Nip/Tuck – Stagione 4

Nip/Tuck – Season 4 (USA, 2006)
creato da Ryan Murphy
con Julian McMahon, Dylan Walsh, Sanaa Lathan, Joely Richardson, John Hensley, Roma Maffia, Kelly Clarkson, Jacqueline Bisset, Larry Hagman

Il primo episodio della quarta stagione di Nip/Tuck è un macigno tostissimo, che apre le danze tracciando subito le linee guida e illustrando il tono da melodramma estremo che terrà banco per tutto l’anno. Sean perde il controllo e si lascia andare, parla della sfortuna che ha colpito il figlio in arrivo, si aggrappa alle budella dello spettatore come nei momenti migliori della serie, e come la stessa quarta stagione non sempre riuscirà a fare, pur tentandoci disperatamente. Un “One in a million bolt of lightning” ha colpito, bruciando tutto quello che gli sta attorno. E si comincia.

Si comincia per certi versi quasi con un ripartire da zero, soprattutto nel giungere dopo due annate al contrario strettamente interconnesse fra di loro. Nuovo il cast di supporto, con personaggi più o meno ricorrenti spuntati dal nulla, nuovo l’antagonista, che la butta un po’ meno sulla presenza angosciante e un po’ più sul cattivone onnipotente. Ma non è solo una questione di novità, perché c’è anche un abbandono quasi totale e improvviso di molti sviluppi narrativi, soprattutto per quanto riguarda i personaggi di Matt e Julia. Sembra quasi un voler cancellare la tanto bistrattata terza stagione.

La caratteristica che più spicca in questo quarto anno, però, è l’esplosione di guest star, che spuntano letteralmente da tutte le parti. Non amo molto quando il cast diventa una collezione di facce note, perché generalmente finiscono per sovrastare il personaggio che interpretano, levando impatto drammatico agli eventi. Ci si ritrova ad osservare non personaggi, ma attori famosi, distraendosi un po’ troppo dal racconto. Anche vero, però, che in fondo l’utilizzo di tanti volti finti ben s’incastra in un telefilm che parla proprio di gente finta, di persone che si nascondono dietro appendici e ritocchi estetici. Insomma, se c’è un contesto in cui si può perdonare un simile eccesso è proprio Nip/Tuck. E del resto, il simbolo estremo di questa cosa, l’apparizione di Burt Bucharach in Conor McNamara, è un momento meraviglioso, toccante, ridicolo, kitch, assurdo, intenso, pacchiano. Insomma, il riassunto di tutto ciò che rappresenta Nip/Tuck.

L’eccesso è e rimane il simbolo di una serie che in questa stagione si diverte a camminare sempre più sull’orlo del ridicolo, mescolando delicatamente intenso melodramma e gusto per l’assurdo. Visti certi argomenti e certi personaggi, non stupisce che molti la considerino il punto di non ritorno, lo spartiacque che ha segnato il definitivo crollo. Ma tutto sommato ci pensano la solita, notevole, qualità della scrittura e la sferzante autoironia a tenere salde le redini del racconto e a donare credibilità alle storyline più traballanti. Anche la situazione più assurda si incastona bene nell’intreccio narrativo e complessivamente questa quarta stagione appare molto più coesa e solida della precedente.

E da questo turbinoso immergersi nel melodramma non si può che uscire devastati, cambiati, rifatti da capo a coda. Nulla potrà essere più come prima, tutto riparte, questa volta veramente, da zero. Si cambia città, si cambia vita, si cambia famiglia, si cambia tutto, in un finale “musical” splendido e spiazzante, completamente fuori dalle righe per quelle che sono le abitudini della serie. Solo una cosa rimane sempre costante. L’indissolubile, simbiotico legame fra Sean e Christian. Fratelli di sangue, uniti per sempre.

P.S.
Tramite PlayTrade, ho comprato usata a un prezzo lurido la versione HD-DVD, che si vede e si sente una favola. Immagino valga lo stesso per quella Blu-Ray.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.