Lost – Stagione 2

Lost – Season 2 (USA, 2005/2006)
creato da David Lindelof e J.J. Abrams
con Matthew Fox, Evangeline Lilly, Josh Holloway, Terry O’Quinn, Naveen Andrews, Michelle Rodriguez, Adewale Akinnuoye-Agbaje, Jorge Garcia, Dominic Monaghan, Emilie de Ravin, Harold Perrineau, Daniel Dae Kim, Yunjin Kim, Maggie Grace, Cynthia Watros

Forse perché si erano rese conto di aver creato un cast di personaggi che mi sarebbero stati tutti, dal primo all’ultimo, tremendamente sul cazzo, le menti pensanti dietro a Lost han saggiamente deciso di introdurne uno interpretato da Michelle Rodriguez. E subito mi son ritrovato a rivalutare tutti gli altri in prospettiva, anche se, francamente, il nano tossicodipendente e la strafiga che fa sempre la peggiore scelta possibile fanno davvero di tutto per farsi odiare altrettanto.

Ma forse è proprio questo uno dei punti forti di un serial che riesce a farti appassionare al destino di personaggi che vorresti disperatamente prendere a schiaffi (anche se in effetti del destino del nano non me ne frega davvero nulla, spero anzi che esploda improvvisamente, senza motivo, per un buco di sceneggiatura, e si dimentichino tutti della sua esistenza). La seconda stagione di Lost, comunque, prosegue serenamente sul solco della prima, portando avanti il racconto sui paralleli binari del presente e del passato, riarrangiando e rimescolando di continuo le carte, le certezze e le convinzioni dello spettatore, dilatando mostruosamente i tempi del racconto.

Si svolge tutto nell’arco di qualche settimana, ma che impiega mesi a trascorrere. E, come nella prima annata, succede molto di più nei flashback che nel presente, spesso messo da parte e “ritardato” per far spazio. Ed esattamente come accadeva nella prima stagione, nei momenti più concitati del racconto “presente” il flashback del caso tende a spezzare un po’ troppo il ritmo e a favorire l’orchite. Tanto più che non sempre questi ricordi di tempi che furono aggiungono davvero elementi importanti al racconto e talvolta finiscono per lasciare una certa sensazione di superfluo, di facile pretesto per allungare il brodo.

Ma proprio perché talvolta la brodaglia tende a sembrare davvero un po’ troppo annacquata, spiccano ancora di più certi difetti strutturali, fatti di un modello ripetuto all’infinito e che finisce per rendere davvero un po’ troppo prevedibili gli sviluppi del singolo episodio. Non solo per la caratterizzazione monocorde di certi personaggi, dei loro atteggiamenti, delle loro reazioni a ciò che accade, ma anche per la ripetitiva struttura di tutti gli episodi, che proseguono imperterriti nel riproporre simbolici, affascinanti e prevedibili paralleli, corsi e ricorsi nella vita dei personaggi.

Agli autori di Lost piace parlare di destino, di coincidenze che forse tali non sono, e dei gradi di separazione modello Kevin Bacon. Del fatto che tutti, ma proprio tutti, prima o poi hanno avuto a che fare l’uno con l’altro, della sensazione che nulla accada per caso, che ci sia un disegno più grande o che, se non c’è, il mondo sia davvero tremendamente, mostruosamente, deliziosamente piccolo. E nel raccontare di tutte queste scemenze facendole sembrare come le cose più naturali, interessanti e intelligenti del mondo, Lost si concede anche di mettere in piedi un universo narrativo affascinante, ricco di misteri e che, pur con qualche timida forzatura, continua a sembrare riuscito e coerente.

Ma il motore degli eventi, fra un mistero, una sorpresa, un colpo di scena e una rivelazione, rimane sempre la ragnatela di relazioni fra i personaggi. Il modo in cui interagiscono fra di loro, l’evoluzione delle loro personalità e la loro crescita come gruppo. Ed è forse in questo che, francamente, la seconda stagione mostra un po’ la corda. Nell’incapacità di stare dietro come si deve a tutti quanti, dovuta forse al cast sempre più numeroso e alla necessità di dare maggiore spazio ai misteri dell’isola. Nell’impressione che sia un po’ troppo facile giustificare con lo stress, il panico, la sfiducia, certi atteggiamenti estremi, assurdi, ma soprattutto talvolta un po’ “fuori dal personaggio”.

Eppure, nonostante i difetti, nonostante i passi falsi, il giocattolo funziona ancora a meraviglia, forse proprio perché talmente saturo di elementi interessanti da potersi permettere di trascurare a tratti qualche ingrediente per favorirne altri, mentre si aggiunge condimento e si procede imperterriti nella cottura. Lo zuppone che ne viene fuori, nel suo complesso, ha un sapore entusiasmante. La somma delle parti, ancora una volta, è superiore al singolo valore delle stesse.

Annunci

5 pensieri su “Lost – Stagione 2”

  1. Nn sono molto d’accordo sulla questione flashback. Ok, a volte nn aggiungono molto, ma inevitabilmente hanno un loro senso se si fa attenzione a dei particolari, da un quadro, ad un simbolo su una mongolfiera, a delle scritte etc etcLost non lo puoi vedere solo una volta, proprio perchè questi flashback sono ASSOLUTAMENTE RICCHI di indizi. Lost non è fatto solo di episodi, ma di ricerca sul web e attenzione a determinati screencap. Ad una visione veramente attenta e meticolosa la serie sprigiona tutto il suo potenziale. Per non parlare della Lost experience^^”

    Mi piace

  2. Non metto in dubbio che in ogni singolo flashback ci siano dettagli (più o meno) importanti, ma obiettivamente alcuni sono davvero poco riusciti.Ed è inevitabile che, quando quelli meno riusciti arrivano nel bel mezzo di un momento chiave del racconto “presente”, possano un po’ girare le balle. 🙂Poi in generale i flashback mi piacciono, eh, e spesso sono davvero ottimi (quelli di Locke, per dire, sono uno meglio dell’altro).Per il resto, il contorno, la ricerca sul web, gli screencap… sinceramente, capisco che sia divertentissimo e non nego di mettermici ogni tanto, ma mi interessa fino a un certo punto. Ora, se mi dici che la “esperienza globale Lost” ne guadagna, son d’accordo, ma non penso siano necessari. Anche perché ammettere che Lost, il telefilm, perda tantissimo senza tutto il contorno “pipparolo” significherebbe ammettere, in sostanza, una certa debolezza del telefilm. E a me sembra che invece la serie sia molto solida e divertente per i fatti suoi. 🙂

    Mi piace

  3. Sisi ma figurati, Lost è Lost indipendentemente dal contorno, ma per farti un esempio con la lost experience hanno sbloccato un filmatino che spiega cose molto interessanti sulla Dharma, sull’isola ed i numeri, cose che probabilmente non saranno mai spiegate nel telefilm, o solo in parte. Ecco, come dici tu l’esperienza globale ne risente molto in positivo, senza nulla togliere all’impianto di base. Ma anche solo l’idea di dover osservare ad esempio il “fumo nero” col fermo img ed una serie di “puliture” grafiche, e poter vedere cosa nasconde mi alletta moltissimo^^Cmq non perderti la terza serie, in particolar modo la seconda metà

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...