Ti sogno Califogna


L’E3 del 2009 si è svolto dal 2 al 4 di giugno (e dintorni). Nei due anni precedenti, quelli del “basso profilo”, si è svolto a luglio. E prima? Prima, per non so quanto tempo ma sicuramente tanto, si è sempre fatto a maggio. Maggio. Maggio era un bel mese, per andare all’E3. Faceva meno caldo, per dirne una. E soprattutto non era giugno, così, per dirne un’altra. Poi, capiamoci, a me va anche bene giugno, se si intende, come l’anno scorso, la prima settimana di giugno. Prima di qualsiasi altra cosa possa succedere a giugno. Che so, concerti, la rassegna del Festival di Cannes, gli stramaledetti Mondiali di calcio.

Ora, io non pretendo che questi si regolino in base ai festival o ai concerti a cui voglio andare io, però, porca puttana, per quanto siano americani, per quanto la loro squadra sia destinata a oscillare per sempre fra il “facciamo pena” e il “oh, ma guarda che bella sorpresa questi USA che hanno eliminato la squadra forte e se non gli avesse detto sfiga magari vai a sapere”, per la miseria, ma possibile che debbano spostare tutto in avanti di due settimane e far quindi coincidere la fiera con la prima settimana dei Mondiali di calcio? E con la rassegna di Cannes? Ma sarete stronzi?

Che poi, uno dice, “ma di che ti lamenti, ti pagano per andare a Los Angeles una settimana a giocare coi giochini”. E oddio, per carità, è anche vero. Però è vero anche che non mi pagano per andare a Los Angeles, ma per andare in fiera, passarci le giornate a correre di qua e di là come uno scemo assieme a degli scemi circondati da scemi, mangiare un po’ quel che capita e trascorrere poi le serate – quando non le nottate – chiuso in camera a scrivere. Altro che i party e i cazzy e i mazzy. E, fra l’altro, anche avessi tempo di girare per Los Angeles, Los Angeles mi fa CACARE.

E insomma, l’anno scorso era tutto perfetto e preciso, si trascorreva la prima settimana di giugno nella colata di cemento in riva al mare e poi si tornava in Europa per fare le cose serie, i concerti, la rassegna, i concerti, i concerti, i concerti. Che poi, in realtà, quest’anno di concerti a giugno non mi pare di averne previsti e, se devo dirla tutta, la prima settimana dei Mondiali di calcio mi interessa molto meno dell’ultima volta. Anzi, quasi me ne sbatto le palle. Però la mia rassegnina, uffa. Ci sono affezionato, ci vado ininterrottamente da quando neanche ero maggiorenne!

“Eh, però, dai, è divertente andare in fiera”. Certo, a me mi piace, mi piace fare le interviste, provare i giochini, fare lo scemo con gli altri, prendere in giro Puccettone, mangiare colesterolo in tutte le sue molteplici forme, mi piace tutto. Questo non impedisce però al tutto di essere una maledetta e massacrante mazzata, oltre che una ripetizione infinita dello stesso buffonesco carosello, sempre nella stessa schifosa città. Per me, che ci sono andato solo due volte. Figurati per quelli che ci vanno ininterrottamente da vent’anni. E non mi impedisce di rosicare perché l’hanno spostato avanti di due settimane. Sono uno scemo che rosica su una scemenza? Sì, ma, oh, intanto son riuscito a pubblicare un post anche oggi. Vediamo se riesco a fare una settimana intera.

E comunque americani brutti e cattivi.

Apprezzo in ogni caso il gesto di solidarietà da parte dell’ente organizzativo, che in segno di contrito rispetto e cordoglio ha deciso che da quest’anno non saranno più venduti gli abbonamenti per la rassegna. Del resto, se non lo compro io, che lo vendono a fare?

16 pensieri riguardo “Ti sogno Califogna”

  1. Il destino dell'Italia mi è piuttosto indifferente, a me interessano i Mondali. 🙂

    Quanto a Los Angeles, è fra le città più orrende del pianeta, nonostante sia ovviamente solo ottimo l'aspetto “marittimo”. La blasfemia è apprezzarla. Per fortuna siete in pochi.

    Mi piace

  2. quoto tutto. dell'E3 di LA ho qualche buon ricordo, diciamo, nostalgico, legato alle persone con cui ci sono andato tutte le volte. e meno eravamo meglio si stava, indubbiamente, con tutto il rispetto per l'allegra combriccola. ma l'idea di andare, come sempre, è il peggio del peggio del peggio. anche per chi non vede i mondiali, non va al cinema e non va ai concerti 😛

    Mi piace

  3. “Quanto a Los Angeles, è fra le città più orrende del pianeta, nonostante sia ovviamente solo ottimo l'aspetto “marittimo”.”

    Aspetto che, per la precisione, non riguarda Los Angeles giusto di striscio. A meno che non si parli di contea, e allora diciamo pure che la California è bella, che il MidWest è figo, che il mondo è una meraviglia e abbiamo finito.

    Ma anche sforzandosi di guardare le cose in questo modo, Los Angeles merda è e merda resta. 🙂

    Mi piace

  4. Hahahaha, oh, comunque a me il fatto di andare all'E3 non dispiace, non solo per la combriccola e nonostante sia comunque uno sbattimento infame. Alla fine le lamentele sono contingenti e logistiche. 😀

    Mi piace

  5. rotfl, sole se avevi altri 12 candidati potevi dirlo che mi facevo da parte 😀 (birotfl, cazzo, avremmo dovuto prenotare l'intero ristorante giappo della signora “rido senza motivo” per entrarci tutti).

    Mi piace

  6. Io capisco che la giapponese ridente fa ridere, tenerezza e pure il sushi con le chiappe… maccazzo … è il solito ristorante giapponese che non serve a un cazzo e che sempre pesce crudo è e non è che si può fare miracoli e inventare sapori e e e pesce crudo è.

    I miracoli e i sapori stanno altrove, precisamente da Barney!!! Bissiamo lì, però in 39…

    Quoto babalot: Russel col tassì, a vedere i giochi senza manco la scatola.

    Mi piace

  7. 1. ricordati della mattina dello sbocco
    2. non è solo pesce crudo, sei te che sei cretino

    Detto questo, abbiamo una settimana, stai sereno che mangeremo tutti i tipi possibili di merda.

    Mi piace

  8. Lo ricordo benissimo lo sbocco.
    Avevo appena assaggiato (e sottolineo “appena assaggiato”, mica tracannato) quella merda tipo redbull che davano in fiera. Una roba terribile, che due gocce mi hanno devastato per una notte intera.

    Lo sbocco è stato volontario e necessario.
    E tutto sommato utilissimo, per ripulirsi un attimo.

    Viva le modelle che sboccano, quindi, e viva mangiare e vomitare. Viva perdere peso prima di una sfilata.

    Vaffanculomerda quella simil-redbull.
    E vaffanculo pure la Redbull originale, che fa cacare tanto quanto la sua pessima imitazione.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.