Commozione culinaria


Oggi ho mangiato una cosa commovente. Ma non “commovente” per modo di dire: ogni volta che ne mettevo in bocca un pezzo rischiavo di mettermi a piangere. E non “mettermi a piangere” per modo di dire: avevo proprio gli occhi gonfi di lacrime. Una roba impressionante. Cosa? Tonkatsu, amici miei, nel ristorante “specializzato” Maisen (questo il sito web). Spettacolare. Fra l’altro, all’uscita ci han pure dato il regalino di Natale, quattro deliziosi panini contenenti, per l’appunto, tonkatsu (in foto potete ammirarne una sezione). Sigh…

Comunque, oltre a voler condividere questo momento così importante della mia vita, ci tenevo anche a fare un piccolo annuncio. Ho deciso di raccontare approfonditamente questa vacanza giorno per giorno, come mio solito. Magari non proprio dettagliatamente, come mio solito, ma insomma, ci siamo capiti. Solo che, ovviamente, non ho intenzione di passare le serate attaccato al PC, quindi non so dire quando potrei cominciare a pubblicare raccontini. Comunque prendo appunti, tranquilli. E adesso vi saluto, che me ne vado a mangiare.

Annunci

6 pensieri su “Commozione culinaria”

  1. E’ sostanzialmente una cotoletta di maiale, ovviamente fatta e condita in una maniera tutta particolare.

    E sì, mi pare nei cartoni la mangino abbastanza spesso – in italiano in genere la chiamano proprio cotoletta di maiale – ma il punto non è quello. E’ proprio che la mettevo in bocca e mi veniva da piangere per quanto era buona. 😀

    Una cosa folle.
    E ovviamente non c’è paragone con quelle che ho mangiato in Italia…

    Mi piace

  2. Ah, per inciso, casomai avessi dubbi, il tipo di panatura, di frittura, condimento, di “presentazione” non hanno nulla a che vedere con le cotolette nostre. Cioé, non è una cosa che ti puoi immaginare.
    🙂

    Mi piace

  3. Ah ecco. Perchè nel tuo post c’è quel “terrificante” che m’ha sviato. Non capivo se t’erano piaciute e o no. Comunque riesco a immaginarmi il gusto della cotoletta perfetta, per me, anche se non l’ho mai assaggiata. Facile che sia proprio quella lì.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...