Heroes – Stagione 2

Heroes – Season 2 (USA, 2007)
creato da Tim Kring
con Jack Coleman, Hayden Panettiere, Masi Oka, David Anders, Dania Ramirez, Sendhil Ramamurthy, James Kyson Lee, Greg Grunberg, Milo Ventimiglia, Kristen Bell, Adrian Pasdar, Ali Larter, Noah Gray-Cabey, Zachary Quinto, Cristine Rose, Stephen Tobolowsky

È da un po’ che mi sono reso conto di fare una gran fatica ad apprezzare i ritmi di praticamente tutte le serie che durano sulla ventina di puntate. Mi sembra sempre che ci sia solo un gran perdere tempo e girare attorno alle cose, in attesa di montare il crescendo da metà annata in poi. Heroes, almeno nelle prime due stagioni, ha sofferto di questa cosa in maniera devastante e in questo secondo anno la cosa pesa il doppio proprio perché, arrivati al momento di ingranare davvero, finisce tutto. E, insomma, dopo che hai trascorso una dozzina di episodi perdendo tempo con personaggi chiaramente insignificanti in Irlanda, tirando per le lunghe il ritorno del cattivone e costruendo male un personaggio tutto sommato intrigante come Takezo Kensei, mollare tutto lì fa un po’ girare le palle.

Anche perché, davvero, la parte più interessante di questa seconda stagione sembra essere quella che non vedremo mai. O, perlomeno, quella manciata di scene già girate e buttate lì a raffica nei contenuti aggiuntivi del cofanetto danno l’idea di spunti interessanti, con quella città in preda al contagio e quella caccia all’uomo fra Sylar e la biondina psicolabile, mentre sullo sfondo si mettono assieme i Sinistri Sei. Senza contare che l’insostenibile personaggio di Maya esisteva praticamente solo in funzione di questa parte mai realizzata. Quasi tutta roba svanita nel nulla a causa dello sciopero degli sceneggiatori, e tocca farsene una ragione. Cosa rimane? Rimane la prima metà della stagione, con un finale appiccicato sopra.

Al di là di questo, però, fatico un po’ a capire cosa abbia di tanto sbagliato rispetto al primo anno questo secondo. Il ritmo lento, ripeto, non mi sembra una novità. E anche tutti gli altri problemi, evidenti, non è che mancassero nella prima ventina di episodi. Personaggi ridicoli che si prendono insopportabilmente sul serio? Check. Protagonisti del tutto cretini che possono passare attraverso i muri ma preferiscono buttare via mezz’ora per aprire una porta perché è più drammatico e fico? Check. Gente che muore ma poi non è morta e resuscita ma aspetta forse è morta no non è morta ma ho visto il cadavere fa niente non è morta lo stesso? Check. Amici che invece di spiegarsi si menano perché il galateo del supereroe lo richiede? Check. Adolescenti con dialoghi che ti fanno rimpiangere i film di Muccino? Check.

Insomma, la solita sbobba, anche se con lo svantaggio aggiunto di uno sviluppo dalle gambe mozzate e di non avere più il fascino della prima volta. E di introdurre una manciata di nuovi personaggi fra i quali salvi solo, e solo in parte, il nuovo cattivissimo. No, ok, è vero, è peggiore della prima stagione. Ma, insomma, non così tremendamente peggiore da giustificare l’odio che ho letto e sentito in giro. Fosse anche solo perché non è che la prima fosse ‘sta roba fuori dal mondo, essù.

La stagione l’ho guardata in lingua originale, of course, grazie al bel cofanetto Blu-Ray che ho comprato usato un anno e mezzo fa al negozio uber nerd di Los Angeles in cui ci aveva trascinati Apreda. Tutti a rovistare fra i videogiochi, e io compro Heroes. E poi lo guardo un anno e mezzo dopo. Vedi un po’ te.

10 pensieri riguardo “Heroes – Stagione 2”

  1. Avendo finito a fatica la prima serie, di questa seconda ho guardato giusto la prima puntata, in preda al fastidio per un Hiro più imbecille che mai nel Giappone medievale. Non ce l'ho fatta ad andare oltre.

    Mi piace

  2. Guarda, se già hai fatto fatica con la prima serie, hai fatto bene, perché non ha davvero senso andare avanti. Io, tutto sommato, e pur con tutti i difetti che ci trovo, riesco ancora a divertirmici, quindi suppongo che prima o poi proseguirò. Ma siamo dalle parti del guilty pleasure. Molto guilty e non troppo pleasure, fra l'altro. 😀

    Mi piace

  3. non pensavo che l'unica serie TV che ho mai visto da quando andavo alle medie fosse considerata così brutta da chi segue normalmente le serie TV. me ne farò una ragione 😀 (notare cmq che non ho retto oltre questa seconda stagione, tipo che guardai il primo episodio della terza e lasciai perdere). a me ciò che piaceva, cmq, era proprio la stupidità dei personaggi. mi tagliavo dalle risate.

    Mi piace

  4. Hahahahah, beh, se può confortarti, io mica la considero così brutta. Qui ho posto l'accento sui difetti solo perché volevo sottolineare che, per come la vedo io, non c'è questo gran peggioramento dal primo al secondo anno (al di là della stagione mozza). Poi, di suo, anche a me diverte abbastanza, anche se gli adolescentelli proprio non li reggo.

    Certo, se hai lasciato perdere, mi sa che pure tu la consideri bruttarella. 😀

    Mi piace

  5. è che non ho metri di paragone quindi non saprei dire bella o brutta. mi divertivo, poi all'improvviso puff non mi divertivo più. l'ultima cosa che avevo seguito prima era miami vice, che ero appunto un ragazzino, e mi sembrava la cosa più figa mai fatta dall'essere umano. adesso credo non reggerei cinque minuti. che poi non capisco perché quest'effetto ce l'abbiano solo le serie, perché con i film non mi succede: li riguardo e son sempre belli.

    Mi piace

  6. col senno di poi (ho mollato la presa alla quarta serie – non mi ricordo se ero già al Vol.5, visto che il rapporto serie-volume si scombina molto rapidamente e perdere il filo è un attimo, soprattutto se poi l'ultima fettina di “heroes” che hai visto risale a una ventina di mesi fa), vabbè, dicevo, col senno di poi la seconda serie è anche piacevole innanzitutto perchè i personaggi buttati dentro strada facendo non sono ancora così ridicoli come invece succederà più avanti, poi perchè il filone principale, benchè fragilino di natura, sta ancora tutto sommato in piedi (e soprattutto si chiude con un bel finale, al contrario praticamente di tutte le altre stagioni), e infine perchè le cazzate e i controsensi rimangono ancora nel limbo dello “scusabile” per via della natura di heroes, che per come l'ho interpretata io è un fumetto di supereroi che tenta l'impossibile: ammiccare ai lettori di fumetti stuprando il piacere della lettura in favore dell'immmagine in movimento (che sarebbe un po' come chiedere a un giocatore di FIFA/PES di mettersi le scarpe coi tacchetti per videogiocare). Chi è riuscito a superare come me la seconda e la terza stagione, immagino considererà il pasticcio di sylar/nathanpetrelli l'apice di tutte le stronzate possibili & immaginabili, ma anche qui, le somiglianze coi fumetti di supereroi ci sono, e il meccanismo che nelle prime serie butta benzina su un fuoco tutto sommato piacevole, alla fine è il cancro che uccide tutto… ma d'altronde si capisce subito ed è la cosa più elementare del mondo: ogni volta che la trama s'inceppa, arriva un superpotere più figo che smuove le cose; bene, per un po' funziona, poi si esagera e la voglia di sapere come andrà a finire se ne va allegramente affanculo. Pazienza.
    (scusate le sgrammaticate ma sono in berserk lavorativo)

    Mi piace

  7. Anonimo, a parte che Heroes non me lo sono sparato in una settimana, sicuramente in quel che dici c'è una parte di vero. Una cosa pensata per essere vista un tot alla volta mostra sicuramente di più certi limiti di ripetitività e ciclicità, per esempio, se la guardi tutta in fila. Lost, per esempio, guardato in velocità amplifica tanti suoi problemi. Ma d'altra parte quel tipo di visione aggiunge pregi sotto altri aspetti, quindi di fondo si tratta di cosa preferisci, non è necessariamente meglio o peggio.

    In compenso t'assicuro che l'allungare il brodo e il girare in tondo mi danno fastidio anche se guardo un episodio a settimana. Anzi, abbi pazienza, mi danno MOLTO più fastidio se guardo un episodio a settimana, perché la menata in quel modo mi dura mesi.

    Del resto, ci sono tante serie che ho amato pure guardandole “di fretta”.

    Ianlu: ripeto che il mio post appare forse più critico di quanto non voglia essere. Sono sostanzialmente d'accordo con quel che dici (almeno per quanto riguarda le due stagioni che ho guardato).

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.