La notte del drive-in


Drive-in e Drive-in 2 (Not Just one of Them Sequels)
(USA, 1988 e 1989)
di Joe R. Lansdale

La macchina sbandò e io sterzai nella direzione della sbandata, come spiegano i manuali, ma la sbandata disse “vaffanculo”, le ombre ingoiarono la macchina e si portarono via la luce.

In queste poche parole è sintetizzato quasi tutto La notte del drive-in. Diretto, privo di fronzoli, (auto)ironico e sferzante, irresistibile per il suo stile asciutto e lapidario. Qui Lansdale dà libero sfogo a tutta la sua fantasia, non guarda in faccia a nessuno e gioca coi suoi personaggi per oltre trecento pagine, mettendo in scena un irresistibile horror di serie Z, ma scritto con una maestria da serie A. Un lungo carrozzone degli orrori, che ti prende alle budella fin dalle prime pagine e non ti molla più, travolgendoti col suo allucinante cast. Mostri mutati che vomitano pop corn e si autoeleggono imperatori, uomini con televisori al posto della testa, foreste con pellicole assassine penzolanti dai rami degli alberi, tirannosauri affamati sul ciglio di una strada senza fine… questa è la popolazione ospitata dal cinema Orbit prima e dal mondo intero poi.

L’impossibile, il delirante, diventano credibili e affascinanti, grazie a una prosa asciutta, piacevole, divertente. E il racconto procede veloce su una vecchia Plymouth decappottabile rossa e bianca, con il tettuccio alzato. Sfreccia fino all’inevitabile conclusione, che rifugge da moraline consolatorie tanto quanto dall’apocalittico “bad ending”, ormai quasi più banale di un lieto fine. Succede solo quello che deve succedere, seguendo l’illogica linearità di un cosmo narrativo senza alcun senso apparente.

E per trovare qualcosa di realmente consolatorio in quell’apparente lieto fine, bisogna essere decisamente appassionati di bicchieri mezzi pieni.
Mezzi pieni di merda, però.

Annunci

Usenet Amarcord #004


26 Marzo 2003
Il Vanz pubblica su it.arti.cinema questo esilarante messaggio, in cui elenca le sacre leggi del cinefilo integralista. Un decalogo carico di (auto)ironia, divertentissimo già di suo, ma che ebbe anche il merito di generare un paio di thread molto simpatici. Ovviamente, come al solito, in fondo trovate gli appositi link a google gruppi.

Il Decalogo del Cinefilo Integralista (Istruzioni per l’Uso della Sala Cinematografica)

1. Al Cinema si arriva almeno mezz’ora prima, anche con il posto garantito. Non per fanatismo, ma per godersi religiosamente l’aspettativa, passeggiare sulla morbida moquette rossa dell’atrio, ascoltare di nascosto quello che si dicono le coppie mentre arrivano.
E soprattutto scegliersi con cura i posti (vedi punto 3).
Anche se sono decisi dal computer, se si è in più di due è bene essere quello che assegna i posti. Comunque sconsigliato andare al cinema in più di quattro.

2. Niente Popcorn, coche cole, merendine, cazzi e mazzi: al cinema si va per guardare un film, non per mangiare.
Se hai fame vai in pizzeria, ma non venire a rompere i coglioni a me col crik crok mentre guardo un film (eccezione di mafe: a meno che non sia un Bond, Mission Impossibile o un film tratto da un videogioco).

3. I Posti: Avanti e Centrali, e su questo non si discute. Nessun possibile negoziato: rigorosamente i posti centrali tra la quarta e la settima / ottava fila, a seconda delle dimensioni dello schermo e della distanza tra prima fila e schermo.

4. Lo Squillare in Sala (anche a film non iniziato) di un cellulare lasciato (anche inavvertitamente) acceso implica l’immediata punizione con taglio della mano rituale sul ceppo in cui il bigliettaio infila le matrici dei biglietti. La cerimonia sarà pubblica, per educare le masse.

5. Durante la Pubblicità si sta zitti e si guarda lo schermo: anche quella è stata girata da un regista (cioè qualcuno molto più bravo a girare dello spettatore, quindi è il caso di mostrare rispetto).
Parlare durante i trailer è quasi altrettanto grave che parlare durante il film (vedi punto 6).

6. Durante il Film *Non si Parla*, mai, MAI, per *nessuna ragione*.
Inoltre si evita di tossire e si respira piano.

Al di fuori del principio d’incendio e altri rischi di morte immediata, non ci sono possibili deroghe a questa regola, il mancato rispetto della quale può scatenare rappresaglie di entità sharoniane.

Se si ha il raffreddore o la tosse non si vada a contagiare altre trecento persone, se si hanno bambini irrequieti li si porti a vedere Monsters Inc. al sabato pomeriggio e non a rompere i coglioni durante i film veri, se non si governa l’animalesco istinto di commentare come se si fosse davanti a Domenica In, si stia a casa a guardare Domenica In e a regredire allo stadio di homo erectus.
Tutti vedono le stesse cose che vedi tu, perché, *PERCHE’* insisti a raccontarle al vicino?

7. Durante l’intervallo (che non dovrebbe nemmeno esistere) è consentito – ma sconsigliato – fare una rapida incursione in bagno per necessità fisiologiche, sempre in silenzio.
Il film non è finito: non c’è il tempo né la voglia di uscire dalla trance per soddisfare i petulanti bisogni di comunicare altrui, che devono essere repressi.

8. Durante i Titoli di Coda si sta seduti e li si legge: si dà il caso che contengano informazioni non secondarie quali i nomi di tutti gli attori e comparse, del montatore e dell’aiuto regista, titoli e autori dei brani presenti nella colonna sonora, e spesso anche il nome del regista, informazione che più di metà degli spettatori di solito ignora.

Durante i titoli di coda è consentito parlare solo per commentare il casting e le varie professioni del cinema (era meglio il gaffer o il best boy grip, ecc). Sulla colonna sonora è d’obbligo il religioso silenzio, poiché scorre così in fretta da richiedere la massima concentrazione.

9. All’Uscita dalla Sala la domanda da NON fare mai a bruciapelo è “ti è piaciuto?” (soprattutto se condita da amenità quali “tu che ti intendi di cinema”).
Importante: *NON si esprimono opinioni* sul film almeno fino al giorno successivo: qualunque cosa detta prima è inaffidabile e a serio rischio di stronzata.

10. All’Uscita dal Cinema lo Spettatore potrebbe essere in stato di trance, e va trattato come un sonnambulo. Non gli si parli. Se proprio si deve, lo si faccia piano e lentamente, senza concetti complessi e comunque sempre senza domande sul film.
Non si chiedano spiegazioni sulla trama: è il classico argomento da tenere per la cena successiva, nella quale forse qualche illuminato avrà la pazienza di risolvere le incomprensioni e arricchire i livelli di lettura più primitivi.

Il thread originale su google gruppi
Un altro thread generato dallo stesso post

Shannara

Shannara (Randomsoft, 1995)
sviluppato da Legend Entertainment – Lori & Corey Cole

Il mercato delle avventure grafiche è oggi in mano a giochi per lo più risibili, osannati da quella stessa critica che dieci anni fa li avrebbe stroncati senza tanti complimenti. Da una parte, raccolte di quesiti della Siusi e giochini modello Settimana Enigmistica, cui script flebili fanno da inutile filo conduttore, dall’altra mediocri epigoni dei classici Lucas e Sierra, caratterizzati da sceneggiature scadenti, enigmi senza capo né coda, passaggi illogici come se piovessero. Il mai nel game design, l’illudere il giocatore con sfavillanti promesse di false possibilità e il tarpargli le ali con illogica inadeguatezza. Se quando stai giocando ti chiedi ogni due minuti “Perché non posso fare questo?”, generalmente la colpa è di chi il gioco l’ha creato, perché non è stato capace di mettere in piedi una struttura narrativa e ludica tale da guidarti in maniera corretta, illudendoti che le possibilità offerte siano le uniche logiche. E questo, nelle avventure grafiche moderne, succede di continuo.

Shannara, per quanto possa essere banale dirlo, è un avventura grafica come non se ne fanno più. E del resto ci mancherebbe pure che non lo fosse, visto che è uscita dieci anni fa. Ha una sceneggiatura di gran qualità, sicuramente intrisa di stereotipi, ma che proprio per questo funziona alla perfezione. Si incastona ottimamente nella mitologia a cui si ispira, dando al primo libro della saga un discreto seguito “apocrifo”. Strutturata come un mix fra l’aspetto delle avventure testuali classiche, da cui eredita la piacevole verbosità delle descrizioni, e l’interattività delle saghe Lucasiane prima maniera, Shannara offre una serie di enigmi ispirati e sempre caratterizzati da una logica ferrea, anche se magari mai particolarmente impegnativi. Paga forse una certa rigidità strutturale, che impone la risoluzione di un singolo ambiente (in genere costituito da non oltre quattro schermate) per poi passare al successivo, ma la costruzione degli enigmi e lo sviluppo della storia sono sufficientemente ben organizzati da non far pesare la linearità. Di sicuro ha i suoi difetti, da ricercare per esempio nel sistema di combattimento, che comunque è tanto accessorio da risultare trascurabile, e nella scarsa qualità dei filmati, in ogni caso pochi e brevi. Ma è e rimane ancora oggi un gioiellino, un romanzo per (solidi) enigmi e (piacevoli) immagini, appassionante da sfogliare, capace di emozionare e divertire, che chiede solo quel minimo di adattamento dovuto a una decade di polvere.

Giusto per…

… essere sicuro che si noti, casomai a qualcuno interessasse, ribadisco:

“Ops, mi hanno appena fatto notare che avevo impostato i commenti al blog come “solo per chi è registrato”. Sono un coglione. Ho risolto.”

A buon rendere.

Smanettando col blog

Blogger.com, purtroppo, non prevede la divisione in categorie dei vari post.
Sono comunque riuscito ad ottenerla smanettando un po’ con l’html, appoggiandomi a del.icio.us e sfruttando il metodo spiegato in questa pagina. Mi sembra un po’ macchinoso, ma funziona, e per il momento può andare.

Già che c’ero, oltre ad aggiungere ovviamente i riferimenti alle categorie in fondo a ogni post, ho registrato il blog su Technorati e ho modificato un po’ la colonna di destra, inserendo i link all’archivio diviso per argomenti e riorganizzando un po’ tutto.

Ah, ho anche inserito un flipbook, che ad ogni aggiornamento della pagina mostra una selezione di fotografie. Una bella cazzata. Cazzata, ma bella.

Oltre a tutto questo, ho anche iniziato a recuperare da usenet un po’ di vecchi miei post cui, per un motivo o per l’altro, sono particolarmente affezionato. Si tratta tendenzialmente di recensioni o articoli su film e videogiochi, che metterò sul blog per tenerli tutti assieme. Per sfizio, li inserirò con la datazione originale, quindi, se ci tenete, potrete accedervi dai link relativi all’archivio.

P.S.
Ops, mi hanno appena fatto notare che avevo impostato i commenti al blog come “solo per chi è registrato”. Sono un coglione. Ho risolto.

Bei momenti #002

– tartine di tre tipi (soppressa, burro e salmone, lardo e miele);
– olive verdi;
– grissinoni con prosciutto crudo arrotolato;
– olive ascolane dell’amica marchigiana;
– cannelloni ricotta e spinaci;
– tortellini di carne in brodo di gallina e manzo;
– faraona ripiena;
– patate duchesse;
– verdure panatefritte;
– cipolline in agrodolce;
– paste del pasticcere figo in centro;
– pandoro, panettone e veneziana;
– burp.

Usenet Amarcord #003


Aprile 1999
La Juventus di Ancelotti è stata eliminata dalla Champions League, perdendo 3 a 2, in casa, contro il grande e fortunato Manchester United, che andrà poi a vincere la finale col Bayern Monaco segnando due gol nei minuti di recupero. Il giorno dopo la partita, andrea, che all’epoca non era ancora stato ribattezzato Mensola, manda su it.fan.studio-vit questo leggendario post, da conservare a memoria imperitura.

gobbus gobbis

PREPARTITA
“dai che li roviniamo.”

1-0
30 secondi di esultanza scomposta.
“grandissimo inzaghi,
ora tutti in difesa e vai di contropiede
cazzo che visione di gioco che c’ha zizou”
primo calo di tensione, il gobbus gobbis si pone più rilassato nei confronti dell’incontro.

2-0
1 minuto di abbracci e salti.
“e quello sarebbe un difensore?
stam dimmerda, superpippo non lo vedi nemmeno.
mitica juve 5° finale cosecutiva”
secondo, clamoroso calo di tensione:
il gobbus gobbis si toglie le scarpe, slaccia la cintura e prende da tazzare.
rutto libero.

PRESSIONE DEL MANCHESTER
il gobbus gobbis sottovaluta.
disinteresse, parla d’altro..
“occhio, c’è un angolo…..”

2-1
23 secondi di silenzio
15 secondi di bestemmie
“ma che è successo?
aspetta, guarda il replay.
ma l’ha anticipato?
ma chi ha sbagliato?peruzzi? -cit-
che gol del cazzo”
defcon 2
il gobbus gobbis si rimette le scarpe,
riallaccia la cintura e si ricompone.

2-2
1 minuto di silenzio misto a bestemmie.
“era fuorigioco!
-replay-
ma ferrara che cazzo combina stasera?
minchia…
e adesso?
chi passa così?
loro?
vabbè. ma ora ci ripigliamo”
generalmente in questo momento entrata trionfale di figura femminile(ragazza-moglie-madre-sorella-amica)
con voce acutissima
“come va la juve?”

1° PALO DEL MANCHESTER
pallore
“allora..
chi era?
pessotto?”
defcon 1

INTERVALLO
clima tesissimo.
rilancio di ottimismo inconscio.
“ci hanno fregato i due gol all’inizio,
ci siamo seduti.
c’è da dire che quando li abbiamo attacati li abbiamo messi in difficoltà,
bene o male dipende da noi
chi può entrare, fonseca?esnaider?(nda ^____^)
dai che si comincia”
sparito qualsiasi elemento di distrazione.(bevande et similia)
riti scaramantici.

IL MANCHESTER CONTINUA AD ATTACCARE
-urlando-
“ma allora?
che cazzo fate?
fuori i coglioni!!!”

2° PALO DEL MANCHESTER
euforia
“alè
sono buoni segnali
nel calcio chi sbaglia paga
dai che ora lo facciamo”

AZIONE 2-3
concitazione
“no! montero!
segalo! segalo!
mano! mano!
esci peruzzi!
ammazzalo!
non è rigore!
-gol-
era rigore!
non esisite il vantaggio sul rigore!
-velocissima elaborazione mentale: ora annulla, espelle peruzzi, da un rigore, in porta entra pessotto, lo para, e poi vediamo chi va in finale-
ma che fa? lo convalida?
-confusione-
ma alla lazio con il perugia…..
-rassegnazione-
ora quanti dovremmo farne?
2?
quanto manca?

INQUADRATURA DI ZIDANE
-braccio teso in evidente segno di disprezzo- “vatteneaffanculoinspagnatuelaputtanadituamoglie!
francese del cazzo
dopo il mondiale tutto l’anno a farsi seghe
tu e quell’altro bastardo di deschamps
mica come di livio”

ULTIMI 2 MINUTI
rancore populista-demagogico
“con tutti i soldi che prendono,
almeno calatevi un po’ di più,
a lavorare, vi manderei.”

FISCHIO FINALE
……….
off

Il thread originale su google gruppi