Abarat

Abarat (USA, 2002)
di Clive Barker

Le premesse di Abarat, lo ammetto, non sono proprio una roba in grado di farmi innamorare. Già l’idea dell’ennesima, epica, saga fantasy (cinque tomi previsti) mi fa un po’ rabbrividire, e certo le cose non migliorano quando poi inizio a leggere e mi ritrovo davanti – incredibile shock – una ragazzina dalla vita un po’ sfigata, maltrattata a scuola da una professoressa stupida, che si ritrova improvvisamente catapultata in un mondo fantastico nel quale – udite udite – scoprirà di essere una sorta di prescelta.

Per fortuna, però, Abarat non delude dove conta, ovvero nell’appassionante stile di Clive Barker e nella sua incredibile fantasia, che poi sono i motivi per cui ho deciso di affrontarlo. Barker, che da leggere è sempre un piacere, sfrutta un pretesto insomma abbastanza banale e già visto per aprire al lettore le porte su un immaginario fantasioso e seducente come tutte le folli creature che da sempre popolano i suoi libri.

A far venire voglia di andare avanti non è l’intreccio, quanto piuttosto il complesso e folle mondo creato da Barker. Un arcipelago di venticinque isole “bloccate” su un’ora del giorno ciascuna (con, evidentemente, un’ora extra) e popolato da creature incredibili, molto più affini ai supplizianti di Hellraiser che ai classici personaggi da romanzo fantasy. Abarat, insomma, è l’Alice nel paese delle meraviglie di Barker, magari un po’ più ordinario nello stile del racconto, ma con quella stessa voglia di stupire e divertire con un mondo completamente sopra le righe eppure solido, credibile. Vista la struttura a episodi, è difficile rendersi conto di quanto sia davvero riuscito, ma come inizio non andiamo affatto male.

Annunci

3 pensieri su “Abarat”

  1. premettendo che barker è pazzo..pazzo completo (ricordo una storia dove due popoli di due paesi dell’est europa si legavano insieme a formare due uomini giganti che si trucidavano…), sapevo di questo romanzo ma ho sempre avuo paura di prenderlo in considerazione perchè doveva essere qualcosa di più adatto ai bambini..o così mi avevano detto.la disney tra l’altro ne ha acquisito i diritti per una trasposizione sullo schermo!poi c’è il solito problema barker in italia:i libri sono introvabili!i pochi che ho li ho trovati solo usati e questo lo vidi una volta nuovo dopo di che scomparve dagli scaffali…comunque la tua recensione mi invita a leggerlo!

    Mi piace

  2. Guarda, secondo me Barker è un autore comunque ottimo e piacevolissimo da leggere anche quando si rivolge palesemente a un pubblico giovane.Detto questo, se sei abituato al Barker horror, Abarat è molto distante, anche se sicuramente certi personaggi fanno un po’ venire in mente le sue solite creature schifide.Non so comunque nulla della versione italiana, io l’ho letto in inglese.🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...