L’estate a fumetti di giopep

Ed eccoci qua, con l’immancabile e attesissimo (?) appuntamento in cui scrivo due righe, ma proprio due righe, sulla roba che mi sono letto durante i mesi estivi. Che poi in realtà non è neanche vero, dato che su molte cose non le scrivo neanche, le due righe, ma insomma, si fa per dire. Credo. Forse. Non lo so. Seguirà post in cui parlo della roba ammerigana che ho letto di recente e/o sto leggendo in questi giorni. Forse. Vai a sapere.

Adam Wild #1/7 ****
È la nuova serie di Gianfranco Manfredi e non è che ci sia molto altro da dire, perché ha le solite ottime caratteristiche che mi fanno apprezzare le serie di Gianfranco Manfredi: ambientazione storica affascinante e ricca, personaggi azzeccati e non banali pur nel loro classicismo, narrazione avventurosa da Bonelli tradizionale, messa assieme con gusto e mestiere. Raramente ne viene fuori il capolavoro che mi lascia di sasso, ma è sempre roba solida e piacevolissima da leggere.

Una vita tra i margini *****
Una storia autobiografica che racconta la vita di un fumettista giapponese nell’immediato dopoguerra, trascinandoti in quell’epoca così particolare del Giappone moderno ma anche mostrando svariati dietro le quinte e ragionamenti assortiti che stanno alla base della lavorazione di un manga. Affascinante anche per il modo in cui racconta un periodo di profonda evoluzione del settore, con nuove tecniche e sperimentazioni che stravolgeranno per sempre quel che si intende col termine manga, e per come va a toccare il rapporto fra il protagonista Yoshihiro Tatsumi (che fondamentalmente s’inventa da solo il manga per adulti) e i grandi maestri dell’epoca. Io l’ho letto in francese, ma esiste un’edizione italiana di Bao Publishing.

Golem ****
Immagino sia un caso di aspettative esagerate, ma mi hanno talmente menato la uallera con ‘sto Golem che poi, quando finalmente l’ho letto, pur apprezzandolo sotto molti aspetti, m’è rimasta un po’ addosso una sensazione da vabbé. Dal punto di vista visivo è sicuramente una bomba, anche se  – sparatemi – lo stile con cui sono caratterizzati i personaggi non è davvero nelle mie corde. Però, insomma, che gli vuoi dire, ogni tavola è un frullato allucinante di suggestioni e c’è un lavoro pazzesco nella creazione del mondo in cui è ambientato il racconto. Poi, però, il racconto, seppur sicuramente forte sul piano tematico, m’è parso proprio poca cosa, esilissimo e risaputo tanto nella caratterizzazione dei personaggi quanto nelle vicende che popolano. Oh, poi, per carità, nulla di male, mi suco costantemente film, fumetti e videogiochi dalla narrazione esile come carta velina, ma, non so, Golem mi ha lasciato freddino.

Tex – L’eroe e la leggenda ****
Non sono un lettore di Tex e mi sono ritrovato fra le mani questo volume solo perché il mio fido scudiero a cui chiedo regolarmente di passare in fumetteria a Milano per farmi mettere da parte questa o quell’altra cosa ha deciso di farmene omaggio. Contiene una storia a colori da 48 pagine interamente realizzata da Paolo Eleutieri Serpieri, che dà un’interpretazione tutta sua, particolare e (se ho capito bene) un po’ fuori dalla cronologia “ufficiale” del personaggio. È un bel volume, e del resto l’ha realizzato un maestro, ma Tex continua a non essere roba mia.

Quelli che ne ho scritto o parlato altrove e quindi metto il link ad altrove
Left 4 Dead: The Sacrifice *** (Ne ho scritto su Outcast)
Portal 2: Lab Rat **** (Ne ho scritto su Outcast)
Team Fortress 2 **** (Ne ho scritto su Outcast)

Quelli che ho scritto in altre occasioni dei numeri precedenti e non ho niente da aggiungere e mi limito quindi a metterli qua in fila con le stelline che mi ero appuntato
All Rounder Meguru #14 *****, Billy Bat #11 ****, Dragonero #20/24 ***, L’arabo del futuro #2 *****, Le Storie #28/31 ***/****, Lukas #6/12 ***, Lukas Reborn #1/3 ***, Mix #5 ***, Naruto #69 ***, Orfani: Ringo #4/6 ****, Yawara! #12 ****

L’altro giorno ho suggerito l’ascolto del podcast The Q&A With Jeff Goldsmith. Oggi, dopo averlo ascoltato nel weekend, segnalo un episodio in particolare, davvero bello, con ospiti Tom Cruise e Christopher McQuarrie, interessante, approfondito e gradevole. L’argomento di partenza, chiaramente, è Mission: Impossible – Rogue Nation.

Annunci

2 pensieri su “L’estate a fumetti di giopep”

  1. se posso consigliarti leggi il volume tex l’implacabile contiene le due storie più belle di tutti i tempi.(il giuramento, el muerto)Non ti piace perchè è un super uomo, e sempre un passo avanti ai suoi avversari?

    Mi piace

    1. Onestamente non saprei darti un motivo preciso, non siamo mai entrati in sintonia, anche negli anni in cui leggevo un po’ tutti gli altri Bonelli classici. Mi segno comunque il suggerimento! 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...