondo dell’entertainment tarato su misura dei fan scassamaroni, si fa largo l’idea che nell’adattare un’opera conti solo ed esclusivamente un presunto “rispetto dell’originale”. È quel modo di pensare secondo cui avere un Uomo-Ragno fedele al personaggio dei fumetti sia più importante di avere un Uomo-Ragno protagonista di un bel film (non è una frecciata a Spider-Man: Homecoming, che non ho ancora visto ma pare essere delizioso). È, se lo chiedete a me, un modo di pensare cancerogeno, che fa solo danni, ed è, sempre se lo chiedete a me, l’unico modo in cui è possibile ritenere che il Castlevania di Netflix sia per il momento molto più che mediocre, nonostante un paio di elementi azzeccati e l’impressione che possa solo migliorare. E se non lo chiedete a me, beh, che ci fate qua?

Continua a leggere Castlevania – Stagione 1

I miei videogiochi del 2016

Secondo giorno di elenconi brutti, oggi tocca ai videogiochi su cui ho messo mano nel 2016 e ai quali ho giocato fino a completamento, o perlomeno fino al punto di decidere che era ora di smetterla. Non è quindi inclusa eventuale roba a cui ho fatto una o due partite e, in generale, che ho iniziato l’anno scorso ma a cui giocherò davvero (forse, vai a sapere) quest’anno, così come non conta la roba che mi perseguita da anni, tipo Drop7 e Wii Fit U, o il party game che esci una volta ogni dieci mesi, tipo Singstar. E chiaramente mancano eventuali cose che mi sono dimenticato di segnarmi. Ce ne faremo una ragione, così come ci faremo una ragione del fatto che questo paragrafo è quasi interamente riciclato da quello dell’anno scorso.
Continua a leggere I miei videogiochi del 2016

E si riparte

Mentre questo post viene pubblicato in automatico, io dovrei essere in aeroporto, o forse già in aereo, comunquemente impegnato a viaggiare verso la fetida Los Angeles mentre impegno le cervella sul completamento di lavori che devo assolutamente consegnare il prima possibile (e magari distraendomi un po’ con la terza stagione di Penny Dreadful, via). E già mi mancano tantissimo le quattro femmine di casa. O almeno credo che mi manchino. Non lo so, questo post lo sto scrivendo mercoledì pomeriggio. Vai a sapere. Ne sono assolutamente o forse. Sì, mi mancano. Mi mancano già mercoledì pomeriggio. #aaawwww Comunque, si parte per l’E3 2016, che andrò a seguire con la solita gente, scrivendone dalle solite parti, cazzeggiandone in questi posti tutti social e poi parlandone al ritorno nei soliti posti. Nel frattempo, il blog sarà ancora più moribondo del solito, anche se forse qualcosa si riesce a pubblicare. Fate i bravi. Vogliatevi bene.

Pulizie di primavera 2016

L’anno scorso ho avviato una nuova “roba”, qua nel blog, un appuntamento annuale utile più a me che ai quattro sciamannati che mi seguono, che utilizzo per ripulirmi la bacheca da tutte le bozze create nel corso dell’anno precedente per robe che ho visto/letto/giocato ma di cui non ho mai scritto. Per fortuna non l’ho chiamata Pulizie di Pasqua, ché poi non mi ricordo mai quand’è, Pasqua (tipo due mesi fa). Ad ogni modo, di seguito c’è un elenco di roba consumata l’anno scorso ma della quale non ho scritto sul blog e/o in altri luoghi facilmente linkabili negli elenconi di fine anno.  Con però un paio di postille. La prima è che non ci sono libri o film, dato che per quelli scrivo ormai sempre due righe su Anobii e su Letterboxd, quindi chi ci tiene a leggerle può dirigersi lì. La seconda è che ci sono dei telefilm di cui non ho scritto ma che non finiscono comunque qui perché ho intenzione di scriverne. Sto aspettando l’ispirazione e/o di guardare la tal stagione per fare post unici cumulativi. Credo. Forse. Vai a sapere. Insomma, in pratica qua dentro scrivo solo di videogiochi.

Continua a leggere Pulizie di primavera 2016

I miei videogiochi del 2015

Secondo giorno di elenconi brutti, oggi tocca ai videogiochi su cui ho messo mano nel 2015 e ai quali ho giocato fino a completamento, o perlomeno fino al punto di decidere che era ora di smetterla. Non è quindi inclusa eventuale roba a cui ho fatto una o due partite e, in generale, che ho iniziato l’anno scorso ma giocherò davvero (forse, vai a sapere) quest’anno, così come non conta la roba che mi perseguita da anni, tipo Drop7 e Wii Fit U, o il party game che esci una volta ogni dieci mesi, tipo Singstar. E chiaramente mancano eventuali cose che mi sono dimenticato di segnarmi. Ce ne faremo una ragione.

Come al solito, per i giochi su cui ho scritto qualcosa ho piazzato il link all’articolo in questione e, come per i film, non ho linkato i podcast, perché basta. Inoltre, nell’edizione 2015 della mia classifica hipster su IGN c’è qualche commento aggiuntivo su una parte dei giochi. E di qualche gioco ho scritto su The Games Machine, ma insomma, quegli articoli son difficili da linkare. Qui, invece, esattamente come ieri, non scrivo altri commenti, perché la vita è dura e c’ho da fare. Abbiate pazienza. Ah, giusto, importante: a parità di stelline, l’ordine è totalmente a caso, un po’ a simpatia, un po’ alla come capita sul momento, con solo quel pizzico di attenzione nello scegliere chi sta in cima ai due elenchi.

Videogiochi usciti nel 2015 (che ho giocato)
Her Story [PC] ***** (Ne ho scritto su IGN)
Beyond Eyes [PC] ***** (Ne ho scritto su IGN)
Sorcery! 3 [Nexus 5] ***** (Ne ho scritto su IGN)
Lifeline [Android] *****
Not a Hero [PC] ***** (Ne ho scritto su IGN)
Mad Max [PC] ***** (Ne ho scritto su IGN)
Pac-Man 256 [Android] *****
Framed [Android] *****
Lara Croft Go [Android] *****
Three Fourths Home: Extended Edition [PC] ***** (Ne ho scritto su IGN)
The Book of Unwritten Tales 2 [PC] ***** (Ne ho scritto su IGN)
Shantae and the Pirate’s Curse [Wii U] ***** (Ne ho scritto su IGN)
Crossy Road [Galaxy S II] *****
Shelter 2 [PC] ***** (Ne ho scritto su IGN)
Monument Valley: Ida’s Dream [LG G4] *****
Skiing Yeti Mountain [LG G4] *****
Titan Souls [PC & PS Vita] **** (Ne ho scritto su IGN)
Technobabylon [PC] **** (Ne ho scritto su IGN)
Mushroom 11 [PC] **** (Ne ho scritto su IGN)
Dropsy [PC] **** (Ne ho scritto su IGN)
Westerado: Double Barreled [PC] **** (Ne ho scritto su Outcast)
Axiom Verge [PC] ****
Affordable Space Adventures [Wii U] **** (Ne ho scritto su Outcast)
Prune [LG G4] ****
Broken Age – Act 2 [PC] **** (Ne ho scritto su IGN)
Typoman [Wii U] **** (Ne ho scritto su IGN)
Wire Defuser [LG G4] ****
Separated [PC] ****
Magnetic: Cage Closed [PC] **** (Ne ho scritto su IGN)
Ori and the Blind Forest [PC] **** (Ne ho scritto su Outcast)
Armikrog [PC] **** (Ne ho scritto su IGN)
Brickies [LG G4] ****
Albert and Otto #1 [PC] **** (Ne ho scritto su IGN)
Kholat [PC] **** (Ne ho scritto su IGN)
Mighty Switch Force! Hyper Drive Edition [PC] **** (Ne ho scritto su IGN)
Adventures of Pip [PC] **** (Ne ho scritto su IGN)
Feist [PC] **** (Ne ho scritto su IGN)
Inside My Radio [PC] **** (Ne ho scritto su IGN)
Life is Strange Ep.2: Out of Time [PC] ****
ZigZag [LG G4] ****
Forgotten Ball [LG G4] ****
Kalimba [PC] **** (Ne ho scritto su IGN)
Skyward [LG G4] ****
Mobs, Inc. [PC] ****
The Fifth Apartment [PC] ****
The Bed Was Cold [PC] ****
3D Fantasy Zone II W [3DS] **** (Ne ho scritto su Outcast)
3D Fantasy Zone [3DS] **** (Ne ho scritto su Outcast)
Gunman Clive 2 [3DS] **** (Ne ho scritto su IGN)
Blek [Galaxy S II] ****
Tormentum – Dark Sorrow [PC] **** (Ne ho scritto su IGN)
Life is Strange Ep.1: Chrysalis [PC] **** (Ne ho scritto su IGN)
Blues and Bullets #1 [PC] *** (Ne ho scritto su IGN)
The Music Machine [PC] *** (Ne ho scritto su IGN)
White Night [PC] *** (Ne ho scritto su Outcast)
Grow Home [PC] ***
Mario Party 10 [Wii U] *** (Ne ho scritto su Outcast)

talosprinciple_4

Altri videogiochi che ho giocato o rigiocato nel 2015

The Talos Principle [PC] *****
Mass Effect 3 [Xbox 360] *****
Hitman Go [Android] *****
TwoDots [LG G4] *****
Tiny Thief [LG G4] ****
Randal’s Monday [PC] ****
The Blue Flamingo [PC] **** (Ne ho scritto su IGN)
Radiant Defense [LG G4] ****
The Detail #1: “Where the Dead Lie” [PC] *** (Ne ho scritto su IGN)
Daddy Long Legs [Galaxy S II] ***

Un anno evidentemente all’insegna del non c’ho tempo.

Lo spam della domenica mattina: Venerdì 13!

Questa settimana su Outcast ho uscito l’intervista alla gentaglia di Venerdì 13, il nuovo Outcast Popcorn, il The Walking Podcast sulla serie TV di iZombie, il Reportage su Parigi e l’Old! sul novembre del 1985. Su IGN, invece, abbiamo l’analisi della qualunque di Star Wars.

Fine.

Lo spam della domenica pomeriggio: Orchi

Questa settimana mi sono fatto una chiacchierata telefonica con Daniel Wu riguardo alla sua partecipazione al film basato su Warcraft. Sta a questo indirizzo qua. Sempre sui IGN, poi, abbiamo un Dite la vostra in cui chiedo alla gente una cosa che non ho capito neanche io. Su Outcast, invece, abbiamo il Videopep sui giochi di ottobre, il nuovo Popcorn e l’Old! sul novembre del 1975.

E c’avremmo da registrare il Reportage su Parigi, eh!