Archivi categoria: La robbaccia del sabato mattina

La robbaccia del sabato mattina: Una tantum

Quasi due mesi dopo l’ultima volta che ho scritto cose a caso sui trailer di sabato, torno a farlo così, velocemente e una tantum, perché mi va.

Il primo trailer di Tartarughe Ninja: Fuori dall’Ombra. Non me ne frega assolutamente nulla, ma devo ammettere che vedere Bebop e Rocksteady in azione nel trailer di un film mi ha provocato qualche languido lampo di nostalgia dei bei tempi che furono. Finisce lì, eh, but still.

X-Men: Apocalypse, con Oscar Isaac che fa il Power Ranger. Di base, per me, se c’è Oscar Isaac il film è venduto, anche se con tutto quel trucco addosso ci perderemo i suoi sguardi intensi e quindi vorrei uno sconto. Per il resto, come da previsione, sembra tutto un po’ meno di gomma rispetto alle prime foto, ma rimane ovviamente tutta una roba di pupazzoni. Secondo me ci si diverte, vedremo.

Ebbeh, signori miei, Shane Black che torna a fare quel che sa fare meglio, con una coppia di attori che levati e Kim Basinger che fa sempre piacere. Certo, vederlo indicato come il regista di Iron Man 3 è un po’ come vedere Kenneth Branagh indicato come il regista di Thor, ma non importa: è già il film del 2016.

Niente, buon weekend.

Annunci

La robbaccia del sabato mattina: Anzianità

Questo è l’ultimo appuntamento fisso con le schifezze del sabato mattina. Gente che si strappa i capelli per la disperazione e corre in strada a far esplodere tutto cioè bordello. Come mai questa decisione che stravolgerà le sorti del mondo? Per lo stesso motivo per cui ho smesso di scrivere di ogni singolo episodio della roba che guardo “in diretta” e di guardare “in diretta” metà di quel che guardavo “in diretta”: se smette di divertirmi e diventa solo una roba che mi sento obbligato a fare, che senso ha? Quindi, dalla prossima settimana, a meno che non c’abbia davvero qualcosa che mi va di scrivere, il sabato qua dentro si riposa. Giusto così. Detto questo…

Continua a leggere La robbaccia del sabato mattina: Anzianità

La robbaccia del sabato mattina: La luce in fondo al tunnel che risponde al nome di Mass Effect

L’altro giorno sono andato a vedere Knock Knock. Non so come sia, perché ho scritto questo post prima di andare a vederlo. Mi piace preparare le cose in anticipo. Quello che so è che subito prima di uscire ho letto che stanno preparando John Wick 2. E sono cose belle. Grande Keanu.

Continua a leggere La robbaccia del sabato mattina: La luce in fondo al tunnel che risponde al nome di Mass Effect

La robbaccia del sabato mattina: Oh dear god!

L’altro giorno si chiacchierava del fatto che in Warner sembrano voler affidare a Christopher Nolan una trilogia di film basati su Akira. Ora, al di là del fatto che sono le classiche voci e poi è un attimo che si tramutino in nulla, o che magari semplicemente Nolan ci metta il nome mentre pensa ad altro, non è tutto sommato neanche da escludere che sia il suo nuovo Batman: l film che dirige per potersi permettere di fare gli altri. Anche se, oh, se tutti i suoi “altri” film fanno i soldi di Interstellar, ne ha davvero bisogno? Ma soprattutto: noi abbiamo davvero bisogno della versione Nolan di Akira? A me Nolan sempra l’esatto opposto di tutto ciò che è manga, anime, Giappone, varie ed eventuali. Boh.

Continua a leggere La robbaccia del sabato mattina: Oh dear god!

La robbaccia del sabato mattina: Cose a caso da casa

Mentre ero in Liguria che agitavo il telefono in giro fra i campi nella speranza di trovare una connessione funzionante tramite cui consegnare quel paio di lavori che ho fatto tra una lettura e l’altra, m’è apparso davanti quanto segue.

There has been an awakening… #StarWars #TheForceAwakens

A post shared by Star Wars (@starwars) on

 

E bam, niente, non so che sia, ma quell’ultima inquadratura m’ha fatto tornare l’arrapamento nei confronti di Star Wars: Il risveglio della forza. E che ci posso fare, capita. Vedremo come sarà il vero trailer, dai.

Continua a leggere La robbaccia del sabato mattina: Cose a caso da casa

La robbaccia del sabato mattina: Dottor Thackery

Che tempo fa dalle vostre parti? Qua c’è bel tempo, però fa fresco, dormo con la copertina. È fantastico. Ma poi perché faccio domande, che tanto non mi risponde nessuno? Ho appena fatto un’altra domanda. Mh.

Così, all’improvviso, senza che me l’aspettasi, un trailer per la seconda stagione di The Knick. E sono già tutto un fremito. Dal trailer si intuisce che gironzoleremo anche a San Francisco. Oddio, c’ho già l’ansia. Non vedo l’ora. Ah, l’ho detto che The Knick è una fra le due o tre cose più belle che ho visto l’anno scorso? Sì, l’ho detto a questo indirizzo qua.

Continua a leggere La robbaccia del sabato mattina: Dottor Thackery

La robbaccia del sabato mattina: Leonardo!

Lo vedete quello con la faccia blu qua sopra? Eh. Sono le foto di X-Men: Apocalypse. Avete visto quanto sono brutte? Vogliamo parlare del fatto che se copri la faccia a Oscar Isaac e lo rendi irriconoscibile ti stai perdendo uno dei motivi per cui è fico avere Oscar Isaac? Ma poi quello è davvero lui? È inguardabile. Ricordiamoci, però, che Quicksilver era inguardabile e alla fine si è rivelato essere la cosa migliore di X-Men: Giorni di un futuro passato.

Continua a leggere La robbaccia del sabato mattina: Leonardo!

La robbaccia del sabato mattina: Mulder?

Signori, abbiamo le nuove Ghostbusters in uniforme e abbiamo pure la nuova Ecto 1. Mentre l’internet si lancia in un’ondata di sdegno, io continuo a pensare che potrebbe venirne fuori un film caruccio. Vedremo. Bizzarramente, mi fa un po’ più paura la seconda stagione di Daredevil, per la quale è stata annunciata la presenza di Punitore ed Elektra, si vocifera Bullseye e mi sembra lecito attendersi un qualche ritorno di Wilson Fisk. Di solito, quando le robe di supereroi s’affollano, non va benissimo. Vedremo. Vedremo anche come va per Ash Vs. Evil Dead (qui delle foto), che non mi sta gasando come mi avrebbe gasato quindici anni fa, ma insomma, è pur sempre una serie TV con Bruce Campbell, dedicata ad Ash e il cui pilota vede Sam Raimi alla regia. Quanto potrà andare male? Beh, che discorsi, può sempre andare molto male, ma insomma. Comunque, nel corso del weekend spunteranno un po’ di robe dal San Diego Comic-Con. Magari ne parliamo lunedì. Qui solo una cosa.

Uh, un video promozionale per la GIGA MARATONA da una puntata al giorno di tutte e nove le stagioni di X-Files in preparazione per l’arrivo della nuova miniserie, della quale si vede qualche immagine sul finale del trailer. Ammetto una certa voglia. Della nuova serie, intendo, eh, non della maratona. Non esageriamo.

Certo che Giorgino Miller ha reso tutto più difficile.

La robbaccia del sabato pomeriggio: Gesù, abbassa la temperatura, ti prego

Dio santo non sono in grado di intendere e di volere, fa troppo caldo. Mi esprimerò tramite concetti brevi. Là sopra c’è poster della seconda stagione di Agent Carter, ambientata a Los Angeles. Vojo. Qua c’è la prima foto dal set di Ash vs. Evil Dead. Vojo? Questo è lo zaino protonico del nuovo Ghostbusters. E, oh, che vi devo dire, vojo.

Il primo trailer di Creed, il film sul figlio di quello che si pestava con Rocky e poi veniva ucciso da Ivan Drago. Ray Coogler ha fatto un bel film, Michael B. Jordan è il suo amichetto, mi piace tanto tanto e si è fatto grosso, Sly è sempre Sly. Vojo.

Ten Thousand Saints, con Ethan Hawke che fa il padre buffo e sciamannato nella New York degli anni Ottanta. A giudicare dal trailer, potrebbe piazzarsi da qualche parte fra l’adorabile e l’insopportabile. Vojo?

Quanto è bello intitolare un film Love 3D? Comunque, Gaspar Noe ha voja.

Secret in Their Eyes, remake di un film per me brutalmente sopravvalutato, con Julia Roberts che punta brutalmente all’Oscar. Vojo?

Wet Hot American Summer, la serie Netflix che fa da prequel a un film di quattordici anni fa prendendo gli stessi attori e facendo fare loro gli scemi con le parrucche. Non so onestamente cosa pensarne, il trailer mi ha quasi fatto ridere, forse vojo.

London has Fallen. Il primo episodio mi è piaciuto meno che ad altri, però comunque a un film del genere non si può mai dire di no, dai.

Eccolo, è lui, è Michael Fassbender che punta all’Oscar come miglior protagonista in un film scritto da Aaron Sorkin e diretto (purtroppo) da Danny Boyle. È Steve Jobs, vojo.

Torno a sciogliermi.