Archivi categoria: Germanpep

Lo spam della domenica mattina: Monaco mon amour

Allora, questa settimana ho ben due podcast da segnalare. Da una parte, il solito The Walking Podcast dedicato all’ultimo episodio di The Walking Dead. Dall’altra Italiani, il podcast con Vitoiuvara che fa le domande alla gente che vive fuori dall’Italia. Abbiamo partecipato io e Giovanna, non siamo riusciti a chiacchierare di alcune cose che secondo me sarebbe stato interessante dire, ma insomma, magari non è venuto fuori uno schifo. Boh, vai a sapere. Eppoi, su Outcast ho enucleato un’anteprima si fa per dire di Super Mario 3D World e il solito episodio di Old!, dedicato al novembre del 1973.

E nella settimana entrante si dovrebbero registrare Chiacchiere Borderline e Tentacolo viola!

Batman e altre catastrofi

Allora, la scorsa settimana è stata annunciata la scelta di Ben Affleck nel ruolo di Batman per il seguito di L’uomo d’acciaio, quello per il quale se la sono abbaiata che s’ispireranno almeno in parte a Il ritorno del cavaliere oscuro. E l’internet è esplosa in un tripudio di insulti. A me la scelta non dispiace, per mille motivi, anche senza andare a tirar fuori il fatto che in passato le scelte di Michael Keaton (un comico nano) e Heath Ledger (chi?) erano state festeggiate con piogge di merda tanto quanto e poi siam tutti qui a rimpiangerli. Alla fine pure Christian Bale non è che fosse stato accolto con un tripudio di micette. Comunque, Ben Affleck è e, a meno di disastri, Ben Affleck rimane per un bel pezzo, considerando che è in preparazione una lunga serie di film in stile Marvel e non è da escludere che qualcuno se lo diriga pure lui. Ora, dicevo, non mi dispiace come scelta. Certo, non è il Batman vecchio e incazzato di Miller (per quello magari andava bene Josh Brolin), ma onestamente mai mi sarei aspettato di vederlo. Affleck, intanto, c’ha il fisico, è alto oltre un metro e novanta, imponente, con la classica cura palestra da film d’azione può far paura. Voglio dire, dà quasi dieci centimetri ad Henry Cavill, cosa che mi sembra possa avere un suo peso, se devono convincerci che riesce a tener testa a Superman. Inoltre mi sembra una scelta di casting adatta al taglio che i film di Zack Snyder hanno. Poi ha la cartola.

Cartola.

Inoltre è un bravo attore. Sì, lo so, che volete che vi dica? Non sto mica sostenendo che è il Robert De Niro degli anni Ottanta, ma è un bravo attore ed è adatto a fare quel che serve per quel che mi aspetto in questo film qua: stare zitto, fare lo sguardo da quello tormentato, essere grosso. Guardatevi le scene di Argo in cui se ne sta zitto in camera con la bottiglia. Per un Batman firmato Zack Snyder basta quello. All’argomentazione “Eh, ma Daredevil era brutto!” la risposta non può che essere “Mark Steven Johnson”. Ché comunque il regista e il film contano, nel far rendere bene un attore, soprattutto se l’attore in questione non è Meryl Streep. Mi direte che Zack Snyder non è esattamente noto come un maestro nella direzione degli attori, ma, ehi, vi risponderei che da un film intitolato Batman Vs. Superman non mi aspetto un profondo studio sui personaggi. E in ogni caso, oh, Hollywoodland. Non è un bel Bruce Wayne tormentato e scoglionato, quello? Anche se era Superman, dico. Aggiungo: Affleck non è scemo e sa che con una mossa del genere rischia. È resuscitato, è resuscitato per altro anche grazie alla fiducia arrivata dalla Warner, penso che abbiano tutti riflettuto per benino su come gestire questa roba e sono onestamente fiducioso. Oltre che speranzoso di vederlo poi dirigersi lui un bel film su Batman.

http://c.brightcove.com/services/viewer/federated_f9?isVid=1

Intanto è uscito il teaser trailer di Monsters: Dark Continent, seguito di Monsters dal cast totalmente diverso che racconta il Medio Oriente invaso dagli alieni. Il trailer sembra promettere qualcosa, anche se non so bene cosa, ma qui di fiducia ne ho onestamente pochina. Passando invece a cose più tamarre, è stata ufficializzata la partecipazione di Tony Jaa a Fast & Furious 7 e subito mi sono immaginato una scena in autostrada con un elefante che calpesta duecentocinquanta automobili. E poi c’è il primo trailerino del film in cui Paul W.S. Anderson si cimenta coi disastri naturali, le storie d’amore in stile Titanic, Emily Browning, Paz Vega e la gente che mena fendenti vestita da Zack Snyder.

Si intitola Pompeii, arriva a febbraio e secondo me ci sarà da divertirsi. Chiudo menzionando – me n’ero proprio scordato – il fatto che sono usciti L’evocazione (ne avevo scritto a questo indirizzo qua) e Monsters University (ne avevo scritto a quest’altro indirizzo qui). Preferisco il primo, si guardano entrambi.

A partire da domani vado sotto con il Fantasy Filmfest, quindi può essere che gli aggiornamenti del blog rimangano un po’ zoppicanti, ovviamente non per mancanza di argomenti, ma per mancanza di fiato. Farò il possibile. Fra l’altro, a meno di Shamalayan Twist improvvisi, sarà il mio ultimo Fantasy Filmfest, nonché la mia ultima rassegnina in quel di Monaco, dato che a ottobre ci si sposta a Parigi. Baguette per tutti!