The Walking Dead 02X02: "Sangue del mio sangue"



The Walking Dead 02X02: “Bloodletting” (USA, 2011)

creato da Frank Darabont e Robert Kirkman
episodio diretto da Ernest R. Dickerson
con Andrew Lincoln, Jon Bernthal, Sarah Wayne Callies

Uno fra gli aspetti più interessanti della versione televisiva di The Walking Dead, almeno per chi ha letto il fumetto, è il trattamento riservato a Shane, che nella versione interpretata da Jon Bernthal diventa personaggio più rotondo, ricco, affascinante. La scelta di dedicargli una quantità di tempo maggiore, di tenerlo spesso al centro degli eventi e di prolungare il quadrilatero che coinvolge lui e la famiglia Grimes è senza dubbio vincente. Innanzitutto perché, come detto, ne viene fuori un personaggio un po’ più ricco, come questo episodio dimostra in maniera esemplare.

Se già l’avvio dell’ultima puntata della prima stagione, con quello Shane disperato in ospedale, mostrava un lato del personaggio non scontato, qui si va oltre, e quel bello sguardo a Lori che parla con Carl dice tante cose. E c’è poi tutta la parte alla fattoria, il modo in cui Shane parla a Rick, la voglia di tratteggiare a fondo il rapporto fra i due, andando oltre la semplice storiella di corna vissute. Ecco, si tratta, come detto, di una scelta vincente, anche e soprattutto in prospettiva futura, delle cose che verranno e che saranno forse ancora più forti, alla luce del modo più ricco in cui piano piano ci si affeziona ai personaggi.

Poi, per carità, ci sono anche cose che non vanno, tipo che veramente comincio a non poterne più di T-Dog, o che inizio a chiedermi quante altre scene con uno zombi a caso che assale Andrea e fa una brutta fine dovremo sorbirci, o ancora che ho l’impressione che le belle musiche di Bear McCreary siano un po’ sottosfruttate, ma nel complesso questa seconda stagione mi sembra essere partita molto bene. La storia piano piano sta ingranando, quelle piccole scene con i personaggi che chiacchierano fra di loro in piena calma continuano ad essere la cosa migliore, la corsa col bimbo in braccio e tutta la parte a letto è una meraviglia, Lori mi sta crescendo molto (anche se la Wayne Callies fa un po’ troppe faccette per i miei gusti) Jeffrey DeMunn mi piace da matti veramente tanto che non so come meglio dirlo guarda, continuano ad esserci quelle piccole modifiche rispetto al fumetto che ti prendono in contropiede e, soprattutto, l’intero secondo episodio è trascorso senza un singolo monologo di Rick. Bene così.

Eppoi c’è Norman Reedus.


L’episodio l’ho guardato lunedì pomeriggio, ma poi ho dovuto scrivere un lungo articolo per Videogame.it, preparare una serie di cose in vista del mio ennesimo viaggio a Londra, registrare il nuovo Outcast, dormire e partire. E infatti questo post l’ho scritto in aereo e lo pubblico adesso. Oh, son cose che capitano, dai.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.