Tutti gli articoli di giopep

The Cloverfield Paradox

Il primo Cloverfield si basava su un’idea magari non originalissima ma piuttosto azzeccata. Se da un lato non è che realizzare un found footage, nel 2008, fosse esattamente un trionfo di creatività, dall’altro l’idea del film di mostri giganti girato in quella maniera funzionava e garantì una certa dose di freschezza a un racconto per il resto piuttosto ordinario. Aggiungiamoci un Matt Reeves piuttosto in palla, un buon lavoro sugli effetti speciali e qualche trovata d’effetto e ne venne fuori un film più che riuscito, oltretutto accompagnato da una campagna marketing di gran successo, per lo più basata sul non spiegare nulla. Stupisce che ci siano voluti dieci anni per vedere un seguito, ma insomma, ci siamo poi arrivati con 10 Cloverfield Lane, che conservava il concept del “facciamo il film di mostri, ma diverso” per estremizzarlo fino al “facciamo il film non di mostri, che però forse è di mostri”. La cosa fu talmente estremizzata che si prese un film assolutamente non concepito per essere seguito di Cloverfield e lo si trasformò in tale con un paio di aggiunte e modifiche, giocandosi tutto il marketing sul “Comunque non ve lo diciamo se è davvero un seguito, magari non lo è”. Un thriller psicologico ambientato in un bunker perché forse là fuori c’è qualcosa divenne un thriller psicologico ambientato in un bunker che si trova al 10 di viale Cloverfield perché forse là fuori c’è qualcosa e (spoiler) sono mostri giganti che forse hanno a che fare con quelli di Cloverfield.

Continua a leggere The Cloverfield Paradox

Annunci

Downsizing – Vivere alla grande

Downsizing è un po’ la versione buffa, scemotta, malinconica ma allegra, per nulla violenta, piuttosto innocua anche se a tratti emozionante, di Tre manifesti a Ebbing, Missouri. No, non è vero, in realtà non c’entra nulla col film di Martin McDonagh, però nellla mia testa sono vicini perché entrambi mi danno l’impressione di un autore che ne ha le palle di piene di quel che vede intorno a sé, anche se magari sono diversi i materiali che le riempiono, quelle palle. La visione tratteggiata qui da Alexander Payne è quella di una persona che ha perso fiducia in praticamente qualsiasi cosa sia stata ideata, creata, costruita, organizzata dagli esseri umani, ma non negli esseri umani stessi. Abbiamo distrutto tutto e continuiamo imperterriti a fare a pezzi anche ciò che di buono riusciamo ancora a inventarci, eppure, in fondo, forse, scavando bene, proprio lì, nei singoli, qualcosa di buono c’è. È che poi facciamo appunto fatica a canalizzarlo come e dove si deve.

Continua a leggere Downsizing – Vivere alla grande

Le mie altre robe del 2017

E anche quest’anno concludiamo la tripletta di elenconi brutti sulla roba consumata (e appuntata e/o che non mi sono dimenticato) nel corso dell’anno precedente con il mischione di quel che resta. Il mischione include i libri, i fumetti e le robe varie viste in TV che non siano film, quindi serie TV, documentari, cortometraggi e pucchiaccherelle assortite. Come ieri e l’altro ieri, ho piazzato il link apposito per i casi in cui ne ho scritto da qualche parte. Come ieri e l’altro ieri, questo testo introduttivo è largamente copincollato da quello degli anni scorsi.

Ah, di nuovo, come per i post di ieri e dell’altro ieri, a favore dei matti che ci tengono a leggere anche i miei pareri sparati a caso al volo, ci sono i link alle socialrobe in cui ho scribacchiato velocemente anche di cose per le quali non ho scritto post o articoli. Per quanto riguarda i libri, qua c’è il mio profilo su Anobii, ma soprattutto qui ci sono tutte le “due righe” che ho scritto sui libri letti. Sul fronte serie TV, invece, qui abbiamo il mio profilo su Traktqui il classificone di tutto quel che ho guardato nel 2017 e qui i vari commenti che ho scribacchiato (in inglese stentato, perché le regole del sito impongono l’utilizzo dell’inglese). E per i fumetti? Una sega.

Chiaramente, per il terzo giorno di fila, puntualizzo che negli elenchi qua sotto la valutazione da una stellina (asterisco) a cinque stelline (asterischi) si agita in quel fantastico mondo che va fra il “completamente a caso” e il “sostanzialmente a simpatia”, che è bene o male una divisione in cinque fasce e che l’ordine a parità di stelline (asterischi) è altrettanto a caso/simpatia, oltre che buttato lì mano a mano nel corso dell’anno, senza revisioni a bocce ferme.

E niente, direi che è tutto. Fate i bravi, buon 2018.

I libri che ho letto o riletto nel 2017
Suda51 – Le punk du jeu vidéo japonais ***** (Ne ho scritto su Outcast)
Sega Mega Drive/Genesis: Collected Works ***** (Ne ho scritto su Outcast)
NES/Famicom: a visual compendium ***** (Ne ho scritto su Outcast)
NEOGEO: A VISUAL HISTORY ネオジオ〜目で楽しむ軌跡〜 ***** (Ne ho scritto su Outcast)
The Story of the Commodore Amiga In Pixels ***** (Ne ho scritto su Outcast)
Playing at the Next Level: A History of American Sega Games *****
La bible Super Nintendo ***** (Ne ho scritto su Outcast)
La bible Super Nintendo – Expansion Pack ***** (Ne ho scritto su Outcast)
L’amica geniale *****
Come un videogioco ***** (Ne ho scritto su Outcast)
Dungeons & Desktops **** (Ne ho scritto su Outcast)
OST – Original Sound Track **** (Ne ho scritto su Outcast)
VGM – Video Game Music **** (Ne ho scritto su Outcast)
La torre nera: L’ultimo cavaliere ***
Player One ***
32 Yolks ***

Le serie TV, le robe strane per la TV o il web e i cortometraggi che ho guardato o riguardato nel 2017
Girls – Stagione 6 *****
Horace and Pete *****
Orange is the New Black – Stagione 4 *****
Banshee – Stagione 3 *****
Hap and Leonard – Stagione 2 *****
Master of None – Stagione 2 *****
Girls – Stagione 5 *****
The Americans – Stagione 4 *****
Rick and Morty – Stagione 3 *****
One Mississippi – Stagione 2 *****
Mindhunter – Stagione 1 *****
Banshee – Stagione 4 *****
Togetherness – Stagione 2 *****
Transparent – Stagione 3 *****
Rick and Morty – Stagione 2 *****
Preacher – Stagione 2 *****
Stranger Things ***** (Ne ho scritto su Outcast)
Orange is the New Black – Stagione 5 *****
Hap and Leonard – Stagione 1 *****
Preacher – Stagione 1 *****
Mad Men – Stagione 7 *****
Mad Men – Stagione 6 *****
Bojack Horseman – Stagione 3 *****
The Americans – Stagione 5 ****
Stranger Things 2 ****
Catastrophe – Stagione 3 ****
The Girlfriend Experience – Stagione 1 ****
Love – Stagione 2 ****
Big Little Lies – Piccole grandi bugie ****
Big Mouth – Stagione 1 ****
Bojack Horseman – Stagione 4 ****
Riverdale – Stagione 1 ****
Rick and Morty – Stagione 1 ****
American Gods – Stagione 1 ****
Agents of S.H.I.E.L.D. – Stagione 4 ****
The Marvelous Mrs. Maisel – Pilota ****
Masters of Sex – Stagione 4 ****
Legends of Tomorrow – Stagione 1 ****
The Expanse – Stagione 1 ****
Louis C.K. 2017 ****
The Strain – Stagione 3 ****
Suburra – Stagione 1 ****
My Name is Earl – Stagione 2 ****
The Man in the High Castle – Stagione 2 ****
The Legend of Master Legend – Pilota ****
Scream Queens – Stagione 2 ****
The Flash – Stagione 2 ****
Supergirl – Stagione 1 ****
Westworld – Stagione 1 ****
Into the Badlands – Stagione 2 ****
London Spy ****
Bojack Horseman – Stagione 2 ***
My Name is Earl – Stagione 3 ***
Bojack Horseman – Stagione 1 ***
Arrow – Stagione 4 ***
Masters of Sex – Stagione 3 ***
Easy – Stagione 1 ***
City Slickers in Westworld ***
Luther – Serie 4 ***
The Walking Dead – Stagione 7 ***
The Last Man on Earth – Stagione 3
Z Nation – Stagione 3 ***
My Name is Earl – Stagione 4 ***
Flaked – Stagione 2 ***
The Madness of Max ***
Oasis – Pilota ***
Budding Prospects – Pilota ***
Santa Clarita Diet – Stagione 1 ***
Blunt Talk – Stagione 2 ***
Inhumans – Stagione 1 ***
Castlevania – Stagione 1 ***
X-Files – Stagione 10 ***
BoJack Horseman Christmas Special: Sabrina’s Christmas Wish ***
Chronicles of Cisco **
Vixen – Stagione 1 **
The New V.I.P.’s – Pilota **

I fumetti che ho letto o riletto nel 2017
DC: The New Frontier *****
Invincible #23: “Full House” *****
Fell #1: “Feral City” *****
Saga #7 *****
Black Science #5: “True Atonement” *****
Black Science #6: “Forbidden Realms and Hidden Thruts” *****
The Walking Dead #27: “The Whisperer War” *****
All Rounder Meguru #18 *****
All Rounder Meguru #19 *****
Moon Knight Vol. 6 ****
Moonshine #1 ****
Outcast #4: “Under Devil’s Wing” ****
Snotgirl #1 ****
Trees #2 ****
Daredevil vol.3 #1/6 ****
Archie #1 ****
Lazarus #1 ****
Ultimate Comics Spider-Man #6/12 ****
New Avengers #16.1/23 ****
East of West #6 ****
Signal to Noise ****
Ultimate Comics Ultimates #7/12 ****
X-Factor #215/219 ****
Hunger Dogs ****
Uncanny X-Force #8/19 ****
Nailbiter #6: “The Bloody Truth” ****
Nailbiter #5:  “Bound by Blood” ****
Erased #1 ****
Vinland Saga #1 ****
Freak Island #1 ****
Orfani: Sam #1/6 ****
Orfani: Terra #1/3 ****
Orfani: Juric #2/3 ****
I pionieri dell’ignoto ****
Invincible Iron Man #500/503 ****
Billy Bat #14 ****
Billy Bat #15 ****
Secret Avengers #16/21 ****
Lilith #17 ****
Adam Wild #10/26 ****
Thunderbolts #163/174 ****
Iron Man 2.0 #1/12 ****
Barry Windsor-Smith: Storyteller ****
Fallout: Toy Works #1 ****
Hulk Vol. 2 #39/46 ****
Ultimate Comics Ultimates #1/6 ****
Ultimate Comics X-Men #1/13 ****
X-Men: Schism ****
X-Factor #220/229 ****
Le Storie #50 ****
Fear Itself ***/****
Le Storie #51/54 ***
Dazzler: The Movie ****
Gea #18 ***
Gli inumani ***
Mix #8 ***
Spider-Men ***
The Mighty Thor: Io, colui che gli dei vorrebbero distruggere ***
Generation Hope #6/12 ***
Slaine il re ***
Captain America vol. 6 #1/4 ***
The Punisher vol. 8 #1/9 ***
X-Men Vol. 3 #7/19 ***
Collision (Daken & X-23) ***
Age of X ***
Madman Collection: Speciali ***
Xmen Legacy #250/258 ***
Ultimate Comics Hawkeye ***
Incredible Hulks #626/635 ***
Wolverine & Jubilee ***
Dragonero #44/46 ***
Dragonero #42/43 ***
Wolverine (2010) #5.1/16 ***
Il grande libro delle cospirazioni ***
Raven Banner – Una saga asgardiana ***
Daredevil: Reborn ***
Cloak and Dagger ***
X-Men: Regenesis **/****
L’incredibile Hulk e La Cosa ***
Spider Island ***
Silver Surfer ***
Power Man and Iron Fist (2011) ***
Galaxy On Fire 3: Manticore ***
Magneto ***
Naruto Extra: Il settimo hokage e il marzo rosso ***
Berserk #76 ***
Incredible Hulk Vol 3 #1/6 **
Berserk #75 **
Annihilators: Earthfall **

E facciamo il punto. Nel 2017, grazie soprattutto a un momento di cinefilia acuta a inizio anno, ho guardato qualche film in più rispetto all’anno precedente e la verità è che lo stacco sarebbe stato superiore, se non fosse subentrata la faccenda trasloco a dicembre. A occhio, nel 2018 ne guarderò meno, perché sarà più complesso andare al cinema. Ma vai a sapere, magari mi scatta l’embolo di guardare duecento film in streaming. Ho guardato più o meno lo stesso quantitativo di serie TV del 2016, seguendone però parecchie nuove, e infatti sono rimasto indietro su molte che stavo già seguendo. Che significa? Boh? L’amico Anobii mi dice che ho letto meno libri e meno pagine rispetto al 2016, ma insomma, mi sono bene o male mantenuto sui livelli degli anni recenti, cosa che mi fa piacere (anche se è andata a finire che leggo quasi solo roba sui videogiochi di cui voglio scrivere su Outcast). Fra l’altro continuo a leggere regolarmente, senza accumulare arretrati, le versioni digitali di Edge, Retro Gamer, GamesTM, JV – Le magazine de la culture jeux vidéo e Internazionale. Prosegue anche il trend del videogiocare sempre meno, intimamente legato a quello del lavorare sempre meno, intimamente legato a quello della figlia che cresce e richiede sempre più attenzione. Tutto torna. Rimane che nel 2017 ho giocato meno che nel 2016, ma forse ho giocato meglio. O forse voglio raccontarmelo. Ho comunque giocato a un po’ più cose da decine di ore, e sicuramente anche quello ha comportato una riduzione del numero di titoli. Ho una mezza idea di dedicare una porzione significativa del mio tempo prossimo futuro allo spolverare il backlog, ma vale sempre il vai a sapere. Vedremo. E in ogni caso va bene così, dai. Va tutto bene. Va tutto bene.

I miei videogiochi del 2017

Secondo giorno di elenconi brutti, oggi tocca ai videogiochi su cui ho messo mano nel 2017 e ai quali ho giocato fino a completamento, o perlomeno fino al punto di decidere che potevo assegnare le stelline gli asterischi con un minimo di cognizione di causa. Non è quindi inclusa eventuale roba a cui ho fatto una o due partite e, in generale, che ho iniziato l’anno scorso ma a cui giocherò davvero (forse, vai a sapere) quest’anno, così come non conta la roba che mi perseguita da anni tipo Drop7 o il party game che esci una volta ogni dieci mesi, tipo Singstar. E chiaramente mancano eventuali cose che mi sono dimenticato di segnarmi. Ce ne faremo una ragione, così come ci faremo una ragione del fatto che questo paragrafo è quasi interamente riciclato da quello degli anni scorsi.

Come al solito, per i giochi su cui ho scritto qualcosa ho piazzato il link all’articolo. Di alcune cose ho scritto su carta (The Games Machine), ma linkare quegli articoli è un po’ dura. In compenso, c’è il mio profilo su Grouvee: prima o poi mi farò prendere dall’autismo e ci infilerò qualsiasi cosa stia sugli scaffali attorno a me, ma nel frattempo già ora, come su Letterboxd, scrivo almeno due righe su tutta la roba a cui gioco. Ci sono comunque anche qui le liste.

Ah, come nella roba di ieri, a parità di stelline, l’ordine è totalmente a caso, un po’ a simpatia, un po’ alla come capita sul momento, con solo quel pizzico di attenzione nello scegliere chi sta in cima ai due elenchi.

Videogiochi usciti nel 2017 (a cui ho giocato)
Prey [PC] ***** (Ne ho scritto su Outcast)
Super Mario Odyssey [Switch] ***** (Ne ho scritto su Outcast)
Nex Machina [PC] ***** (Ne ho scritto su Outcast)
Thimbleweed Park [PC] ***** (Ne ho scritto su Outcast)
NBA 2K18 [PC] ***** (Ne ho chiacchierato su Outcast)
Snake Pass [PC] ***** (Ne ho scritto su Outcast)
Rime [PC] **** (Ne ho scritto su Outcast)
Resident Evil VII: Biohazard [PC] **** (Ne ho scritto su Outcast)
Old Man’s Journey [PC] **** (Ne ho scritto su Outcast)
The Mummy Demastered [Switch] **** (Ne ho scritto su Outcast e su The Games Machine)
Blackwood Crossing [PC] **** (Ne ho scritto su Outcast)
A Normal Lost Phone [LG G4] **** (Ne ho scritto su Outcast)
Another Lost Phone: Laura’s Story [LG G6] **** (Ne ho scritto su Outcast)
Arkanoid vs. Space Invaders **** (Ne ho scritto su Outcast)
AER [PC] **** (Ne ho scritto su Outcast e su The Games Machine)
Get Even [PC] **** (Ne ho scritto su Outcast)
The Lion’s Song [PC] **** (Ne ho scritto su Outcast)
Bear With Me – Episode 2/3 [PC] **** (Ne ho scritto su Outcast e su The Games Machine)
Dandy Dungeon: Legend of Brave Yamada [LG G4] **** (Ne ho scritto su Outcast)
Batman: The Enemy Within #1/3 [PC] **** (Ne ho scritto su Outcast)
Voodoo Vince Remastered [PC] **** (Ne ho scritto su Outcast)
One Dog Story [PC] **** (Ne ho scritto su Outcast)
Semispheres [Switch] **** (Ne ho scritto su Outcast)
Rise & Shine [PC] **** (Ne ho scritto su Outcast)
Brainful [LG G4] **** (Ne ho chiacchierato da Vitoiuvara)
Sky Dancer [LG G4] **** (Ne ho scritto su Outcast)
The Walking Dead: A New Frontier #5: “From the Gallows” [PC] *** (Ne ho scritto su Outcast)
The Walking Dead: A New Frontier #3: “Above the Law” [PC] *** (Ne ho scritto su Outcast)
The Walking Dead: A New Frontier #4: “Thicker Than Water” [PC] *** (Ne ho scritto su Outcast)
Super Mario Run [LG G4] ***
Stranger Things: The Game [LG G4] *** (Ne ho scritto su Outcast)

Altri videogiochi a cui ho giocato o rigiocato nel 2017
NBA 2K17 [PC] ***** (Ne ho chiacchierato nel Podcast del Tentacolo Viola)
Picross 3D: Round 2 [3DS] *****
BOXBOY! [3DS] *****
twofold inc. [LG G4] ***** (Ne ho scritto su Outcast)
Lifeline: Infinito [LG G4] **** (Ne ho scritto su Outcast)
The Lion’s Song [PC] **** (Ne ho scritto su Outcast)
Bear With Me – Episode 1 [PC] **** (Ne ho scritto su Outcast e su The Games Machine)
Peter Panic [LG G4] **** (Ne ho scritto su Outcast)
Golf Zero [LG G4] **** (Ne ho scritto su Outcast)

Direi che ho giocato sensibilmente meno del solito, ma del resto era anche abbastanza inevitabile: ho scritto per riviste e siti sensibilmente meno del solito e ormai da parecchi anni gioco soprattutto per lavoro. Che cosa strana, da scrivere. In compenso si è lievemente alzato il numero di tripla A e c’è la cosa buffa che, dopo aver saltato NBA 2K nel 2016, ho giocato addirittura a due episodi nel 2017. Capita.

I miei film del 2017

Amici! Amico? Bovati? Chiunque! Siamo alla seconda settimana di gennaio, il momento in cui tradizionalmente il blog torna in vita per buttar fuori i post con gli elenconi brutti di tutta la roba che ho consumato nell’annata appena conclusasi, o comunque di tutta quella che mi sono ricordato di segnarmi. La roba è ordinata per stelline (anzi, asterischi, da 1 a 5), a beneficio del mio spirito ossessivo compulsivo e di gente apparentemente interessata a questo genere di scemenze, tipo Bovati, che ha pure il tag. A parità di stelline, i film sono ordinati per lo più a caso, a tratti per simpatia, sempre nel momento in cui ho visto il film, quindi senza alcun senno di poi da revisionismo di fine anno. In quel momento là, mi andava di piazzare il film lì. Le stelline, per altro, sono quelle che ho assegnato mano a mano su Letterboxd (agile link al mio profilo), qui arrotondate senza i mezzi. In linea generale, la sostanza è che è più o meno tutto diviso in cinque fasce e non c’è una vera e propria distinzione netta fra le cose che stanno nella stessa fascia. O forse c’è. Vai a sapere. Beh, di sicuro c’è una distinzione in quello che decido di mettere in cima agli elenchi, con la sua bella immagine tutta grossa.

Continua a leggere I miei film del 2017

Star Wars: Gli ultimi jedi

Due anni fa, sono andato un paio di giorni a Londra per partecipare a una cosa scema e bellissima che si chiama Secret Cinema.  Il tema era L’impero colpisce ancora e lo svolgimento è descritto nel post che ho linkato qui sopra. Parte della cosa era anche una proiezione del film e nel riguardarlo per l’ennesima volta, a parecchi anni dalla precedente, mi colpi un aspetto in particolare: il ritmo. Quel film ha un ritmo pazzesco. Non se ne parla spesso, perché ci sono mille altri motivi per i quali è il più amato della serie e, se lo chiedete a me, l’unico Star Wars a cui davvero non puoi dire nulla di male, ma il ritmo, mamma mia. Parte fortissimo, non molla mai, tira dritto dall’inizio alla fine e ti martella senza tregua, senza ammorbarti con mezzo secondo che risulti superfluo. Che roba pazzesca, ancora oggi. O, insomma, due anni fa. Ed è una cosa che spicca, a ripensarci, vuoi perché molti film d’azione degli anni Ottanta, a riguardarli adesso, hanno un ritmo che risulta assai più compassato, vuoi perché oggi, se il tuo blockbuster non dura troppo, non ha un calo di ritmo clamoroso nel secondo atto e non ha in quella parte almeno due o tre scene di cui si poteva fare a meno (perché superflue o anche solo brutte), beh, non sei nessuno. Succede anche con Star Wars: Gli ultimi jedi? Certo.

Continua a leggere Star Wars: Gli ultimi jedi

Free Fire

Con estrema calma rispetto all’uscita originale (o anche rispetto a quella in altre parti del mondo… io l’ho visto qua in  Francia a giugno), Free Fire è arrivato anche in Italia la scorsa settimana, con tutto il suo carico di pallottole, violenza, scelte sbagliate, sbroccate di Sharlto Copley, peli della barba di Armie Hammer e sguardi intensi di Brie Larson. Merita? Merita. Se si apprezzano le sparatorie coreografate come si deve, le sceneggiature scritte con criterio e voglia di raccontare tramite l’azione, il prendere sul serio un genere senza prendersi necessariamente troppo sul serio, qua si va a colpo sicuro. È senza dubbio il film più accessibile e “dritto” girato da Ben Wheatley fino a qui, ma non è certamente un compitino tirato via, anzi, esprime passione, rispetto e voglia di fare da tutti i pori. Ed è un’ora e mezza (quasi solo di) sparatorie. Anzi, una, singola, lunga, complessa, articolata, tentacolare sparatoria che dura un’ora e mezza. Io non so bene cosa si possa chiedere di più a un film.

Continua a leggere Free Fire

Poi non dite che non vi ho avvisati: The Void

Dunque, lo scorso settembre ho scritto qua dentro di The Void perché pareva che dovesse incredibilmente uscire al cinema in Italia. Poi non è uscito. Poi è uscito ieri. Credo. Io ormai non sono più sicuro di nulla. Ci sono gli Antichi che mettono il bastone fra le ruote. Comunque, me lo danno fuori in undici regioni, nientemeno, quindi suppongo che sia uscito. È ben lontano dall’essere un film perfetto, ma se vi piace la roba strana e piena di sangue e mostri, e vi piace vederla al cinema, io al posto vostro ci andrei.

Seven Sisters

Qual è il problema principale del cinema d’azione/thriller/horror con singola protagonista forte che, lo sai tu, lo so io, lo sa probabilmente pure lei, non può morire prima degli ultimi secondi perché altrimenti il film finisce? Eh. Oddio, magari non è quello il problema principale, e tutto sommato non è neanche per forza un problema, ma insomma, è evidente che creare tensione attorno al destino dei personaggi è importante e riuscirci con la protagonista assoluta è complesso. Se hai visto più di dieci film in vita tua, difficilmente credi che in Atomica Bionda Charlize Theron sia davvero in pericolo di vita. Ti ci diverti comunque per altri motivi, eh, ma quella cosa manca. Enter Tommy Wirkola, un simpatico matto norvegese che si è messo in luce con due film di zombi nazisti fra le nevi che si lanciano braccia e motoseghe, ha continuato a fare il fratello un po’ pezzente e fuori tempo massimo di Sam Raimi con il simpatico Hansel & Gretel – Cacciatori di streghe e poi si è inventato questo Seven Sisters.

Continua a leggere Seven Sisters

Detroit

Cinque giorni di macello, scatenatosi a seguito di un raid della polizia in un bar privo di licenza e della successiva reazione da parte dei passanti. Cinque giorni col senno di poi inseriti nel delirio di rivolte che caratterizzarono l’estate del 1967 statunitense. Cinque giorni in cui la violenza prese possesso di Detroit e generò quarantatré morti, oltre mille feriti, settemila arresti duemila edifici fatti a pezzi. Un momento di storia recente forse difficile da comprendere appieno per chi vive a un oceano di distanza, un vero e proprio scenario di guerra civile nato dal conflitto razziale, che come tale viene per ampi tratti affrontato da Kathryn Bigelow, dalla sua regia che insegue polizia ed esercito fra le vie con lo stesso piglio con cui si mostrano i soldati sparsi fra i vicoli delle città colpite dai bombardamenti. Detroit parte innanzitutto da questo, raccontando in maniera brutale, straziante e torcibudella come la faccenda sia esplosa, mostrando le scintille che hanno acceso le fiamme, gli errori commessi da tutte le parti e la benzina gettata sul fuoco in maniere più o meno responsabili.

Continua a leggere Detroit