La rivincita delle sfigate

Booksmart, giustamente o meno, è stato identificato come una specie di Superbad al femminile. E in effetti, in una certa misura, ci può stare: in fondo, anche qui si parla di ingresso nell’età adulta con un taglio da commedia caciarona adolescenziale; anche qui le risate, seppur stupidine e sbracate, nascondono temi più sofisticati di quanto magari si possa pensare; anche qui il tutto è immerso in un tono malinconico, perfino delicato e toccante, a cui è difficile non voler bene. Inoltre, una delle due protagoniste è Beanie Feldstein, sorella del Jonah Hill di Superbad. Bonus: entrambi i film sono vittime delle fantasiose titolazioni italiane, anche se con La rivincita delle sfigate, tutto sommato, è andata meglio che con Tre menti sopra al pelo. Ma ci pensate? Tre menti sopra al pelo. Ci vuole del talento. Tra l’altro, magari non ve lo ricordate, all’epoca, Tre menti sopra al pelo vinse al filo di lana su Maiali dietro ai banchi. Eh.

Continua a leggere La rivincita delle sfigate

Crawl – Intrappolati

Crawl è il nuovo film di Alexander Aja. È ambientato in Florida durante un uragano di categoria 5. Ha per protagonista una Kaya Scodelario donna forte, nuotatrice di talento ma a cui manca qualcosa, severamente afflitta da daddy issues, che ci presentano in piscina per giustificare il fatto che nuoterà veloce. Assieme a lei, un Barry Pepper padre tosto, un po’ stordito e ruvido ma cuore d’oro. Sono intrappolati nello scantinato di una casa che rischia l’allagamento e assediati da un gruppo di alligatori incazzati neri. Tutti gli altri personaggi che si manifestano nei dintorni si chiamano Morto 1, Morto 2, Morto 3, Morto 4 e Morto 5. C’è anche un cane. Dura novanta minuti scarsi. È uno spacco.

Continua a leggere Crawl – Intrappolati