Alan Wake’s American Nightmare

Alan Wake’s American Nightmare (Microsoft Game Studios, 2012)
sviluppato da Remedy Entertainment

Alan Wake basava tutto il suo meccanismo narrativo, d’ambientazione, per certi versi anche ludico, su una trovata molto intelligente, efficace, pure un po’ furbetta. (Quasi) tutto ciò che avveniva nel gioco, (quasi) tutto ciò che facevano e dicevano i personaggi, ma in particolare (quasi) tutto ciò che faceva e doveva fare il giocatore veniva dal word processor del protagonista Alan Wake, uno Stephen King dei poveri col potere di influenzare la realtà tramite la sua scrittura. Questo, di fatto, “giustificava” qualsiasi minchiata avvenisse in tutta l’avventura, qualsiasi dialogo un po’ troppo stucchevole, situazione ridicola o troppo sopra le righe, tutti quei momenti di narrazione un po’ troppo didascalica e pacchiana nel suo prendersi sul serio: non sono problemi di sceneggiatura, è che Alan Wake è uno scrittore un po’ così.

Oggi scopriamo che quella stessa trovata, di fatto, apre le porte a tutto un altro mondo, perché diciamocelo, se i giochi della serie Alan Wake sono figli della scrittura del suo protagonista, beh, possono contenere tutto e il contrario di tutto. In fondo, per dire, basta solo che ad Alan venga voglia di scrivere la sceneggiatura di un film porno e… E quindi Alan Wake’s American Nightmare è allo stesso tempo due cose quasi opposte. Da un lato uno spin-off assolutamente distaccato per tematiche, stile, idee, equilibri, dal gioco originale, giustamente prono a critiche di “tradimento” e pronto a infastidire chi voleva semplicemente un more of the same. Dall’altro è un episodio perfettamente inserito nella continuity, nel contesto narrativo, nell’universo messo in piedi da Remedy col gioco originale. Anche perché, fra l’altro, non è che il concept di base sia poi totalmente campato per aria: Alan Wake, prima di intraprendere la carriera di romanziere che copia da Stephen King, ha la passione per il didascalismo esagerato e ci tiene a far sempre presente che “oh, qua sto facendo una citazione colta”, sbarcava il lunario come staff writer per la serie televisiva Night Springs. E proprio in un episodio di Night Springs è ambientato il confronto fra Alan e il suo gemello malvagio Mr. Scratch che muove le vicende di Alan Wake’s American Nightmare.

Ci si ritrova quindi a vivere in una sorta di Alan Wake alternativo, che mescola suggestioni da Ai confini della realtà, deriva pulpettona (che non significa necessariamente Quentin Tarantino, anzi) e un’evidente voglia di omaggiare il cinema buzzurro da drive-in (voglia come al solito proposta in maniera sottile e tra le righe: intermezzi con effetto da pellicola rovinata e momento clou ambientato… in un drive-in). L’estetica abbandona i toni e i colori che sappiamo per virare verso un immaginario più caldo, tutto rosso, arancione e paccottiglia, e la colonna sonora scivola verso un pop-rock da quattro soldi che diventa extradiegetico ma rimane incastonato alla perfezione nel contesto. E i toni del racconto continuano a passeggiare su quel confine fra il surreale e il ridicolo, ma rendendo forse il tutto più gradevole in nome del trash dichiarato e del non volersi prendere sul serio neanche un minuto. Se il modello di riferimento è ai confini del trash, è chiaro che puoi permetterti molto di più gli svarioni che in un Alan Wake non mancano mai. Poi, certo, oltre a tutto questo, e alla solita gran cura per i dettagli (le interviste alla radio sono deliziose, Mr. Scratch che racconta i dietro le quinte in TV è una meraviglia e le pagine di manoscritto sono ben confezionate come al solito), ci sarebbe pure un gioco di cui parlare.

Citazioni sottili, appena suggerite.

Abbandonato il free roaming formale e molto poco effettivo di Alan Wake, qui si passa a tre ambientazioni separate, da affrontare in sequenza, ma con un’impostazione paradossalmente molto più da free roaming rispetto a quelle del gioco originale. Si gira liberi, pur con obiettivi precisi, in mappe tutto sommato abbastanza grosse, con discreti margini di manovra nell’approccio al combattimento e con tanto spazio libero a disposizione per la ricerca delle minuzie nascoste in giro. E questa è solo una delle tante piccole varianti che sembrano essere chiaramente figlie del fatto che questo gioco, in origine, pare dovesse essere costituito dalla sola modalità arcade. Tutto il gameplay è strutturato attorno a un’azione stanziale, con munizioni che riappaiono, punti di salvataggio/cura che si spengono e riaccendono e via di questo passo. Il problema è che ne risulta una sovrabbondanza di provviste e munizioni tale da mortificare il livello di difficoltà (non più di quanto già avvenisse nei due DLC, comunque), senza che ci sia però un’opzione per alzarlo a piacere. Il risultato è un gioco gradevole, con anche qualche bella intuizione nel modo in cui sfrutta una struttura circolare per cavare il sangue dalle rape dei valori di produzione ridotti, ma che scorre via senza particolari guizzi di gameplay e a conti fatti sa dire la sua soprattutto sugli aspetti extra-ludici.

Di contro, la modalità arcade, che propone la versione Alan Wake dell’onnipresente orda, è davvero azzeccata. Dieci minuti di furia in attesa dell’alba, mettendo sul piatto rischi e ricompense derivati dal non potersi permettere di temporeggiare e dover al contrario inseguire lo scontro se si vuole puntare alto nella ricerca al punteggione, in cui l’equilibrio fra nemici, design delle mappe, disposizione e distribuzione di armi e rifornimenti raggiunge i limiti della perfezione. Funziona tutto a meraviglia, la tensione sale alle stelle, l’orecchio si tende allo spasimo per cogliere la distribuzione dei passi in avvicinamento dalle casse che ti circondano in salotto, lo sguardo si divide fra il mirino e la testa di Alan (che, novità azzeccatissima, si volta a osservare la direzione da cui arrivano i nemici nascosti dalla telecamera). E, insomma, ci si diverte un sacco. Nonostante l’assenza di una variante co-op, che a dirla tutta approvo abbastanza, per un motivo molto semplice: di tutto ciò che è uscito fino a oggi legato ad Alan Wake, questa modalità Arcade rappresenta l’unica situazione in cui la serie riesce veramente a farmi salire la tensione, arrivando quasi a farmi cacare sotto. Affrontandola in due, all’insegna della chiacchiera tramite headset, dubito riuscirebbe a suscitare emozioni paragonabili.

Quando arriva il redneck con la motosega la modalità Arcade s’infiamma.

E insomma, mi è piaciuto, ‘sto gioco? Sì, parecchio. Capisco, ripeto, il fastidio di chi si aspettava una sorta di Alan Wake 2 e, comunque, non ha gradito particolarmente il cambio di taglio, ambienti, atmosfera, ma a me al contrario piace sempre vedere rielaborazioni e riletture, specie poi quando, come in questo caso, si parla comunque di un episodio fuori serie. La rilettura in chiave diversa, poi, mi sembra molto riuscita e, fra l’altro, il differente tipo di tono e ambientazione mi sembra più adatto alla scrittura tutt’altro che impeccabile della serie. Senza contare che sparisce un po’ quella dissonanza che provavo fortissima nel vivere una storia che se la tira da gran romanzo in cui però, fra un pezzetto di romanzo e l’altro, mi ritrovavo a sparare furiosamente in faccia a decine di mostri. Poi, certo, spiace un po’ per il tasso di difficoltà azzerato, ma sotto quel punto di vista viene in soccorso la modalità Arcade, davvero gustosa, e nel complesso i miei 1200 Microsoft Point non rimpiango proprio di averli spesi.

Va pure detto che sono una sega e non riesco a sbloccare le mappe avanzate della modalità Arcade, ma quella è tutta un’altra faccenda. E di certo non aiuta il fatto che, come detto, mi caco sotto e finisco per temporeggiare coi nemici scarsi, invece di farli fuori e giocarmela al rischiatutto per fare i punteggioni.

7 pensieri riguardo “Alan Wake’s American Nightmare”

  1. Premessa: il primo AW l'ho semplicemente adorato, molto per il gameplay ma ancora di più per la storia, raccontata in maniera superba tanto che alla fine del gioco, ho dovuto per forza di cose comprare i relativi DLC. Sono talmente affascinato da AW che da qualche giorno l'ho ricomprato anche per PC e via a immergermi una terza volta in quella atmosfera della Madonna.

    E arriviamo a AWAN: il problema è la storia – un minestrone su. La prova su strada per il LIVE ARCADE de “il giorno della marmotta” mi ha annoiato come non mai cosi come la soluzione delle mappe con un backtracking che più opprimente non poteva essere per non parlare della grafica castrata e delle tre sole mappe da visitare…in ultimo, mi hanno anche tolto la possibilità (ma dico, almeno quello) di prendere un mezzo e schiacciare un infetto o di andare da un punto all'altro quando voglio. Insomma, delusione su tutta la linea. Questo AN non è Alan Wake. Spero che Alan Wake, quello vero, quello del primo gioco Cult, torni per davvero altrimenti hanno rovinato un marchio.

    Mi piace

  2. Eh, è chiaramente una questione di punti di vista.
    Per dire, a me AW è piaciuto molto, ma trovo che dal punto di vista della storia, e soprattutto della maniera in cui è raccontata, sia piuttosto sopravvalutato (in compenso mi sono piaciuti da matti i DLC).

    Di questo ho trovato invece divertente la storia – certo, meno ambiziosa – e il discorso marmotta non mi ha infastidito e non l'ho trovato per nulla fastidioso, anzi, mi è sembrata una soluzione intelligente. Le macchine, boh, mi sembrano davvero l'ultimo dei problemi.

    Mi piace

  3. Si questioni di punti di vista ma quando si tende a voler “ripetere” a tutti i costi una situazione, la prima cosa che penso è che qualcosa di base è andato storto perchè se una storia è scritta bene e affascina non ha bisogno di ripetizioni: parere mio ovvio.

    La storia delle macchine posso darti ragione ma in una struttura fatta diversamente, poteva aggiungere anche più libertà di quella che con AWAN ci hanno tolto. Io ho apprezzato molto i DLC, sempre visionari e comunque n linea ma qui non ho trovato quella voglia di sperimentare.

    Mi piace

  4. Ma il punto è che secondo me è proprio azzeccato il pretesto narrativo e mi sono divertito a rivivere quei momenti in quella maniera un po' diversa, coi dialoghi dei personaggi che iniziavano a capire ecc… Che poi, dai, alla fine la ripetizione è anche relativa, già la seconda volta è molto più veloce, ma la terza dura davvero un attimo (a meno che non ti metta a cercare le pagine in giro).

    In ogni caso, non è questione di avere bisogno di ripetizioni, la questione è che la storia ruota attorno alle ripetizioni. E secondo me funziona. 🙂

    Sulla libertà non sono proprio d'accordo: io ho trovato queste tre mappe molto più libere, in termini di movimento, rispetto a qualsiasi mappa dell'Alan Wake originale, che era assai lineare. Certo, manca il fascino dell'ambientazione unica ed enorme, ma aspettarsela da un giochino Live Arcade, mantenendo oltretutto questa qualità grafica, mi sembra esagerato.

    Il punto, cmq, è che è un gioco diverso, sotto tanti punti di vista. Quindi alla fine ci sta anche che possa non piacere anche a chi apprezza Alan Wake, ci mancherebbe. Secondo me però è molto riuscito. 🙂

    Mi piace

  5. “In ogni caso, non è questione di avere bisogno di ripetizioni, la questione è che la storia ruota attorno alle ripetizioni. E secondo me funziona. :)”

    Appunto, questioni di gusti a me è scesa la fiacca già al secondo giro e al terzo mostrava il fianco non da poco perchè fondamentalmente non ci sta nulla da risolvere…ecco il vero tarlo nella storia, scarse idee. Senza contare che di Survival non ci sta nulla ma quello è un altro discorso. E le pagine del manoscritto le ho trovate tutte ben volentieri alla prima giostra di gioco in quelle 5 orette nette: anche perchè almeno per quelle un minimo di esplorazione era richiesta.

    “Sulla libertà non sono proprio d'accordo: io ho trovato queste tre mappe molto più libere, in termini di movimento, rispetto a qualsiasi mappa dell'Alan Wake originale, che era assai lineare. Certo, manca il fascino dell'ambientazione unica ed enorme, ma aspettarsela da un giochino Live Arcade, mantenendo oltretutto questa qualità grafica, mi sembra esagerato”

    Esagerato in che termini però? Perchè è un prodotto Arcade destinato al DD? Ho visto prodotti INDIE ben più grandi e graficamente complessi (Dear Esther? Che potrebbe essere benissimo fatto passare anche su console e che costa 7 Euro). Io non la vedo cosi. Le tre mappe dire che sono libere è folle per me, visto che sono mappe chiuse che se poco poco ti allontani dal sentiero inizia la polvere del deserto. Poi niente di diverso dal primo dipende. Avrei preferito che mi avessere mosso una Night Springs vera, magari non immensa, non grandissima ma non tre mappe che si raggiungono a rotazione perchè la storia lo richiede. Potevano fare qualcosa di più simile a, chessò, Dead Island, con una cittadina da esplorare e una storia lineare, magari anche ripetuta con quel contesto ma di certo non strutturalmente cosi chiusa.

    Mi piace

  6. Esagerato = l'ambiente costruito come in Alan Wake, che fondamentalmente è stato uno spreco di soldi e risorse colossale (poi a me piace perché dà solidità all'ambiente di gioco, ma di fatto c'è un ambiente enorme che in realtà non puoi neanche girare così liberamente e soprattutto che non serve a nulla girare liberamente). Che potessero costruire una nuova ambientazione in quel modo per un progettino collaterale fatto da un team ridotto mi pare difficile. 🙂

    Per quanto riguarda le mappe, secondo me sono più libere, come struttura e come approccio, rispetto a quelle dell'Alan Wake originale, o perlomeno alla maggior parte di quelle. Poi, certo, non è Dead Island, ma, ripeto, secondo me è folle sostenere che con un progetto di questo tipo potessero fare qualcosa di simile a Dead Island.

    Mi piace

  7. a me il primo era piaciuto abbastanza, diciamo che ne sono fan. sono in attesa di vedere come sarà I Am Alive per valutare se prender questo o quello visto che ho “solo” 1400MP sul groppone da un pò e voglio levarmeli di torno. a parte questa cosa che non interessa a nessuno, ho giocato alla demo di questo American Nightmare e devo dire che il nuovo taglio, l'ambiente e tutto quel che ne consegue mi piace/ci sta/mi piace e non ne voglio neanche discutere visto che non ho da aggiungere nulla.
    la cosa che invece di cui mi sono reso conto che mi piace meno sono le meccaniche shooter, di cui ero già abbastanza critico nel primo gioco, che (almeno per i miei gusti) non trovo allo stesso livello di tutto il resto. oltre al fatto che per la classica “teoria del complotto” penso che le abbiano inserite in maniera così preponderante nell'economia del gioco perchè vanno per la maggiore nella generazione, non saprei descrivere in maniera tecnica quello che vado dicendo. forse è un mix del fatto che la schivata non mi pare proprio perfetta, che la trovata delle pile da sostituire mi pare una cazzatella e qualche altro piccolo particolare del genere, che insomma non me le fà apprezzare molto. per questo mio pensiero, ho un pò il timore che la modalità arcade non mi possa piacere molto, mentre per la modalità storia riesco a “tapparmi” facilmente il naso” 🙂

    Mi piace

Rispondi a giopep Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.