Agents of S.H.I.E.L.D. 02X06: "Questioni di famiglia"

 
Agents of S.H.I.E.L.D. 02X05: “A Fractured House” (USA, 2014)
creato da Joss Whedon, Jed Whedon, Maurissa Tancharoen
episodio diretto da Ron Underwood
con Clark Gregg, Ming-Na Wen, Chloe Bennet, Iain De Caestecker, Adrianne Palicki, Elizabeth Henstridge

Una serie da ventidue episodi, in un modo o nell’altro, finisce necessariamente per doversi appoggiare su una struttura almeno un po’ da procedurale. La puoi camuffare molto bene da racconto continuo (e comunque gli elementi ricorrenti tendono a venire fuori lo stesso) o puoi abbracciare la cosa senza vergogna come fanno in tanti. Quello che non puoi fare, oggi, soprattutto se racconti un certo tipo di storie, è far finta di niente fischiettando. Gli autori di Agents of S.H.I.E.L.D. ci hanno messo un po’ a capirlo, ma alla fine sono riusciti a trovare il giusto equilibrio e ci pensa anche questa puntata a dimostrarlo.

C’è un “caso” della settimana, certo, ed è il tentativo, da parte dell’Hydra, di screditare i suoi antagonisti, magari anche come forma di ritorsione per quanto avvenuto nella scorsa puntata. Ma non viene trattato come episodio a sé stante ed è invece inserito molto bene nel contesto di un racconto che continua ad evolversi in maniera organica. Alla fine, quel che conta, per rendere interessante una serie moderna, è garantire un mondo e dei personaggi che crescano da una settimana all’altra (e che lo facciano in maniera appassionante, certo), dando un senso di continuità. Agents of S.H.I.E.L.D. ci sta finalmente riuscendo, e lo dimostra il fatto che questa puntata riesce a dare un senso di “appartenenza” nonostante, per dire, gli antagonisti principali della stagione non si vedano neanche di striscio.

Aiuta anche il fatto che si tratta di un’altra puntata divertente, con dell’azione ben messa in scena e un nuovo cattivo con il genere di armi un po’ sopra le righe che ti aspetti da un racconto fumettistico. Ma c’è anche tutto il resto: il cast di personaggi prosegue ad amalgamarsi bene, le gag fra Bobbi e Hunter funzionano, il ritorno di Simmons è ben gestito, Ward continua ad evolversi come personaggio negativo senza, apparentemente, aprire spiragli ad una fastidiosa redenzione, anzi, dando vita a un gran bel doppio scambio con quel montaggio alternato fra i due fratelli. Aggiungiamoci che si continuano a gettar lì piccoli accenni, strizzate d’occhio, tirate di gomito, easter egg, quel che vi pare, per l’appassionato di fumetti e siamo a posto.

E a quanto pare la prossima settimana si approfondisce ‘sta cosa della scrittura aliena. Così si fa. Ritmo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.