La robbaccia del sabato mattina: Giarrettiera

Fun fact: questa settimana sono usciti in Francia due film arrivati in Italia a inizio agosto. E poi vi lamentate dei distributori italiani! Comunque, mentre cerco di capire quando andare a guardarmi 22 Jump Street  e AI EM ERCHIULIIIII, leggo in giro che Joaquin Phoenix sarebbe nelle fasi finali delle trattative per interpretare il ruolo del Dottor Strange al cinema. Detto che non sono sicuro di quanto lo trovi adatto, la cosa è se vogliamo interessante perché, a occhio, sarebbe l’attore più “grosso” scelto fino a oggi per fare il protagonista in un film Marvel. Nel mentre, si sono manifestate delle foto forse dal set col green screen in cui si intravede il Dottor Destino dei nuovi Fantastici 4. E abbiamo anche una foto di Karen Page dal Daredevil targato Netflix che si sistema la giarrettiera, sta qua sopra. A proposito, Netflix. Oddio che bello Netflix. Mamma mia Netflix.

Questo qua sopra è una specie di trailer, per modo di dire, del nuovo cortometraggio Pixar, che immagino accompagnerà il nuovo lungometraggio Pixar. Dove eravate, voi, quando la Pixar è improvvisamente diventata irrilevante e pienamente immersa nel regno dello sticazzi? Io ero in Germania, credo. Non so bene cosa stavo facendo.

Rosewater, il primo film da regista di Jon Stewart, autore. Non riesco a decidere se sia una roba che mi farà innervosire, e di certo la scena con Gael García Bernal che balla in cella spinge fortissimo in quella direzione, ma insomma, Jon Stewart, voglio crederci.

Questo, invece, è The Woman in Black: Angel of Death, seguito del film che ha segnato il ritorno della Hammer, ci ha consegnato un Harry Potter adulto e padre a cui non credeva nessuno ma soprattutto, almeno per come la vedo io, non era malaccio. Questo è ambientato quarant’anni dopo ed esce a febbraio dell’anno prossimo, tant’è che il trailerino non mostra ancora nulla.

Nightcrawler, esordio da registra di Dan Gilroy, fino a oggi sceneggiatore non proprio di un capolavoro dietro l’altro, però il trailer mi ha messo addosso una gran voglia. Esce fra un mesetto in Italia, fra un paio di mesi in Francia. E vi lamentate.

Si intitola White Bird in a Blizzard, è il nuovo film di Gregg Araki (motivazione sufficiente), c’è Shailene Woodley (motivazione sufficiente) e c’è Eva Green (motivazione sufficiente). E il trailer promette molto, molto bene. In Francia esce a ottobre, in Italia boh. Lamentatevi.

E niente, per questa settimana è bene o male tutto. Mi limito a segnalare anche questa bella sbroccata sul rapporto fra sviluppatori indie e videogiocatori e quest’articolo sulle difficoltà nel trovar lavoro nel settore dei videogiochi dopo una certa età.

Netflix. Ah, Netflix. Mamma mia. Netflix.

15 pensieri riguardo “La robbaccia del sabato mattina: Giarrettiera”

  1. Ok grazie immaginavo una cosa del genere, però per volersi abbonare al netflix mmeregano immagino sia necessaria una cc intestata ad un indirizzo del nord america? Immagino ci sia una qualche meravigliosa gabola per aggirare anche questo scoglio, vero?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.