Magic Mike XXL

Magic Mike XXL (USA, 2015)
di Gregory Jacobs

con Channing Tatum, Joe Manganiello, Matt Bomer, Kevin Nash, Amber Heard, Jada Pinkett Smith, Andie MacDowell

Un po’ di tempo fa leggevo un’intervista a Channing Tatum in cui parlava del successo a sorpresa del primo Magic Mike e del fatto che con quel film erano riusciti a tirar fuori, quasi senza farlo apposta, una specie di Febbre del sabato sera degli spogliarellisti, capace di colpire nel segno e sbancare nonostante, di fondo, non fosse forse quel che ci si poteva aspettare dai trailer. Ah, aggiungeva anche che Magic Mike XXL sarebbe probabilmente stato molto più vicino al film che la gente si aspettava dal primo episodio. E non aveva tutti i torti.

Questa volta alla regia non c’è più Steven Soderbergh, ma il Gregory Jacobs del simpatico Wind Chill. Jacobs, però, è anche stato a lungo assistente alla regia di ciccio Soderbergh, che non a caso ha lavorato alla fotografia e al montaggio di questo Magic Mike XXL. Insomma, è tutto un magna magna, ma il risultato è che il film è una roba visivamente pazzesca, un tripudio d’immagini messe assieme da un regista che, per quanto antipatici possano risultare lui e i suoi occhialetti, continua ad avere un manico che levati. E, voglio dire, quanti si aspetterebbero un tripudio visivo insensato dalla commediola brillante su un branco di spogliarellisti a fine carriera? Eh. Ma in Magic Mike XXL c’è anche altro d’interessante. Certo, per gustarselo bisogna essere disposti a posare gli occhi su una serie di esibizioni messe in fila con lo stesso dono della sintesi apprezzabile nelle scene d’azione di un film di Michael Bay, mentre si segue una storiella di compagnoni all’ultima avventura assieme che più risaputa non si potrebbe. Ma, ehi, d’altra parte è una commedia su degli spogliarellisti.

Svanito il tono da drammuccio del primo film, qua si liquidano con due dialoghi i personaggi svaniti e la si butta sul ridere, al massimo su un pizzico di malinconia da uomini di mezz’età che non sanno come riciclarsi. E il film trova una sua dimensione, oltre che nella bellezza dei tre numeri principali, coreografati e girati in maniera spettacolare, anche nell’insospettabile piacevolezza dei personaggi femminili, interpretati da attrici cui raramente viene lasciato questo genere di spazio, libertà e personalità. È dai loro sguardi, dalle loro voci, dalla forza con cui soprattutto Jada Pinkett Smith ed Andie MacDowell irrompono sulla scena che emergono le tracce di quello che, forse, sarebbe potuto essere un film più equilibrato, riuscito e interessante, con delle tematiche non da poco che pure ci sono, ma vengono appena accennate. Poi, certo, se quel che interessa è osservare corpaccioni maschi che si agitano, va benissimo anche così. Anche se, ehi, a voler mettere i puntini sulle i, non tutto il cast è bravo a dimenarsi come il nostro amico Channing.

Mi rendo conto che può sembrare folle concentrarsi sulla recitazione delle attrici e sugli accenti parlando di un film il cui cuore sono dei numeri musicali a base di uomini che si spogliano in maniera bizzarra. Ma che vi devo dire? Parte del bello di Magic Mike XXL sta anche nella fetta di America che prova a mostrare, nel mondo sommerso degli spogliarellisti che va ben al di là del locale mostrato nel primo film e nell’atmosfera azzeccatissima che riesce a creare quando si prende il disturbo di esplorare gli ambienti che ritrae. Insomma, è fico da guardare in lingua originale.

2 pensieri riguardo “Magic Mike XXL”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.