La principessa e il ranocchio

The Princess And The Frog (USA, 2009)
di Ron Clements e John Musker
con le voci di Anika Noni Rose, Bruno Campos, Keith David, Jennifer Cody, Oprah Winfrey, Terrence Howard

Nel 2004, dopo l’uscita di Koda fratello orso, qualcuno in Disney ha deciso che era ora di basta con l’animazione tradizionale. Due anni dopo, John Lasseter, dopo aver definitivamente preso il controllo della situazione, ha deciso che non era ora di basta, non c’era motivo per cui fosse ora di basta, e fosse invece ora di riprovarci. Anche per chiarire che non erano stati lui e la Pixar ad ammazzare l’animazione tradizionale Disney, quanto piuttosto Disney stessa, con una serie di uscite quantomeno discutibili. Nasce così La principessa e il ranocchio, quarantanovesimo film d’animazione Disney (escludendo i Pixar, ma includendo robacce in CG come il terribile Dinosauri).

E nasce un gran bel film d’animazione, che abbraccia nel miglior modo possibile la tradizione Disney e va molto vicino a riagguantare i fasti di quegli spettacolari anni Novanta. Una favoletta divertente, emozionante, con soluzioni visive a tratti strepitose (soprattutto, ovvio, nei numeri musicali), una colonna sonora gran bella, un doppiaggio fantastico (Jennifer Cody semplicemente fuori scala, ma anche la colonia di lucciole redneck non scherza), toni meravigliosamente oscuri per il villain e un momento di sincera e coraggiosa commozione nei minuti finali. Si può chiedere di più? Boh, magari anche sì, ma insomma, io di queste cose son vittima facile e infatti mi accontento, così come sembrano avere fatto critica e pubblico, al punto da convincere chi comanda a realizzare un nuovo film “classico” ogni due anni (nel 2011 tocca a Winnie e Tigro, trovate il delizioso trailer qua, ta ta for now).

E il primo che attacca a dire che i disegni animati sono roba vecchia, basta con le fiabette, i musical gne gne gne, gli infilo le dita negli occhi. Siete gente brutta.

Il film l’ho guardato in lingua originale sul Disney Channel. E, intendiamoci, ottimo che il Disney Channel mi permetta di guardarli in lingua originale, anche se apprezzerei l’alta definizione, però quella caspita di sagoma enorme di Topolino in basso a sinistra per tutto il film potreste anche risparmiarmela. Comunque, in True Blood, quando parlano di New Orleans, dicono “nuorlean”, alla francese. In questo film, che è ambientato a New Orleans, dicono “nuorliiins”, all’ammerigana.

2 pensieri riguardo “La principessa e il ranocchio”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.