Archivi categoria: Fumetti

Le mie altre robe del 2017

E anche quest’anno concludiamo la tripletta di elenconi brutti sulla roba consumata (e appuntata e/o che non mi sono dimenticato) nel corso dell’anno precedente con il mischione di quel che resta. Il mischione include i libri, i fumetti e le robe varie viste in TV che non siano film, quindi serie TV, documentari, cortometraggi e pucchiaccherelle assortite. Come ieri e l’altro ieri, ho piazzato il link apposito per i casi in cui ne ho scritto da qualche parte. Come ieri e l’altro ieri, questo testo introduttivo è largamente copincollato da quello degli anni scorsi.

Ah, di nuovo, come per i post di ieri e dell’altro ieri, a favore dei matti che ci tengono a leggere anche i miei pareri sparati a caso al volo, ci sono i link alle socialrobe in cui ho scribacchiato velocemente anche di cose per le quali non ho scritto post o articoli. Per quanto riguarda i libri, qua c’è il mio profilo su Anobii, ma soprattutto qui ci sono tutte le “due righe” che ho scritto sui libri letti. Sul fronte serie TV, invece, qui abbiamo il mio profilo su Traktqui il classificone di tutto quel che ho guardato nel 2017 e qui i vari commenti che ho scribacchiato (in inglese stentato, perché le regole del sito impongono l’utilizzo dell’inglese). E per i fumetti? Una sega.

Chiaramente, per il terzo giorno di fila, puntualizzo che negli elenchi qua sotto la valutazione da una stellina (asterisco) a cinque stelline (asterischi) si agita in quel fantastico mondo che va fra il “completamente a caso” e il “sostanzialmente a simpatia”, che è bene o male una divisione in cinque fasce e che l’ordine a parità di stelline (asterischi) è altrettanto a caso/simpatia, oltre che buttato lì mano a mano nel corso dell’anno, senza revisioni a bocce ferme.

E niente, direi che è tutto. Fate i bravi, buon 2018.

I libri che ho letto o riletto nel 2017
Suda51 – Le punk du jeu vidéo japonais ***** (Ne ho scritto su Outcast)
Sega Mega Drive/Genesis: Collected Works ***** (Ne ho scritto su Outcast)
NES/Famicom: a visual compendium ***** (Ne ho scritto su Outcast)
NEOGEO: A VISUAL HISTORY ネオジオ〜目で楽しむ軌跡〜 ***** (Ne ho scritto su Outcast)
The Story of the Commodore Amiga In Pixels ***** (Ne ho scritto su Outcast)
Playing at the Next Level: A History of American Sega Games *****
La bible Super Nintendo ***** (Ne ho scritto su Outcast)
La bible Super Nintendo – Expansion Pack ***** (Ne ho scritto su Outcast)
L’amica geniale *****
Come un videogioco ***** (Ne ho scritto su Outcast)
Dungeons & Desktops **** (Ne ho scritto su Outcast)
OST – Original Sound Track **** (Ne ho scritto su Outcast)
VGM – Video Game Music **** (Ne ho scritto su Outcast)
La torre nera: L’ultimo cavaliere ***
Player One ***
32 Yolks ***

Le serie TV, le robe strane per la TV o il web e i cortometraggi che ho guardato o riguardato nel 2017
Girls – Stagione 6 *****
Horace and Pete *****
Orange is the New Black – Stagione 4 *****
Banshee – Stagione 3 *****
Hap and Leonard – Stagione 2 *****
Master of None – Stagione 2 *****
Girls – Stagione 5 *****
The Americans – Stagione 4 *****
Rick and Morty – Stagione 3 *****
One Mississippi – Stagione 2 *****
Mindhunter – Stagione 1 *****
Banshee – Stagione 4 *****
Togetherness – Stagione 2 *****
Transparent – Stagione 3 *****
Rick and Morty – Stagione 2 *****
Preacher – Stagione 2 *****
Stranger Things ***** (Ne ho scritto su Outcast)
Orange is the New Black – Stagione 5 *****
Hap and Leonard – Stagione 1 *****
Preacher – Stagione 1 *****
Mad Men – Stagione 7 *****
Mad Men – Stagione 6 *****
Bojack Horseman – Stagione 3 *****
The Americans – Stagione 5 ****
Stranger Things 2 ****
Catastrophe – Stagione 3 ****
The Girlfriend Experience – Stagione 1 ****
Love – Stagione 2 ****
Big Little Lies – Piccole grandi bugie ****
Big Mouth – Stagione 1 ****
Bojack Horseman – Stagione 4 ****
Riverdale – Stagione 1 ****
Rick and Morty – Stagione 1 ****
American Gods – Stagione 1 ****
Agents of S.H.I.E.L.D. – Stagione 4 ****
The Marvelous Mrs. Maisel – Pilota ****
Masters of Sex – Stagione 4 ****
Legends of Tomorrow – Stagione 1 ****
The Expanse – Stagione 1 ****
Louis C.K. 2017 ****
The Strain – Stagione 3 ****
Suburra – Stagione 1 ****
My Name is Earl – Stagione 2 ****
The Man in the High Castle – Stagione 2 ****
The Legend of Master Legend – Pilota ****
Scream Queens – Stagione 2 ****
The Flash – Stagione 2 ****
Supergirl – Stagione 1 ****
Westworld – Stagione 1 ****
Into the Badlands – Stagione 2 ****
London Spy ****
Bojack Horseman – Stagione 2 ***
My Name is Earl – Stagione 3 ***
Bojack Horseman – Stagione 1 ***
Arrow – Stagione 4 ***
Masters of Sex – Stagione 3 ***
Easy – Stagione 1 ***
City Slickers in Westworld ***
Luther – Serie 4 ***
The Walking Dead – Stagione 7 ***
The Last Man on Earth – Stagione 3
Z Nation – Stagione 3 ***
My Name is Earl – Stagione 4 ***
Flaked – Stagione 2 ***
The Madness of Max ***
Oasis – Pilota ***
Budding Prospects – Pilota ***
Santa Clarita Diet – Stagione 1 ***
Blunt Talk – Stagione 2 ***
Inhumans – Stagione 1 ***
Castlevania – Stagione 1 ***
X-Files – Stagione 10 ***
BoJack Horseman Christmas Special: Sabrina’s Christmas Wish ***
Chronicles of Cisco **
Vixen – Stagione 1 **
The New V.I.P.’s – Pilota **

I fumetti che ho letto o riletto nel 2017
DC: The New Frontier *****
Invincible #23: “Full House” *****
Fell #1: “Feral City” *****
Saga #7 *****
Black Science #5: “True Atonement” *****
Black Science #6: “Forbidden Realms and Hidden Thruts” *****
The Walking Dead #27: “The Whisperer War” *****
All Rounder Meguru #18 *****
All Rounder Meguru #19 *****
Moon Knight Vol. 6 ****
Moonshine #1 ****
Outcast #4: “Under Devil’s Wing” ****
Snotgirl #1 ****
Trees #2 ****
Daredevil vol.3 #1/6 ****
Archie #1 ****
Lazarus #1 ****
Ultimate Comics Spider-Man #6/12 ****
New Avengers #16.1/23 ****
East of West #6 ****
Signal to Noise ****
Ultimate Comics Ultimates #7/12 ****
X-Factor #215/219 ****
Hunger Dogs ****
Uncanny X-Force #8/19 ****
Nailbiter #6: “The Bloody Truth” ****
Nailbiter #5:  “Bound by Blood” ****
Erased #1 ****
Vinland Saga #1 ****
Freak Island #1 ****
Orfani: Sam #1/6 ****
Orfani: Terra #1/3 ****
Orfani: Juric #2/3 ****
I pionieri dell’ignoto ****
Invincible Iron Man #500/503 ****
Billy Bat #14 ****
Billy Bat #15 ****
Secret Avengers #16/21 ****
Lilith #17 ****
Adam Wild #10/26 ****
Thunderbolts #163/174 ****
Iron Man 2.0 #1/12 ****
Barry Windsor-Smith: Storyteller ****
Fallout: Toy Works #1 ****
Hulk Vol. 2 #39/46 ****
Ultimate Comics Ultimates #1/6 ****
Ultimate Comics X-Men #1/13 ****
X-Men: Schism ****
X-Factor #220/229 ****
Le Storie #50 ****
Fear Itself ***/****
Le Storie #51/54 ***
Dazzler: The Movie ****
Gea #18 ***
Gli inumani ***
Mix #8 ***
Spider-Men ***
The Mighty Thor: Io, colui che gli dei vorrebbero distruggere ***
Generation Hope #6/12 ***
Slaine il re ***
Captain America vol. 6 #1/4 ***
The Punisher vol. 8 #1/9 ***
X-Men Vol. 3 #7/19 ***
Collision (Daken & X-23) ***
Age of X ***
Madman Collection: Speciali ***
Xmen Legacy #250/258 ***
Ultimate Comics Hawkeye ***
Incredible Hulks #626/635 ***
Wolverine & Jubilee ***
Dragonero #44/46 ***
Dragonero #42/43 ***
Wolverine (2010) #5.1/16 ***
Il grande libro delle cospirazioni ***
Raven Banner – Una saga asgardiana ***
Daredevil: Reborn ***
Cloak and Dagger ***
X-Men: Regenesis **/****
L’incredibile Hulk e La Cosa ***
Spider Island ***
Silver Surfer ***
Power Man and Iron Fist (2011) ***
Galaxy On Fire 3: Manticore ***
Magneto ***
Naruto Extra: Il settimo hokage e il marzo rosso ***
Berserk #76 ***
Incredible Hulk Vol 3 #1/6 **
Berserk #75 **
Annihilators: Earthfall **

E facciamo il punto. Nel 2017, grazie soprattutto a un momento di cinefilia acuta a inizio anno, ho guardato qualche film in più rispetto all’anno precedente e la verità è che lo stacco sarebbe stato superiore, se non fosse subentrata la faccenda trasloco a dicembre. A occhio, nel 2018 ne guarderò meno, perché sarà più complesso andare al cinema. Ma vai a sapere, magari mi scatta l’embolo di guardare duecento film in streaming. Ho guardato più o meno lo stesso quantitativo di serie TV del 2016, seguendone però parecchie nuove, e infatti sono rimasto indietro su molte che stavo già seguendo. Che significa? Boh? L’amico Anobii mi dice che ho letto meno libri e meno pagine rispetto al 2016, ma insomma, mi sono bene o male mantenuto sui livelli degli anni recenti, cosa che mi fa piacere (anche se è andata a finire che leggo quasi solo roba sui videogiochi di cui voglio scrivere su Outcast). Fra l’altro continuo a leggere regolarmente, senza accumulare arretrati, le versioni digitali di Edge, Retro Gamer, GamesTM, JV – Le magazine de la culture jeux vidéo e Internazionale. Prosegue anche il trend del videogiocare sempre meno, intimamente legato a quello del lavorare sempre meno, intimamente legato a quello della figlia che cresce e richiede sempre più attenzione. Tutto torna. Rimane che nel 2017 ho giocato meno che nel 2016, ma forse ho giocato meglio. O forse voglio raccontarmelo. Ho comunque giocato a un po’ più cose da decine di ore, e sicuramente anche quello ha comportato una riduzione del numero di titoli. Ho una mezza idea di dedicare una porzione significativa del mio tempo prossimo futuro allo spolverare il backlog, ma vale sempre il vai a sapere. Vedremo. E in ogni caso va bene così, dai. Va tutto bene. Va tutto bene.

Annunci

Preacher

Poco più di una settimana fa, si è conclusa la seconda stagione di (quella bomba clamorosa di) Preacher, che ho trovato anche superiore a (quella bomba clamorosa che già era) la prima stagione di Preacher. C’è un aspetto in particolare ad avermi convinto, esaltato, fatto ridere come un scemo e fatto venire voglia di scriverne qua dentro per spingere chi fosse indeciso a darle una chance: Preacher ha dimostrato definitivamente di essere una serie che fa quello che le pare. In maniera proprio netta. Certo, aveva iniziato a farlo fin dall’inizio, nelle scelte di casting che scatenano il fastidio di chi ci tiene al pigmento e nella decisione di stravolgere tanto, tantissimo, in termini di adattamento della storia. Ma a far quello, ormai, son bravi tutti. No, il bello di Preacher e, ripeto, soprattutto della seconda stagione di Preacher, è che riesce a riproporre alla sua maniera, che è una maniera tutta nuova e personale, quello spirito deflagrante che di fondo costituiva l’anima più profonda del fumetto. Quello spirito di chi si sta divertendo come uno scemo, non ha rispetto per nessuno e fa, appunto, quello che le pare. Ed è una serie fantastica.

Continua a leggere Preacher

Fumetti letti nelle scorse settimane di cui poi mi dimentico tutto perché lascio passare altre settimane prima di scriverne ma che ci dobbiamo fare mi piace comunque farlo e bona così

Oh, uno di quei venerdì in cui vorrei sbattere qualcosa nel blog ma non so di cosa scrivere e allora vado a recuperare la bozza in cui mi appunto i fumetti che leggo e ci piazzo le stelline (gli asterischelli) di fianco. Proprio uno di quelli. Come al solito, è tutta roba che ho letto da ormai qualche settimana, la più recente durante il viaggio di ritorno dalla GDC (quindi a inizio marzo). Come al solito, mi affido alla memoria e al caso. Come al solito, è più che altro un esercizio per andare dietro alle mie ansie da ossessivo compulsivo. Whatever.

Continua a leggere Fumetti letti nelle scorse settimane di cui poi mi dimentico tutto perché lascio passare altre settimane prima di scriverne ma che ci dobbiamo fare mi piace comunque farlo e bona così

The Walking Dead – Stagione 7

La settima stagione di The Walking Dead, perlomeno fino a metà, ha funzionato come da tradizione: una prima puntata fenomenale e poi un discreto ammosciarsi sui suoi ritmi compassati e i suoi alti e bassi. La solita roba che rischia di ammazzarti le gonadi se la segui di settimana in settimana ma che tutto sommato, almeno se lo chiedete a me, ha un suo senso e un suo ritmo se ti spari la maratona. In questo caso, però, quasi alzo le mani e mi arrendo: la prima metà di stagione, pur avendo, lo ripeto alla faccia delle polemiche, una prima gran puntata e qualche bel momento, ha stancato abbastanza pure me, che ho bene o male sempre difeso la serie. Sarà che era veramente un po’ troppo tutto un preparare faccende senza avanzare in maniera concreta. Sarà che alla fin fine Negan, per quanto reso a meraviglia da un Jeffrey Dean Morgan alla prima occasione in carriera che gli permette di mostrare carisma senza tentare di sedurre casalinghe, m’è parso sottosfruttato. Sarà che quando ti giochi la morte pesante stagionale all’esordio poi diventa dura, e infatti il cadavere di metà stagione chi se lo incula, ma insomma, meh. Poi, però, è successo qualcosa.

Continua a leggere The Walking Dead – Stagione 7

iZombie – Stagione 2

La prima stagione di iZombie era un gioiellino sorprendente e convincente oltre ogni più rosea aspettativa. Ispirata al bel fumetto di Chris Roberson e Mike Allred, la serie curata da Rob Thomas e Diane Ruggiero lo adattava in maniera eccellente, perlomeno secondo quelli che dovrebbero essere sempre i termini in cui si giudica un’operazione di quel tipo. Prendeva lo spunto iniziale e qualche personaggio, coglieva lo spirito più essenziale dell’opera originale, nella sua natura assolutamente pop, spigliata, giovanile, buffa, autoironica, e procedeva poi col farsi gli affari suoi. Via le divagazioni ultraterrene di vario tipo, presenti al massimo come simpatici omaggi, spazio a un racconto tutto incentrato sulla rilettura assurda e dissacrante del mito degli zombi, con l’idea della protagonista che “assimila” i ricordi di chi mangia a fare da perfetto punto di partenza per una struttura procedurale azzeccata e sempre varia, con tredici episodi divertentissimi e una narrazione orizzontale comunque presente e solida. Insomma,  una gran bella prima annata, dalla qualità costante e convincente come capita di rado.

Continua a leggere iZombie – Stagione 2

Sventagliata a caso di fumetti letti nelle ultime settimane, fra panettoni, pandori e tortellini

È lunedì. Ieri sera sono andato a dormire tardi perché mi ero preso bene con l’inizio della terza stagione di The Strain. Per fortuna, quando ho chiesto l’aiuto della regia sulla chat di Facebook, la giuria popolare mi ha detto che non era il caso di guardare un’altra puntata ed era meglio andare a dormire.  Quindi non sono andato a letto troppo tardi, ma insomma. In più, il nuovo coinquilino felino fatica a quagliare con la preesistente coinquilina felina e le loro discussioni notturne mi hanno svegliato a più riprese. “E sticazzi?” No, certo, per carità, ma insomma, avevo voglia di buttare fuori qualcosa nel blog, ho la testa vuota e gli occhi spenti, mi sembrava il momento buono per il periodico post di aggiornamento ossessivo compulsivo sui fumetti letti di recente, per la precisione fra dicembre e questo pezzo di gennaio. Non sono molti, non c’è neanche molto di particolarmente bello, non so quanto potrei avere da dire di interessante anche su ciò che è bello e i miei ricordi sono come al solito ormai fumosi ma, oh, insomma, il punto è proprio di tirar fuori una roba facile tanto per.

Continua a leggere Sventagliata a caso di fumetti letti nelle ultime settimane, fra panettoni, pandori e tortellini

Le mie altre robe del 2016

E anche quest’anno concludiamo la tripletta di elenconi brutti sulla roba consumata (e appuntata e/o che non mi sono dimenticato) nel corso dell’anno precedente con il mischione di quel che resta. Il mischione include i libri, i fumetti e le robe varie viste in TV che non siano film, quindi serie TV, documentari, cortometraggi e pucchiaccherelle assortite. Come ieri e l’altro ieri, ho piazzato il link apposito per i casi in cui ne ho scritto da qualche parte.
Continua a leggere Le mie altre robe del 2016

La settimana a base di fumetti comprati da giopep durante il suo ultimo raid in Rue Dante

A Parigi le fumetterie escono dalle fottute pareti, ma se vai in Rue Dante ci sono più fumetterie che pareti. E soprattutto ci sono fumetterie un po’ più specializzate, fra quella che tratta solo manga, quella dedicata ai classici, quella per stracollezionisti e quelle ben fornite anche di fumetti americani in lingua originale. Quindi, ogni tanto (si parla di mesi), faccio un salto, stupro la carta di credito e poi sono a posto per altri mesi, tutti belli messi in fila. L’ultima volta si è verificata qualche settimana fa, poco dopo il rientro dall’Italia, e mi sono portato a casa ciò di cui vado a parlare qua sotto. Ovviamente, andando a scriverne settimane dopo, non mi ricordo più una fava, ma insomma, le stelline (gli asterischi) le (li) ho messe (messi) subito dopo la lettura, quindi, male che vada, si possono prendere quelli come consigli per l’acquisto.

Continua a leggere La settimana a base di fumetti comprati da giopep durante il suo ultimo raid in Rue Dante

Esplosione di logorrea fin dal titolo nello scrivere di alcune cose fumettare che ho visto quest’anno e di cui non ho mai scritto ma sulle quali mi esprimo ora, sicuramente fuori tempo massimo, perché, insomma, qua sul blog è abbastanza una tradizione e quindi perché no?

Il 2016 è forse l’anno in cui non arrivo a dire di essermi rotto i coglioni dei film e telefilm di supereroi, ma ho comunque affrontato quel giro di boa dopo il quale non sempre l’amore per i fumetti riesce a farmi concentrare sul bicchiere mezzo pieno. Ci riesco ancora, eh, contro tutto e tutti, e non mi è chiarissimo in base a cosa ci riesca o meno (a naso: mi sa che inizio a non tollerare più chi si piglia troppo sul serio quando va in giro in mutandoni), ma mamma mia che rottura di coglioni che è stata la seconda stagione di Daredevil e quanto, a qualche mese di distanza, fatico ad averne un buon ricordo. Poi, per carità, già la prima, pur trovandola molto bella, non mi ha fatto impazzire e strappare i capelli come è accaduto a tanti altri, ma insomma, era comunque su tutt’altro livello. Qua, invece, un rotolare di maroni quasi ininterrotto, con qualche momento di reale bellezza a mettere un freno qui e lì.

Continua a leggere Esplosione di logorrea fin dal titolo nello scrivere di alcune cose fumettare che ho visto quest’anno e di cui non ho mai scritto ma sulle quali mi esprimo ora, sicuramente fuori tempo massimo, perché, insomma, qua sul blog è abbastanza una tradizione e quindi perché no?

Il resto dell’ottobre a fumetti di giopep

A fine ottobre sono andato a trascorrere una piacevole settimana in quel di Milano City per celebrare il primo compleanno dell’erede. Da quando vivo all’estero, i passaggi a Milano coincidono coi passaggi in fumetteria, per il recupero di quelle poche cose che ancora mi faccio tenere da parte in casella e che sono, sostanzialmente, qualche fumetto Bonelli e qualche manga. Sempre meno, fra l’altro, perché di alcune serie, prima o poi, finisco per rompermi le palle e anche perché altre serie, per fortuna, finiscono. Poi, certo, andando a recuperarle, quando va bene, ogni sei mesi, tendo comunque a tornare a casa coi sacchetti pieni, ma insomma, che ci dobbiamo fare.

Ovviamente, come al solito, la materia cerebrale ridotta ai minimi termini mi sta già mettendo in difficoltà sul ricordarmi cosa cacchio sia ‘sta roba. Facciamo il possibile.

Continua a leggere Il resto dell’ottobre a fumetti di giopep