Archivi categoria: giopeppredictions

giopeppredictions 2017

L’anno scorso, questa importante tradizione del mondo occidentale è saltata, onestamente non ricordo per quale motivo ma punterei cinque euro sul mio semplice essermene dimenticato. Quest’anno invece torna, più che altro perché mi è stato richiesto dall’uomo a cui dedico un tag e, insomma, chi sono io per negarmi ai fan. Fra l’altro, torna anche una tradizione che mancava da tempo: quella della notte degli Oscar che si incarta con la GDC, ma quantomeno lo fa in maniera gentile, non incrociandosi col viaggio come in altri, adorabili casi di notte passata in piedi per poi andare direttamente all’aeroporto, ma semplicemente proponendoci la serata di premiazione la domenica, quando saremo bolliti, incapaci di seguirla e soprattutto probabilmente al cinema per guardarci John Wick 2.

Continua a leggere giopeppredictions 2017

giopeppredictions 2015

Fra qualche ora, questo tizio simpatico qua sopra presenterà la notte degli Oscar. Che poi noi la chiamiamo la notte degli Oscar perché c’è la differenza di fuso orario e quindi bisogna fare le cinque del mattino per seguirla, però in effetti per gli americani non è che sia proprio proprio una notte. Al massimo è la serata degli Oscar, toh. E anche lì, dipende da dove vivi. Ma insomma. Purtroppo, l’anno scorso ho scoperto che in Francia non vige il trionfo di civiltà attuato in Germania (e, a quanto pare, ormai pure in Italia) della trasmissione in diretta, in chiaro e in lingua originale. Serve essere abbonato a Canal+, cosa che io non sono, e quindi mi sa che anche quest’anno me ne starò bello tranquillo a dormire e mi guarderò poi la differita il giorno dopo. Almeno credo. Vai a sapere.

Ad ogni modo, ecco qua il mio solito post inutile e poco interessante con il copia e incolla invertito da Wikipedia di tutte le nomination, completamente sconclusionato, traducendo cose a caso ma lasciando i titoli dei film in originale perché troppo sbattimento. La roba che premierei io è evidenziata in blu (e scelta fra i film che ho visto, chiaramente) e le scommesse su cosa vincerà sono evidenziate in rosso (e scelte del tutto a caso, chiaramente). E quando coincidono le evidenzio in viola. E magari ci metto anche qualche commento. O magari no. Come viene.

Migliori effetti speciali
Captain America: The Winter Soldier – Dan DeLeeuw, Russell Earl, Bryan Grill and Dan Sudick
Dawn of the Planet of the Apes – Joe Letteri, Dan Lemmon, Daniel Barrett and Erik Winquist
Guardians of the Galaxy – Stephane Ceretti, Nicolas Aithadi, Jonathan Fawkner and Paul Corbould
Interstellar – Paul Franklin, Andrew Lockley, Ian Hunter and Scott Fisher
X-Men: Days of Future Past – Richard Stammers, Lou Pecora, Tim Crosbie and Cameron Waldbauer

Miglior montaggio
American Sniper – Joel Cox and Gary D. Roach
Boyhood – Sandra Adair
The Grand Budapest Hotel – Barney Pilling
The Imitation Game – William Goldenberg
Whiplash – Tom Cross

Migliori costumi
The Grand Budapest Hotel – Milena Canonero
Inherent Vice – Mark Bridges
Into the Woods – Colleen Atwood
Maleficent – Anna B. Sheppard
Mr. Turner – Jacqueline Durran

Miglior trucco e parrucco
Foxcatcher – Bill Corso and Dennis Liddiard
The Grand Budapest Hotel – Frances Hannon and Mark Coulier
Guardians of the Galaxy – Elizabeth Yianni-Georgiou and David White

Miglior fotografia
Birdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance) – Emmanuel Lubezki
The Grand Budapest Hotel – Robert Yeoman
Ida – Łukasz Żal and Ryszard Lenczewski
Mr. Turner – Dick Pope
Unbroken – Roger Deakins

Probabilmente, se l’avessi visto, punterei su Birdman, ma qua esce la prossima settimana.

Miglior production design
The Grand Budapest Hotel – Adam Stockhausen (Production Design); Anna Pinnock (Set Decoration)
The Imitation Game – Maria Djurkovic (Production Design); Tatiana Macdonald (Set Decoration)
Interstellar – Nathan Crowley (Production Design); Gary Fettis (Set Decoration)
Into the Woods – Dennis Gassner (Production Design); Anna Pinnock (Set Decoration)
Mr. Turner – Suzie Davies (Production Design); Charlotte Watts (Set Decoration)

Miglior sound mixing
American Sniper – John Reitz, Gregg Rudloff and Walt Martin
Birdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance) – Jon Taylor, Frank A. Montaño and Thomas Varga
Interstellar – Gary A. Rizzo, Gregg Landaker and Mark Weingarten
Unbroken – Jon Taylor, Frank A. Montaño and David Lee
Whiplash – Craig Mann, Ben Wilkins and Thomas Curley

Miglior montaggio sonoro
American Sniper – Alan Robert Murray and Bub Asman
Birdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance) – Martin Hernández and Aaron Glascock
The Hobbit: The Battle of the Five Armies – Brent Burge and Jason Canovas
Interstellar – Richard King
Unbroken – Becky Sullivan and Andrew DeCristofaro

Miglior canzone
“Everything Is Awesome” from The Lego Movie – Music and Lyric by Shawn Patterson
“Glory” from Selma – Music and Lyric by John Legend and Common
“Grateful” from Beyond the Lights – Music and Lyric by Diane Warren
“I’m Not Gonna Miss You” from Glen Campbell: I’ll Be Me – Music and Lyric by Glen Campbell and Julian Raymond
“Lost Stars” from Begin Again – Music and Lyric by Gregg Alexander and Danielle Brisebois

Miglior colonna sonora
The Grand Budapest Hotel – Alexandre Desplat
The Imitation Game – Alexandre Desplat
Interstellar – Hans Zimmer
Mr. Turner – Gary Yershon
The Theory of Everything – Jóhann Jóhannsson

Miglior cortometraggio animato
The Bigger Picture – Daisy Jacobs and Christopher Hees
The Dam Keeper – Robert Kondo and Daisuke Tsutsumi
Feast – Patrick Osborne and Kristina Reed
Me and My Moulton – Torill Kove
A Single Life – Joris Oprins

Più che altro Feast è l’unico che ho visto.

Miglior cortometraggio
Aya – Oded Binnun and Mihal Brezis
Boogaloo and Graham – Michael Lennox and Ronan Blaney
Butter Lamp (La Lampe au beurre de yak) – Hu Wei and Julien Féret
Parvaneh – Talkhon Hamzavi and Stefan Eichenberger
The Phone Call – Mat Kirkby and James Lucas

OK, siamo ufficialmente entrati nella zona delle cose messe completamente a caso.

Miglior documentario (cortometraggio)
Crisis Hotline: Veterans Press 1 – Ellen Goosenberg Kent and Dana Perry
Joanna – Aneta Kopacz
Our Curse – Tomasz Śliwiński and Maciej Ślesicki
The Reaper (La Parka) – Gabriel Serra Arguello
White Earth – J. Christian Jensen

Miglior documentario
Citizenfour – Laura Poitras, Mathilde Bonnefoy and Dirk Wilutsky
Finding Vivian Maier – John Maloof and Charlie Siskel
Last Days in Vietnam – Rory Kennedy and Keven McAlester
The Salt of the Earth – Wim Wenders, Lélia Wanick Salgado and David Rosier
Virunga – Orlando von Einsiedel and Joanna Natasegara

Miglior film straniero
Ida (Poland) in Polish  – Paweł Pawlikowski
Leviathan (Russia) in Russian – Andrey Zvyagintsev
Tangerines (Estonia) in Estonian and Russian – Zaza Urushadze
Timbuktu (Mauritania) in French  – Abderrahmane Sissako
Wild Tales (Argentina) in Spanish  – Damián Szifrón

Miglior film d’animazione
Big Hero 6 – Don Hall, Chris Williams and Roy Conli
The Boxtrolls – Anthony Stacchi, Graham Annable and Travis Knight
How to Train Your Dragon 2 – Dean DeBlois and Bonnie Arnold
Song of the Sea – Tomm Moore and Paul Young
The Tale of the Princess Kaguya – Isao Takahata and Yoshiaki Nishimura

Se pensassi che Kaguya avesse qualche chance di vittoria, me ne fregherebbe poco dell’esclusione dei mattoncini Lego. Siccome però non ci credo, l’esclusione mi mette addosso una certa tristezza. Boh, l’unico altro che ho visto dei cinque è Big Hero 6 e anche no, grazie. Riciclo i Golden Globe.

Miglior sceneggiatura non originale
American Sniper – Jason Hall from American Sniper by Chris Kyle, Scott McEwen and Jim DeFelice
The Imitation Game – Graham Moore from Alan Turing: The Enigma by Andrew Hodges
Inherent Vice – Paul Thomas Anderson from Inherent Vice by Thomas Pynchon
The Theory of Everything – Anthony McCarten from Travelling to Infinity: My Life with Stephen by Jane Wilde Hawking
Whiplash – Damien Chazelle from his short film of the same name

Miglior sceneggiatura originale
Birdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance) – Alejandro González Iñárritu, Nicolás Giacobone, Alexander Dinelaris, Jr. and Armando Bo
Boyhood – Richard Linklater
Foxcatcher – E. Max Frye and Dan Futterman
The Grand Budapest Hotel – Wes Anderson and Hugo Guinness
Nightcrawler – Dan Gilroy

Miglior attrice non protagonista
Patricia Arquette – Boyhood as Olivia Evans
Laura Dern – Wild as Barbara “Bobbi” Grey
Keira Knightley – The Imitation Game as Joan Clarke
Emma Stone – Birdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance) as Sam Thomson
Meryl Streep – Into the Woods as The Witch

Anche se non ho ancora visto Birdman, non importa.

Miglior attore non protagonista
Robert Duvall – The Judge as Judge Joseph Palmer
Ethan Hawke – Boyhood as Mason Evans, Sr.
Edward Norton – Birdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance) as Mike Shiner
Mark Ruffalo – Foxcatcher as Dave Schultz
J. K. Simmons – Whiplash as Terence Fletcher

Miglior attrice protagonista
Marion Cotillard – Two Days, One Night as Sandra Bya
Felicity Jones – The Theory of Everything as Jane Wilde Hawking
Julianne Moore – Still Alice as Dr. Alice Howland
Rosamund Pike – Gone Girl as Amy Elliott-Dunne
Reese Witherspoon – Wild as Cheryl Strayed

Metto il blu sull’unica che ho visto, ma insomma, sembra tutto abbastanza scritto.

Miglior attore protagonista
Steve Carell – Foxcatcher as John Eleuthère du Pont
Bradley Cooper – American Sniper as Chris Kyle
Benedict Cumberbatch – The Imitation Game as Alan Turing
Michael Keaton – Birdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance) as Riggan Thomson / Birdman
Eddie Redmayne – The Theory of Everything as Stephen Hawking

Anche se non ho ancora visto Birdman, non importa. Dopo aver preparato questo post ho visto American Sniper e il blu lo metto su Bradley Cooper.

Miglior regista
Wes Anderson – The Grand Budapest Hotel
Alejandro González Iñárritu – Birdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance)
Richard Linklater – Boyhood
Bennett Miller – Foxcatcher
Morten Tyldum – The Imitation Game

Miglior film
American Sniper – Clint Eastwood, Robert Lorenz, Andrew Lazar, Bradley Cooper and Peter Morgan
Birdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance) – Alejandro González Iñárritu, John Lesher and James W. Skotchdopole
Boyhood – Richard Linklater and Cathleen Sutherland
The Grand Budapest Hotel – Wes Anderson, Scott Rudin, Steven Rales and Jeremy Dawson
The Imitation Game – Nora Grossman, Ido Ostrowsky and Teddy Schwarzman
Selma – Christian Colson, Oprah Winfrey, Dede Gardner and Jeremy Kleiner
The Theory of Everything – Tim Bevan, Eric Fellner, Lisa Bruce and Anthony McCarten
Whiplash – Jason Blum, Helen Estabrook and David Lancaster

Ultimamente sono sempre più convinto che non abbia senso premiare due film diversi nelle ultime due categorie, perché la verità è che senza essere stato sul set non puoi davvero capire come abbia lavorato il regista. E quindi, di fondo, se premi il miglior regista giudicando il risultato finale, che è il film, stai premiando il miglior film. Il problema è che il mio film preferito, qua, è Whiplash, ma Damien Chazelle non c’è fra i registi, e quindi mi tocca puntare su due film diversi. Ah, le ingiustizie!

Quest’anno sono riuscito a vedere meno film del solito fra quelli papabili, in larga misura perché molti non sono ancora usciti in Francia, in parte anche per pigrizia, via. Capita.

giopeppredictions 2014

Domenica c’è la notte degli Oscar, che per me è un appuntamento fisso e (quasi) mai mancato fin da quando ero piccolino. In linea teorica, anche quest’anno vorrei farmi la notte sul divano e seguire lo spettacolo in diretta, nonostante Ellen DeGeneres, per quanto mi stia simpatica, non so, non mi faccia impazzire. Il problema, più che altro, è che in Germania m’ero abituato bene, con la trasmissione in chiaro, su rete pubblica e in lingua originale, mentre in Francia, se sto capendo bene, li danno in esclusiva su Canal+, al quale non sono abbonato. Quindi si tratta di capire se avrò voglia di passare la notte al computer, inseguendo gli streaming brutti in giro per la rete, o mi accontenterò di guardare la cerimonia in differita il giorno dopo. Oppure mi si chiude la vena sul collo e fra oggi e domenica mi faccio l’abbonamento a Canal+, vai a sapere.

Comunque, come è ormai tradizione, anche quest’anno faccio il mio post inutile, con un copia e incolla invertito da Wikipedia di tutte le nomination, completamente sconclusionato, traducendo cose a caso ma lasciando i titoli dei film in originale perché troppo sbattimento. La roba che premierei io è evidenziata in blu (e scelta fra i film che ho visto, chiaramente) e le scommesse su cosa vincerà sono evidenziate in rosso (e scelte del tutto a caso, chiaramente). E quando coincidono le evidenzio in viola. E magari ci metto anche qualche commento. O magari no. Come viene.

Migliori effetti speciali
Gravity – Tim Webber, Chris Lawrence, Dave Shirk, and Neil Corbould
The Hobbit: The Desolation of Smaug – Joe Letteri, Eric Saindon, David Clayton, and Eric Reynolds
Iron Man 3 – Christopher Townsend, Guy Williams, Erik Nash, and Dan Sudick
The Lone Ranger – Tim Alexander, Gary Brozenich, Edson Williams, and John Frazier
Star Trek Into Darkness – Roger Guyett, Patrick Tubach, Ben Grossmann, and Burt Dalton

Miglior montaggio
American Hustle – Jay Cassidy, Crispin Struthers, and Alan Baumgarten
Captain Phillips – Christopher Rouse
Dallas Buyers Club – John Mac McMurphy[12] and Martin Pensa
Gravity – Alfonso Cuarón and Mark Sanger
12 Years a Slave – Joe Walker

Migliori costumi
American Hustle – Michael Wilkinson
The Grandmaster – William Chang Suk Ping
The Great Gatsby – Catherine Martin
The Invisible Woman – Michael O’Connor
12 Years a Slave – Patricia Norris

Miglior trucco e parrucco
Dallas Buyers Club – Adruitha Lee and Robin Mathews
Jackass Presents: Bad Grandpa – Stephen Prouty
The Lone Ranger – Joel Harlow and Gloria Pasqua-Casny

Premio Jackass a simpatia, anche se in realtà non l’ho visto.

Miglior fotografia
The Grandmaster – Philippe Le Sourd
Gravity – Emmanuel Lubezki
Inside Llewyn Davis – Bruno Delbonnel
Nebraska – Phedon Papamichael
Prisoners – Roger Deakins

Miglior production design
American Hustle – Judy Becker (Production Design); Heather Loeffler (Set Decoration)
Gravity – Andy Nicholson (Production Design); Rosie Goodwin and Joanne Woollard (Set Decoration)
The Great Gatsby – Catherine Martin (Production Design); Beverley Dunn (Set Decoration)
Her – K. K. Barrett (Production Design); Gene Serdena (Set Decoration)
12 Years a Slave – Adam Stockhausen (Production Design); Alice Baker (Set Decoration)

Miglior sound mixing
Captain Phillips – Chris Burdon, Mark Taylor, Mike Prestwood Smith, and Chris Munro
Gravity – Skip Lievsay, Niv Adiri, Christopher Benstead, and Chris Munro
The Hobbit: The Desolation of Smaug – Christopher Boyes, Michael Hedges, Michael Semanick, and Tony Johnson
Inside Llewyn Davis – Skip Lievsay, Greg Orloff, and Peter F. Kurland
Lone Survivor – Andy Koyama, Beau Borders, and David Brownlow

Miglior montaggio sonoro
All Is Lost – Steve Boeddeker and Richard Hymns
Captain Phillips – Oliver Tarney
Gravity – Glenn Freemantle
The Hobbit: The Desolation of Smaug – Brent Burge and Chris Ward
Lone Survivor – Wylie Stateman

Miglior canzone
“Happy” from Despicable Me 2 – Pharrell Williams
“Let It Go” from Frozen – Kristen Anderson-Lopez and Robert Lopez
“The Moon Song” from Her – Karen Orzolek and Spike Jonze
“Ordinary Love” from Mandela: Long Walk to Freedom – U2

Miglior colonna sonora
The Book Thief – John Williams
Gravity – Steven Price
Her – William Butler and Owen Pallett
Philomena – Alexandre Desplat
Saving Mr. Banks – Thomas Newman

Miglior cortometraggio animato
Feral – Daniel Sousa and Dan Golden
Get a Horse! – Lauren MacMullan and Dorothy McKim
Mr. Hublot – Laurent Witz and Alexandre Espigares
Possessions – Shuhei Morita
Room on the Broom – Max Lang and Jan Lachauer

Inizia la sezione del votare completamente a caso. Però quel che ho visto di Get a Horse! mi pare bellissimo.

Miglior cortometraggio
Aquel no era yo (That Wasn’t Me) – Esteban Crespo
Avant que de tout perdre (Just Before Losing Everything) – Xavier Legrand and Alexandre Gavras
Helium – Anders Walter and Kim Magnusson
Pitääkö mun kaikki hoitaa? (Do I Have to Take Care of Everything?) – Selma Vilhunen and Kirsikka Saari
The Voorman Problem – Mark Gill and Baldwin Li

Miglior documentario (cortometraggio)
CaveDigger – Jeffrey Karoff
Facing Fear – Jason Cohen
Karama Has No Walls – Sara Ishaq
The Lady in Number 6: Music Saved My Life – Malcolm Clarke and Nicholas Reed
Prison Terminal: The Last Days of Private Jack Hall – Edgar Barens

Miglior documentario
The Act of Killing – Joshua Oppenheimer and Signe Byrge Sørensen
20 Feet from Stardom – Morgan Neville, Gil Friesen, and Caitrin Rogers
Cutie and the Boxer – Zachary Heinzerling and Lydia Dean Pilcher
Dirty Wars – Richard Rowley and Jeremy Scahill
The Square – Jehane Noujaim and Karim Amer

Miglior film straniero
The Broken Circle Breakdown (Belgium) in Dutch – Felix Van Groeningen
The Great Beauty (Italy) in Italian – Paolo Sorrentino
The Hunt (Denmark) in Danish – Thomas Vinterberg
The Missing Picture (Cambodia) in French – Rithy Panh
Omar (Palestine) in Arabic – Hany Abu-Assad

Miglior film d’animazione
The Croods – Kirk DeMicco, Chris Sanders, and Kristine Belson
Despicable Me 2 – Pierre Coffin, Chris Renaud, and Chris Meledandri
Ernest & Celestine – Benjamin Renner and Didier Brunner
Frozen – Chris Buck, Jennifer Lee, and Peter Del Vecho
The Wind Rises – Hayao Miyazaki and Toshio Suzuki

Mi sono piaciuti entrambi da matti e in maniere molto diverse, ma se proprio c’avessi la pistola puntata alla testa, penso che sceglierei Miyazaki. Frozen, comunque, è molto bello e in America è piaciuto parecchio alla critica, anche per motivi che vanno un po’ al di là del film in sé.

Miglior sceneggiatura non originale
Before Midnight – Richard Linklater, Julie Delpy, and Ethan Hawke
Captain Phillips – Billy Ray
Philomena – Steve Coogan and Jeff Pope
12 Years a Slave – John Ridley
The Wolf of Wall Street – Terence Winter

Miglior sceneggiatura originale
American Hustle – Eric Warren Singer and David O. Russell
Blue Jasmine – Woody Allen
Dallas Buyers Club – Craig Borten and Melisa Wallack
Her – Spike Jonze
Nebraska – Bob Nelson

Sottolineo che non ho ancora visto Her, perché qua in Francia esce fra un paio di settimane, ma fra questi, sulla fiducia, lo voto lo stesso.

Miglior attrice non protagonista
Sally Hawkins – Blue Jasmine as Ginger
Jennifer Lawrence – American Hustle as Rosalyn Rosenfeld
Lupita Nyong’o – 12 Years a Slave as Patsey
Julia Roberts – August: Osage County as Barbara Weston-Fordham
June Squibb – Nebraska as Kate Grant

Miglior attore non protagonista
Barkhad Abdi – Captain Phillips as Abduwali Muse
Bradley Cooper – American Hustle as Agent Richard “Richie” DiMaso
Michael Fassbender – 12 Years a Slave as Edwin Epps
Jonah Hill – The Wolf of Wall Street as Donnie Azoff
Jared Leto – Dallas Buyers Club as Rayon

Miglior attrice protagonista
Amy Adams – American Hustle as Sydney Prosser
Cate Blanchett – Blue Jasmine as Jeanette “Jasmine” Francis
Sandra Bullock – Gravity as Dr. Ryan Stone
Judi Dench – Philomena as Philomena Lee
Meryl Streep – August: Osage County as Violet Weston

Purtroppo, fra una cosa e l’altra, non sono ancora riuscito a recuperare Blue Jasmine, comunque mi sembra davvero l’anno di Cate Blanchett. Amy Adams, però, è strepitosa.

Miglior attore protagonista
Christian Bale – American Hustle as Irving Rosenfeld
Bruce Dern – Nebraska as Woody Grant
Leonardo DiCaprio – The Wolf of Wall Street as Jordan Belfort
Chiwetel Ejiofor – 12 Years a Slave as Solomon Northup
Matthew McConaughey – Dallas Buyers Club as Ron Woodroof

Punto su Matteo Maccoso per lo stesso motivo di Cate: è il suo momento. Però non mi sento di escludere che il senso di colpa da film sullo schiavismo dia un boost a Chiwetel, anche se comunque Matteo ha dalla sua un tema molto sentito. Detto questo, non ho ancora visto Nebraska, ma cacchio che roba, le nomination di quest’anno (anche considerando chi è rimasto fuori).

Miglior regista
David O. Russell – American Hustle
Alfonso Cuarón – Gravity
Alexander Payne – Nebraska
Steve McQueen – 12 Years a Slave
Martin Scorsese – The Wolf of Wall Street

Miglior film
American Hustle – Charles Roven, Richard Suckle, Megan Ellison, and Jonathan Gordon
Captain Phillips – Scott Rudin, Dana Brunetti, and Michael De Luca
Dallas Buyers Club – Robbie Brenner and Rachel Winter
Gravity – Alfonso Cuarón and David Heyman
Her – Megan Ellison, Spike Jonze, and Vincent Landay
Nebraska – Albert Berger and Ron Yerxa
Philomena – Gabrielle Tana, Steve Coogan, and Tracey Seaward
12 Years a Slave – Brad Pitt, Dede Gardner, Jeremy Kleiner, Steve McQueen, Anthony Katagas, Bill Pohlad and Arnon Milchan
The Wolf of Wall Street – Martin Scorsese, Leonardo DiCaprio, Joey McFarland, and Emma Tillinger Koskoff

Gravity rimane il mio film preferito dell’anno scorso e, tutto sommato, anche quelli di quest’elenco che ho visto quest’anno non lo scalzano dalla sua posizione. Quindi, insomma, scelta inevitabile.

Quest’anno mi mancano da vedere un paio di film della decina, che d’altra parte non sono ancora usciti in Francia. Però, per il resto, dai, ho visto quasi tutto quel che conta. Bon, a posto.

giopeppredictions

Oh, bello, questa notte ci sono gli Oscar e, per la prima volta in quattro anni, non me li hanno incrociati in maniera fastidiosa con altre robe tipo, che so, la partenza per la GDC o l’All-Star Game NBA (che fra l’altro neanche ho guardato, quest’anno). Stasera vado a vedermi Warm Bodies (avendone molta paura) e, al ritorno a casa, mi piazzo davanti alla TV tedesca (una di quelle due o tre occasioni in cui lo faccio nell’arco di tutto l’anno) e mi sparo la diretta notturna, per me tradizione irrinunciabile fin da quando ero piccino. Seth MacFarlane mi sta simpatico e spero lo spettacolo sia divertente. Se non lo sarà, ce ne faremo una ragione. Ad ogni modo, anche quest’anno faccio il mio post inutile, con un copia e incolla invertito da Wikipedia di tutte le nomination, la roba che premierei io evidenziata in blu (e scelta solo fra i film che ho visto, chiaramente) e le scommesse su cosa vincerà evidenziate in rosso (e scelte del tutto a caso, chiaramente). E quando coincidono le evidenzio in viola. Non commento molto, perché, boh, non ho niente da dire.

Migliori effetti speciali
Lo hobbit: Un viaggio inaspettato – Joe Letteri, Eric Saindon, David Clayton, R. Christopher White
Vita di Pi – Bill Westenhofer, Guillaume Rocheron, Erik-Jan de Boer, Donald R. Elliott
The Avengers – Janek Sirrs, Jeff White, Guy Williams, Dan Sudick
Prometheus – Richard Stammers, Trevor Wood, Charley Henley, Martin Hill
Biancaneve e il cacciatore – Cedric Nicolas-Troyan, Philip Brennan, Neil Corbould, Michael Dawson

Miglior montaggio
Argo – William Goldenberg
Vita di Pi – Tim Squyres
Lincoln – Michael Kahn
Silver Linings – Il lato positivo – Jay Cassidy, Crispin Struthers
Zero Dark Thirty – Dylan Tichenor, William Goldenberg

Migliori costumi
Anna Karenina – Jacqueline Durran
Les Misérables – Paco Delgado
Lincoln – Joanna Johnston
Biancaneve – Eiko Ishioka
Biancaneve e il cacciatore – Colleen Atwood

Miglior trucco
Hitchcock – Howard Berger, Peter Montagna, Martin Samuel
Lo hobbit: Un viaggio inaspettato – Peter Swords King, Rick Findlater, Tami Lane
Les Misérables – Lisa Westcott, Julie Dartnell

Miglior fotografia
Anna Karenina – Seamus McGarvey
Django Unchained – Robert Richardson
Vita di Pi – Claudio Miranda
Lincoln – Janusz Kamiński
Skyfall – Roger Deakins

Miglior production design
Anna Karenina – Sarah Greenwood, Katie Spencer
Lo hobbit: Un viaggio inaspettato – Dan Hennah, Ra Vincent, and Simon Bright
Les Misérables – Eve Stewart and Anna Lynch-Robinson
Vita di Pi – David Gropman and Anna Pinnock
Lincoln – Rick Carter and Jim Erickson

Miglior sound mixing
Argo – John Reitz, Gregg Rudloff, Jose Antonio Garcia
Les Misérables – Andy Nelson, Mark Paterson, Simon Hayes
Vita di Pi – Ron Bartlett, D. M. Hemphill, Drew Kunin
Lincoln – Andy Nelson, Gary Rydstrom, Ronald Judkins
Skyfall – Scott Millan, Greg P. Russell, Stuart Wilson

Miglior montaggio sonoro
Argo – Erik Aadahl, Ethan Van der Ryn
Django Unchained – Wylie Stateman
Life of Pi – Eugene Gearty, Philip Stockton
Skyfall – Per Hallberg, Karen Baker Landers
Zero Dark Thirty – Paul N. J. Ottosson

Miglior canzone originale
“Before My Time” da Chasing Ice – J. Ralph
“Everybody Needs a Best Friend” da Ted – Walter Murphy and Seth MacFarlane
“Pi’s Lullaby” da Vita di Pi – Mychael Danna and Bombay Jayashri
“Skyfall” da Skyfall – Adele Adkins and Paul Epworth
“Suddenly” da Les Misérables – Claude-Michel Schönberg, Herbert Kretzmer, and Alain Boublil

Miglior colonna sonora originale
Anna Karenina – Dario Marianelli
Argo – Alexandre Desplat
Vita di Pi – Mychael Danna
Lincoln – John Williams
Skyfall – Thomas Newman

Miglior cortometraggio animato
Adam and Dog – Minkyu Lee
Fresh Guacamole – PES
Head over Heels – Timothy Reckart, Fodhla Cronin O’Reilly
The Longest Daycare – David Silverman
Paperman – John Kahrs

Miglior cortometraggio
Asad – Bryan Buckley, Mino Jarjoura
Buzkashi Boys – Sam French, Ariel Nasr
Curfew – Shawn Christensen
Death of a Shadow (Dood Van Een Schaduw) – Tom Van Avermaet, Ellen De Waele
Henry – Yan England

Miglior documentario (cortometraggio)
Inocente – Sean Fine, Andrea Nix Fine
Kings Point – Sari Gilman, Jedd Wider
Mondays at Racine – Cynthia Wade, Robin Honan
Open Heart – Kief Davidson, Cori Shepherd Stern
Redemption – Jon Alpert, Matthew O’Neill

Miglior documentario
5 Broken Cameras – Emad Burnat, Guy Davidi
The Gatekeepers – Dror Moreh, Philippa Kowarsky, Estelle Fialon
How to Survive a Plague – David France, Howard Gertler
The Invisible War – Kirby Dick, Amy Ziering
Searching for Sugar Man – Malik Bendjelloul, Simon Chinn

Miglior film straniero
Amour (Austria)
Kon-Tiki (Norway)
No (Chile)
A Royal Affair (Denmark)
War Witch (Canada)

Miglior film d’animazione
Brave – Mark Andrews, Brenda Chapman
Frankenweenie – Tim Burton
ParaNorman – Sam Fell, Chris Butler
Pirati! Briganti da strapazzo – Peter Lord
Ralph Spaccatutto – Rich Moore

Miglior sceneggiatura non originale
Argo – Chris Terrio da The Master of Disguise di Antonio J. Mendez & The Great Escape by Joshuah Bearman
Re della terra selvaggia – Lucy Alibar e Benh Zeitlin da Juicy and Delicious di Lucy Alibar
Vita di Pi – David Magee da Vita di Pi by Yann Martel
Lincoln – Tony Kushner da Team of Rivals: The Political Genius of Abraham Lincoln di Doris Kearns Goodwin
Silver Linings – Il lato positivo – David O. Russell da L’orlo argenteo delle nuvole di Matthew Quick

Miglior sceneggiatura originale
Amour – Michael Haneke
Django Unchained – Quentin Tarantino
Flight – John Gatins
Moonrise Kingdom – Wes Anderson and Roman Coppola
Zero Dark Thirty – Mark Boal

Miglior attrice non protagonista
Amy Adams – The Master
Sally Field – Lincoln
Anne Hathaway – Les Misérables
Helen Hunt – The Sessions
Jacki Weaver – Silver Linings – Il lato positivo

Miglior attore non protagonista
Alan Arkin – Argo
Robert De Niro – Silver Linings – Il lato positivo
Philip Seymour Hoffman – The Master
Tommy Lee Jones – Lincoln
Christoph Waltz – Django Unchained

Miglior attrice protagonista
Jessica Chastain – Zero Dark Thirty
Jennifer Lawrence – Silver Linings – Il lato positivo
Emmanuelle Riva – Amour
Quvenzhané Wallis – Re della terra selvaggia
Naomi Watts – The Impossible

Qui in realtà premierei Jennifer Lawrence, fosse anche solo perché da grande voglio sposarla, ma mi diverte l’idea della bimba che sale sul palco a far casino. Quindi, dovendo scegliere, andrei con lei.

Miglior attore protagonista
Bradley Cooper – Silver Linings – Il lato positivo
Daniel Day-Lewis – Lincoln
Hugh Jackman – Les Misérables
Joaquin Phoenix – The Master
Denzel Washington – Flight

Forte indecisione, ma mi fa più simpatia l’interpretazione da uomo “normale” di Denzel. Uno vale l’altro, comunque. E una pacca sulla spalla a Bradley Cooper, cicci.

Miglior regista
Michael Haneke – Amour
Ang Lee – Vita di Pi
David O. Russell – Silver Linings – Il lato positivo
Steven Spielberg – Lincoln
Benh Zeitlin – Re della terra selvaggia

Per me la miglior regia dell’anno è quella di Quentin, ma fra queste cinque il mio voto va a David, per essere riuscito a far recitare in quel modo Bradley Cooper e a ridare dignità a Robert De Niro.

Miglior film
Amour – Margaret Menegoz, Stefan Arndt, Veit Heiduschka, Michael Katz
Argo – Grant Heslov, Ben Affleck, George Clooney
Re della terra selvaggia – Dan Janvey, Josh Penn, Michael Gottwald
Django Unchained – Stacey Sher, Reginald Hudlin, Pilar Savone
Les Misérables – Tim Bevan, Eric Fellner, Debra Hayward, Cameron Mackintosh
Vita di Pi – Gil Netter, Ang Lee, David Womark
Lincoln – Steven Spielberg Kathleen Kennedy
Silver Linings – Il lato positivo – Donna Gigliotti, Bruce Cohen, Jonathan Gordon
Zero Dark Thirty – Mark Boal, Kathryn Bigelow, Megan Ellison

La verità è che quelli che ho visto mi sono piaciuti praticamente tutti da matti e non saprei bene quale scegliere. Vado su Quentin perché sì.

Comunque ho davvero visto molti più film del solito. Praticamente, tolti cortometraggi, documentari e film stranieri, mi manca solo Les Misérables, che vado a vedere martedì. Uah, che bello. Credo non mi sia mai capitato prima. Ah, domani registriamo il nuovo Tentacolo Viola, immagino si chiacchiererà anche degli Oscar, oltre che, ovviamente, di PlayStation 4. E io avrò molto sonno.

giopeppredictions

E siamo al terzo anno consecutivo in cui ‘sti maledetti sembrano voler per forza piazzarmi la notte degli Oscar nel giorno sbagliato. Nel 2010, la mattina dopo si partiva per la GDC, e son dovuto correre all’aeroporto prima che annunciassero gli ultimi due o tre premi. L’anno scorso ero già a San Francisco, con Fotone, abbattuto dal jet lag e incapace di intendere e di volere, di fronte alla faccia da stonato di James Franco. Quest’anno non c’è la GDC fra le palle ma è la stessa sera dell’All-Star Game NBA. E che caspita. Io poi ci tengo alla diretta degli Oscar, la guardo tutti gli anni da non so neanche quanto tempo (e infatti l’All-Star Game me lo guardo domani, senza grossi patemi d’animo). Comunque, facciamo un bel post inutile con un copia & incolla invertito da Wikipedia di tutte le nomination, la roba che premierei io evidenziata in blu (e scelta solo fra i film che ho visto, chiaramente) e le scommesse su cosa vincerà evidenziate in rosso (e scelte del tutto a caso, chiaramente). E commenti sparsi. Così, tanto per fare. E tenendo bene a mente che, come al solito, parecchi film non li ho visti. E anche che Mark Wahlberg sa tutto.

Miglior cortometraggio d’animazione 
Dimanche, regia di Patrick Doyon
The Fantastic Flying Books of Mr. Morris Lessmore, regia di William Joyce e Brandon Oldenburg
La luna, regia di Enrico Casarosa
A Morning Stroll, regia di Grant Orchard e Sue Goffe
Wild Life, regia di Amanda Forbis e Wendy Tilby

Miglior cortometraggio
Pentecost, regia di Peter McDonald e Eimear O’Kane
Raju, regia di Max Zähle e Stefan Gieren
The Shore, regia di Terry George e Oorlagh George
Time Freak, regia di Andrew Bowler e Gigi Causey
Tuba Atlantic, regia di Hallvar Witzø

Miglior cortometraggio documentario
The Barber of Birmingham: Foot Soldier of the Civil Rights Movement, regia di Robin Fryday e Gail Dolgin
God is the Bigger Elvis, regia di Rebecca Cammisa e Julie Anderson
Incident in New Baghdad, regia di James Spione
Saving Face, regia di Daniel Junge e Sharmeen Obaid-Chinoy
The Tsunami and The Cherry Blossom, regia di Lucy Walker e Kira Carstensen

Miglior documentario
Hell and Back Again, regia di Danfung Dennis e Mike Lerner
If a Tree Falls, regia di Marshall Curry e Sam Cullman
Paradise Lost 3: Purgatory, regia di Joe Berlinger e Bruce Sinofsky
Pina 3D, regia di Wim Wenders e Gian-Piero Ringel
Undefeated, regia di TJ Martin, Dan Lindsay e Richard Middlemas

In queste quattro categorie non ho visto una singola roba e conosco di fama appena un paio di cose. Cominciamo bene.

Miglior montaggio sonoro
Lon Bender e Victor Ray Ennis – Drive
Ren Klyce – Millennium – Uomini che odiano le donne (The Girl with the Dragon Tattoo)
Philip Stockton e Eugene Gearty – Hugo Cabret (Hugo)
Ethan Van der Ryn e Erik Aadahl – Transformers 3 (Transformers: Dark of the Moon)
Richard Hymns e Gary Rydstrom – War Horse

Non ho visto solo Transformers 3, quindi scommetto su di lui, ma insomma, è l’unica nomination per Drive, è chiaro che il mio premio va necessariamente indirizzato lì.

Miglior sonoro
David Parker, Michael Semanick, Ren Klyce e Bo Persson – Millennium – Uomini che odiano le donne (The Girl with the Dragon Tattoo)
Tom Fleischman e John Midgley – Hugo Cabret (Hugo)
Deb Adair, Ron Bochar, Dave Giammarco e Ed Novick – L’arte di vincere (Moneyball)
Greg P. Russell, Gary Summers, Jeffrey J. Haboush e Peter J. Devlin – Transformers 3 (Transformers: Dark of the Moon)
Gary Rydstrom, Andy Nelson, Tom Johnson e Stuart Wilson – War Horse

Ok, lo ammetto, qui sto votando e scommettendo completamente a caso. Ma che ne so?

Migliore canzone
Man or Muppet, di Bret McKenzie – I Muppet (The Muppets)
Real in Rio, di Sérgio Mendes, Carlinhos Brown (musica) e Siedah Garrett (testo) – Rio

Dunque, i film non li ho visti. Ho guardato adesso il video di Man or Muppet su youtube ed è talmente un capolavoro che neanche voglio guardare l’altro, metto lì voto e scommessa. Uhm, che colore uso se premio e scommetto sulla stessa roba? Fucsia. Agevolo comunque i due video a seguire.

Ricordando al gentile pubblico che con il blu indico la preferenza, con il rosso indico la mia scommessa, con il fucsia indico quando le due cose coincidono, andiamo avanti.

Migliore colonna sonora
John Williams – Le avventure di Tintin – Il segreto dell’Unicorno (The Adventures of Tintin)
Ludovic Bource – The Artist
Howard Shore – Hugo Cabret (Hugo)
Alberto Iglesias – La talpa (Tinker, Tailor, Soldier, Spy)
John Williams – War Horse

Incredibile, li ho visti tutti e cinque! E fra tutti e cinque, la colonna sonora che più mi ha colpito è quella del trailer di La talpa, che non credo si senta nel film. Comunque, dai, andiamo su The Artist, ché quel balletto finale mi ha proprio emozionato.

Migliori effetti speciali
Tim Burke, David Vickery, Greg Butler e John Richardson – Harry Potter e i Doni della Morte: Parte II (Harry Potter and the Deathly Hallows: Part II)
Rob Legato, Joss Williams, Ben Grossman e Alex Henning – Hugo Cabret (Hugo)
Erik Nash, John Rosengrant, Dan Taylor e Swen Gillberg – Real Steel
Joe Letteri, Dan Lemmon, R. Christopher White e Daniel Barrett – L’alba del pianeta delle scimmie (Rise of the Planet of the Apes)
Scott Farrar, Scott Benza, Matthew Butler e John Frazier – Transformers 3 (Transformers: Dark of the Moon)

Ho visto solo Hugo Cabret e L’alba del pianeta delle scimmie. Fra i due, premio il secondo, per una questione di Andy Serkis miglior attore non protagonista. Detto questo, con la scommessa vado sul sicuro.

Migliori costumi
Lisy Christl – Anonymous
Mark Bridges – The Artist
Sandy Powell – Hugo Cabret (Hugo)
Michael O’Connor – Jane Eyre
Arianne Phillips – W.E. – Edoardo e Wallis (W.E.)

Ho visto solo The Artist e Hugo Cabret. Fra l’altro il quinto film non so neanche cosa sia. Dai, Francia.

Miglior trucco
Martial Corneville, Lynn Johnston e Matthew W. Mungle – Albert Nobbs
Nick Dudman, Amanda Knight e Lisa Tomblin – Harry Potter e i Doni della Morte: Parte II (Harry Potter and the Deathly Hallows: Part II)
Mark Coulier e J. Roy Helland – The Iron Lady

Ne avessi visto uno. Scommetto su Glenn Close uomo.

Migliore scenografia
Laurence Bennett e Robert Gould – The Artist
Stuart Craig e Stephenie McMillan – Harry Potter e i Doni della Morte: Parte II (Harry Potter and the Deathly Hallows: Part II)
Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo – Hugo Cabret (Hugo)
Anne Seibel e Hélène Dubreuil – Midnight in Paris
Rick Carter e Lee Sandales – War Horse

Non ho visto Harry Potter, ma fra gli altri mi piace dare il premio della serva a Woody Allen. Se devo scommettere, però, uhm, non saprei. La buttiamo a caso su Hugo? Sì, dai.

Miglior montaggio
Anne-Sophie Bion e Michel Hazanavicius – The Artist
Kirk Baxter e Angus Wall – Millennium – Uomini che odiano le donne (The Girl with the Dragon Tattoo)
Thelma Schoonmaker – Hugo Cabret (Hugo)
Christopher Tellefsen – L’arte di vincere (Moneyball)
Kevin Tent – Paradiso amaro (The Descendants)

Bello, bello, un’altra categoria in cui li ho visti tutti. Punto fortissimamente e con convinzione su Fincher.

Migliore fotografia
Guillaume Schiffman – The Artist
Jeff Cronenweth – Millennium – Uomini che odiano le donne (The Girl with the Dragon Tattoo)
Robert Richardson – Hugo Cabret (Hugo)
Emmanuel Lubezki – The Tree of Life
Janusz Kaminski – War Horse

Non ho visto The Tree of Life (sì, lo so), quindi mi limito a dire che Janusz è un ganzo e buona lì.

Miglior film d’animazione
A Cat in Paris (Une vie de chat), regia di Jean-Loup Felicioli e Alain Gagnol
Chico & Rita, regia di Tono Errando e Javier Mariscal
Kung Fu Panda 2 (Kung Fu Panda 2 – The Kaboom of Doom), regia di Jennifer Yuh
Il gatto con gli stivali (Puss in Boots), regia di Chris Miller
Rango, regia di Gore Verbinski

Ho visto solo Rango, che fra l’altro mi è piaciuto ma mi è parso anche un po’ sopravvalutato. Detto questo, sembrano tutti convinti che in contumacia Pixar vincerà lui. Mi adeguo.

Miglior film straniero
Bullhead (Rundskop), regia di Michael R. Roskam – (Belgio)
Footnote (Hearat Shulayim), regia di Joseph Cedar – (Israele)
In Darkness (W ciemności), regia di Agnieszka Holland – (Polonia)
Monsieur Lazhar, regia di Philippe Falardeau – (Canada)
Una separazione (Jodái-e Náder az Simin), regia di Asghar Farhadi – (Iran)

Ignoranza totale (sì, lo so), mi butto sull’Iran e fine.

Migliore sceneggiatura non originale
Alexander Payne, Nat Faxon e Jim Rash – Paradiso amaro (The Descendants)
John Logan – Hugo Cabret (Hugo)
George Clooney, Grant Heslov e Beau Willimon – Le idi di Marzo (The Ides of March)
Steven Zaillian, Aaron Sorkin e Stan Chervin – L’arte di vincere (Moneyball)
Bridget O’Connor e Peter Straughan – La talpa (Tinker, Tailor, Soldier, Spy)

E li ho visti tutti! Comunque quest’anno ho visto molti più film del solito. Questo fatto che a Monaco posso andare al cinema con la lingua originale mi ha cambiato la vita (cinematografica). Comunque, la sceneggiatura di Hugo Cabret ROTFL. Per il resto, professo amore profondo per Aaron Sorkin e per quel gran bel film di Moneyball, ma azzardo la scommessa sul premio di consolazione a The Descendants.

Migliore sceneggiatura originale
Michel Hazanavicius – The Artist
Annie Mumolo e Kristen Wiig – Le amiche della sposa (Bridesmaids)
J.C. Chandor – Margin Call
Woody Allen – Midnight in Paris
Asghar Farhadi – Una separazione (Jodái-e Náder az Simin)

Non ho visto Bridesmaids e Una separazione (sì, lo so), ma fra gli altri tre sai che ti dico? Voto Margin Call, ché l’ho visto l’altro giorno e mi è proprio piaciuto un bel po’. La scommessa? Il buon senso mi direbbe The Artist, ma voglio credere nel premio di consolazione a Woody.

Migliore attrice non protagonista
Bérénice Bejo – The Artist
Jessica Chastain – The Help
Melissa McCarthy – Le amiche della sposa (Bridesmaids)
Janet McTeer – Albert Nobbs
Octavia Spencer – The Help

Voto, ehm, l’unica che ho visto, ma vince Octavia Spencer.

Miglior attore non protagonista
Kenneth Branagh – My Week with Marilyn
Jonah Hill – L’arte di vincere (Moneyball)
Nick Nolte – Warrior
Christopher Plummer – Beginners
Max von Sydow – Molto forte, incredibilmente vicino (Extremely Loud and Incredibly Close)

Di questi ho visto solo Moneyball e Warrior. Il cuore mi dice di dare il mio premio a Warrior nell’unica categoria che me lo permette, ma Nick Nolte ha giocato facile e Jonah Hill è davvero bravo in un ruolo che fa poco teatrino. Chi vince? Boh? Copiamo i Golden Globe.

Miglior attrice protagonista
Viola Davis – The Help
Rooney Mara – Millennium – Uomini che odiano le donne (The Girl with the Dragon Tattoo)
Meryl Streep – The Iron Lady
Glenn Close – Albert Nobbs
Michelle Williams – My Week with Marilyn

Leggo gente che si spiace dell’assenza di Charlize Theron perché è stata bravissima ma del resto fa un personaggio antipatico e figurati se la votavano. Di ‘ste cinque ho visto solo Rooney Mara e m’è piaciuta molto. Ma vince Meryl, dai. No?

Miglior attore protagonista
Demián Bichir – A Better Life
George Clooney – Paradiso amaro (The Descendants)
Jean Dujardin – The Artist
Gary Oldman – La talpa (Tinker, Tailor, Soldier, Spy)
Brad Pitt – L’arte di vincere (Moneyball)

Anche qui c’è la faccenda di Michael Fassbender non candidato perché interpreta il ruolo dell’erotomane. Fra l’altro, vogliamo parlare del fatto che non c’è nemmeno uno dei quattro fantastici attori che han recitato nel film del pedofilo? Comunque, A Better Life non so neanche cosa sia, ma fra gli altri quattro, che sono tutti veramente bravi, a occhio penso vincerà Jean Dujardin. Quindi io il mio premio lo do a pari merito a Gary Oldman e Brad Pitt. Tanto è il mio premio, potrò ben decidere di darlo a pari merito, no?

Miglior regia
Michel Hazanavicius – The Artist
Alexander Payne – Paradiso amaro (The Descendants)
Martin Scorsese – Hugo Cabret (Hugo)
Woody Allen – Midnight in Paris
Terrence Malick – The Tree of Life

Mah, francamente, ho visto solo i primi quattro e non darei un Oscar per la miglior regia a nessuno di loro. Magari lo darei a The Tree of Life, ma non l’ho visto. Quindi non lo assegno, così me ne avanza uno e ho i due che mi servono per il pari merito degli attori. Scommetto su The Artist, comunque.

Miglior film
The Artist, regia di Michel Hazanavicius
Paradiso amaro (The Descendants), regia di Alexander Payne
Hugo Cabret (Hugo), regia di Martin Scorsese
Midnight in Paris, regia di Woody Allen
Molto forte, incredibilmente vicino (Extremely Loud and Incredibly Close), regia di Stephen Daldry
The Help, regia di Tate Taylor
L’arte di vincere (Moneyball), regia di Bennett Miller
War Horse, regia di Steven Spielberg
The Tree of Life, regia di Terrence Malick

Non ho visto Molto forte, incredibilmente vicino e The Tree of Life. Fra quelli che ho visto, faccio il figo e premio L’arte di vincere. Ma vince The Artist. E ora, prima di chiudere, un messaggio dalla regia.

I premi alla carriera vanno a James Earl Jones (urla di tripudio) e a Dick Smith, specialista del trucco famoso soprattutto per la Linda Blair de L’esorcista. E adesso fatemi trovare un qualche streaming.

giopeppredictions

No, allora, niente previsioni, perché non ha veramente nessun senso far previsioni. Che ne so io, di quel che pensano gli enne che han votato? Oltretutto mi mancano pure come al solito un tot di film. No no, è che semplicemente giopeppredictions mi piaceva come titolo del post. Invece qua ci scrivo quello che voterei io. Quel che mi piacerebbe veder vincere, al netto dei film che non ho visto e sui quali proprio mi vien dura esprimermi. Un post dalla dubbia utilità e dalla certa inutilità. E fatto anche in maniera sciatta, con un barbaro copia e incolla dal sito degli Oscar (anzi, degli Academy Award) e giusto qualche piccolo ritocco di forma qua e là. Così, tanto per far rumore.

Attore protagonista
Jeff Bridges in “Crazy Heart”
George Clooney in “Up in the Air”
Colin Firth in “A Single Man”
Morgan Freeman in “Invictus”
Jeremy Renner in “The Hurt Locker”

Fra Clooney, Firth e Renner, i tre che ho visto, direi uno dei primi due, entrambi molto bravi. Più “appariscente” Firth – la lacrimuccia fa sempre scena – comunque solo ottimo Clooney. Do comunque per scontato che Freeman sia bravissimo e saremmo tutti contenti di veder vincere il Drugo.

Attore non protagonista
Matt Damon in “Invictus”
Woody Harrelson in “The Messenger”
Christopher Plummer in “The Last Station”
Stanley Tucci in “The Lovely Bones”
Christoph Waltz in “Inglourious Basterds

Ho visto solo gli ultimi due, ma Waltz straccia tutti. Anche se sarebbe simpatico veder vincere Woody. Ah, The Lovely Bones mi ha fatto CACARE e Stanley Tucci è candidato per il film sbagliato.

Attrice protagonista
Sandra Bullock in “The Blind Side”
Helen Mirren in “The Last Station”
Carey Mulligan in “An Education”
Gabourey Sidibe in “Precious: Based on the Novel ‘Push’ by Sapphire”
Meryl Streep in “Julie & Julia

Uhm. Ho visto solo l’ultima e, ovviamente, è fantastica. Solo per il ROTFL, comunque, voterei Sandra Bullock.

Attrice non protagonista
Penélope Cruz in “Nine”
Vera Farmiga in “Up in the Air”
Maggie Gyllenhaal in “Crazy Heart”
Anna Kendrick in “Up in the Air”
Mo’Nique in “Precious: Based on the Novel ‘Push’ by Sapphire”

Di questi ho visto solo Up in the Air. Fra le due, boh, Anna Kendrick, che è tanto cicci. Ah, Penélope: muori.

Film d’animazione
“Coraline” Henry Selick
“Fantastic Mr. Fox” Wes Anderson
“The Princess and the Frog” John Musker and Ron Clements
“The Secret of Kells” Tomm Moore
Up” Pete Docter

Ho visto solo il primo e l’ultimo. Vince l’ultimo.

Art Direction
Avatar” Art Direction: Rick Carter and Robert Stromberg; Set Decoration: Kim Sinclair
“The Imaginarium of Doctor Parnassus” Art Direction: Dave Warren and Anastasia Masaro; Set Decoration: Caroline Smith
“Nine” Art Direction: John Myhre; Set Decoration: Gordon Sim
Sherlock Holmes” Art Direction: Sarah Greenwood; Set Decoration: Katie Spencer
“The Young Victoria” Art Direction: Patrice Vermette; Set Decoration: Maggie Gray

Ho visto il primo e il quarto. Meglio il primo.

Fotografia
“Avatar” Mauro Fiore
“Harry Potter and the Half-Blood Prince” Bruno Delbonnel
“The Hurt Locker” Barry Ackroyd
“Inglourious Basterds” Robert Richardson
The White Ribbon” Christian Berger

Non ho visto solo Harry Potter e fra l’altro me ne vanto anche. Voto Il nastro bianco, così, per fare lo snob.

Costumi
“Bright Star” Janet Patterson
“Coco before Chanel” Catherine Leterrier
“The Imaginarium of Doctor Parnassus” Monique Prudhomme
“Nine” Colleen Atwood
“The Young Victoria” Sandy Powell

Ehm, ne avessi visto uno. 😐

Regia
“Avatar” James Cameron
“The Hurt Locker” Kathryn Bigelow
“Inglourious Basterds” Quentin Tarantino
“Precious: Based on the Novel ‘Push’ by Sapphire” Lee Daniels
“Up in the Air” Jason Reitman

Non ho visto Precious, ma Tarantino spazza via tutti gli altri. E comunque, dei quattro, The Hurt Locker è nettamente quello che mi è piaciuto meno. Tiè.

(Salto i documentari, ché tanto non li ho visti)

Montaggio
“Avatar” Stephen Rivkin, John Refoua and James Cameron
“District 9” Julian Clarke
“The Hurt Locker” Bob Murawski and Chris Innis
“Inglourious Basterds” Sally Menke
“Precious: Based on the Novel ‘Push’ by Sapphire” Joe Klotz

Continuo a non aver visto Precious, voto District 9.

Film straniero
“Ajami” Israel
“The Milk of Sorrow (La Teta Asustada)” Peru
“A Prophet (Un Prophète)” France
“The Secret in Their Eyes (El Secreto de Sus Ojos)” Argentina
“The White Ribbon (Das Weisse Band)” Germany

Ho visto solo Il nastro bianco. E mi è piaciuto.

Makeup
Il Divo” Aldo Signoretti and Vittorio Sodano
“Star Trek” Barney Burman, Mindy Hall and Joel Harlow
“The Young Victoria” Jon Henry Gordon and Jenny Shircore

Ho visto solo Il divo. Esatto, non ho visto Star Trek. Sì, sì, lo so. Comunque, dai, Il divo, ottimo, vince bene.

Colonna sonora
“Avatar” James Horner
“Fantastic Mr. Fox” Alexandre Desplat
“The Hurt Locker” Marco Beltrami and Buck Sanders
“Sherlock Holmes” Hans Zimmer
Up” Michael Giacchino

Non ho visto Mr. Fox. Degli altri, boh, direi Avatar, giusto perché è l’unico delle cui musiche ho un vago ricordo.

(Salto le canzoni perché non he ho sentita una)

Miglior film
“Avatar” James Cameron and Jon Landau, Producers
“The Blind Side” Gil Netter, Andrew A. Kosove and Broderick Johnson, Producers
“District 9” Peter Jackson and Carolynne Cunningham, Producers
“An Education” Finola Dwyer and Amanda Posey, Producers
“The Hurt Locker” Kathryn Bigelow, Mark Boal, Nicolas Chartier and Greg Shapiro, Producers
“Inglourious Basterds” Lawrence Bender, Producer
“Precious: Based on the Novel ‘Push’ by Sapphire” Lee Daniels, Sarah Siegel-Magness and Gary Magness, Producers
A Serious Man” Joel Coen and Ethan Coen, Producers
“Up” Jonas Rivera, Producer
“Up in the Air” Daniel Dubiecki, Ivan Reitman and Jason Reitman, Producers

Ho visto: Avatar, District 9, The Hurt Locker, Inglourious Basterds, A Serious Man, Up, Up in the Air. E non ho veramente idea di quale sia il mio preferito.

(Salto i cortometraggi, che non ho visto)

Sound Editing
“Avatar” Christopher Boyes and Gwendolyn Yates Whittle
“The Hurt Locker” Paul N.J. Ottosson
“Inglourious Basterds” Wylie Stateman
“Star Trek” Mark Stoeckinger and Alan Rankin
“Up” Michael Silvers and Tom Myers

Dai, il contentino: The Hurt Locker.

Sound Mixing
“Avatar” Christopher Boyes, Gary Summers, Andy Nelson and Tony Johnson
“The Hurt Locker” Paul N.J. Ottosson and Ray Beckett
“Inglourious Basterds” Michael Minkler, Tony Lamberti and Mark Ulano
“Star Trek” Anna Behlmer, Andy Nelson and Peter J. Devlin
Transformers: Revenge of the Fallen” Greg P. Russell, Gary Summers and Geoffrey Patterson

Hahahha, ma che ne so, Merdformers, toh, a caso.

Effetti speciali
“Avatar” Joe Letteri, Stephen Rosenbaum, Richard Baneham and Andrew R. Jones
“District 9” Dan Kaufman, Peter Muyzers, Robert Habros and Matt Aitken
“Star Trek” Roger Guyett, Russell Earl, Paul Kavanagh and Burt Dalton

Dai, su.

Sceneggiatura non originale
“District 9” Written by Neill Blomkamp and Terri Tatchell
“An Education” Screenplay by Nick Hornby
“In the Loop” Screenplay by Jesse Armstrong, Simon Blackwell, Armando Iannucci, Tony Roche
“Precious: Based on the Novel ‘Push’ by Sapphire” Screenplay by Geoffrey Fletcher
“Up in the Air” Screenplay by Jason Reitman and Sheldon Turner

Ho visto solo il primo e l’ultimo. Voto l’ultimo, anche se un po’ a malincuore.

Sceneggiatura originale
“The Hurt Locker” Written by Mark Boal
“Inglourious Basterds” Written by Quentin Tarantino
“The Messenger” Written by Alessandro Camon & Oren Moverman
“A Serious Man” Written by Joel Coen & Ethan Coen
“Up” Screenplay by Bob Peterson, Pete Docter, Story by Pete Docter, Bob Peterson, Tom McCarthy

The Messenger
non so neanche cosa sia. Fra gli altri, faccio lo snob e voto i Coen.

Ovviamente, come sempre fin da quando ero piccino, faccio la notte davanti alla cerimonia. A ‘sto giro, però, mi sa che non arrivo in fondo: visti gli orari, è probabile che consegnino gli ultimi premi mentre sto aspettando l’imbarco a Linate. Destinazione GDC. Uffi (per modo di dire). – Sky Cinema mi fa notare che dare l’Oscar ad Avatar dopo aver snobbato 2001, Il pianeta delle scimmie, Alien, Blade Runner, Terminator, Strange Days e Matrix sarebbe un po’ così. Ma, insomma, a parte che Matrix ROTFL, il passato è passato, dai. – Madonna, ma la Bigelow veramente ha 58 anni? Alla faccia. – Si parla tanto di Zoe Saldana, ma nessuno si ricorda che a suo tempo si parlò allo stesso modo di Robin Williams (il genio di Aladdin) e di Andy Serkis (Gollum)? – Hanno appena passato su Sky Cinema il trailer di The Pacific. Uah, ma sarà figo come Band of Brothers? Uah, uah, uah! – Avatar, comunque.

Oscar 2006 – And the nominees are…


Sono state comunicate le nomination per la settantottesima cerimonia degli Oscar. Quest’anno, purtroppo, mi sono perso un bel po’ di film al cinema e quindi non ho visto buona parte di quelli presi in considerazione. Non posso quindi giudicare più di tanto e men che meno azzardare pronostici. Mi limito invece a qualche considerazione sui generis. Se era prevedibile la nomination come miglior attore per David Strathairn, non così ovvia era quella di Heath Ledger, che però io ho trovato strepitoso e mi piacerebbe vedere premiato. Interessanti le scelte fra i film d’animazione, che alla presenza ormai fissa di Miyazaki aggiungono due film realizzati in stop motion (o quasi), bocciando di fatto i vari emuli della Pixar.

Più in generale, sono lieto che sia stato dato molto spazio a Good Night, and Good Luck e Brokeback Mountain e punto un Euro sul premio per la miglior sceneggiatura a Match Point, presente solo in quella categoria. Mi sembra proprio il tipo di film a cui viene dato l’Oscar per il miglior script, storicamente premio di consolazione della “fiera”.